Pizza alla tirolese

Pizza alla tirolese, una pizza a lievitazione lenta, un cornicione dorato ma sofficissimo e quasi vuoto, da sembrare soffiato, farcita con una base di polpa di pomodoro e mozzarella e con gli ingredienti principali che la rendono una pizza tirolese: speck e funghi.
Il segreto per una pizza tirolese perfetta non esiste, l’unica accortezza è quella di mettere un ottimo speck e solo dopo cottura, sulla pizza calda appena sfornata, in questo modo lo speck darà il meglio.
La pizza tirolese è perfetta per una serata fra amici, una base leggerissima che farcita in questo modo lascerà tutti soddisfatti, perfetta con una birra fresca.

Sponsorizzato da Speck Sudtirol

Pizza tirolese
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    8/9 minuti
  • Porzioni:
    5/6 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

Per la base

  • farina di forza 800 g
  • Acqua 550 ml
  • Olio extravergine d’oliva 20 ml
  • Sale 20 g
  • Lievito di birra fresco 1 g

Per farcirla

  • Speck Alto Adige IGP 300 g
  • Polpa di pomodoro 300 g
  • Mozzarella 250 g
  • funghi trifolati 250 g
  • Origano
  • Sale

Preparazione

  1. Versate la farina e il lievito di birra nell’impastatrice o planetaria, aggiungete qualche goccia di acqua tiepida e iniziate a impastare il composto, proseguite aggiungendo sempre poca acqua alla volta.
    Mentre aggiungete l’acqua vi accorgerete che l’impasto inizierà a prendere forma e incordarsi, quando risulterà perfettamente incordato non aggiungete più acqua ma continuate a lavorarlo per una decina di minuti, questo servirà a dare forza e a formare la maglia glutinica.
    Continuate ad aggiungere l’acqua, versate anche il sale e proseguite allo stesso modo fino a quando l’impasto avrà assorbito tutta l’acqua, se il vostro impasto è stato lavorato correttamente inizierete a notare le bolle d’aria.
    A questo punto aggiungete l’olio, avendo cura di farlo sempre in modo graduale, quando avrà assorbito tutto l’olio, il vostro impasto sarà perfettamente incordato, molto elastico e lucido.
    Spostate l’impasto in una ciotola unta con un filo d’olio, copritelo con pellicola trasparente, fatelo lievitare per 12/14 ore circa, se per pranzo consiglio quindi di impastare la sera prima e tenere l’impasto a temperatura ambiente.
    Quando l’impasto risulterà raddoppiato di volume, ribaltatelo su un piano da lavoro, dividetelo in tre parti e formate tre palline, infarinatele e avvolgetele con una tovaglietta, fatele lievitare per due ore circa.
    Prendete le palline preparate e tre teglie, infarinate le teglie, possibilmente con della semola grossa, stendete le pizze sulle teglie.
    Se l’impasto è stato fatto in modo corretto ed è ben lievitato, man mano che stenderete le pizze si formeranno le bolle.
    Accendete il forno, portatelo a 250° possibilmente ventilato.

    Versate la polpa di pomodoro in una ciotola, conditela con sale e origano e mescolate bene, condite le pizze, lasciando solo i cornicioni. Infornate una pizza alla volta, cuocete la pizza per 5 minuti circa, sfornatela e aggiungete la mozzarella e i funghi trifolati, fate cuocere per altri 3 o 4 minuti circa, i tempi possono variare in base al forno, valutate la doratura desiderata, sfornatela e aggiungete subito le fette di speck.

    Non vi resta che tagliare la prima pizza e portarla subito a tavola mentre cocerete le altre.

Precedente Merluzzo impanato al forno Successivo Focaccia speck e cipolle

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.