Pardulas

Is pardulas, o pardulas de arrescottu sono dolci tipici sardi che cambiano nome in base alla zona, pardulas nel campidanese che poi varia nel nuorese e in altre località, vengono anche chiamate casadinas o in altri “strani modi” che non sto ad elencare! Il loro nome italianizzato è formagelle e si possono preparare con la ricotta o il formaggio fresco, ma rigorosamente di pecora.
Sono in assoluto il dolce tipico della Pasqua in tutta la Sardegna, ottime senza nessuna aggiunta di zucchero o miele sopra, anche se vengono spesso preparate con quella che in Sardegna si chiama “sa cappa” ossia la glassa, io le preferisco al naturale, o a limite con un velo di miele e per presentarle bene con dei diavoletti colarati.
Non vi resta che cimentarvi nella loro preparazione, non è sicuramente velocissima ma molto semplice.

Ricetta Pardulas| Dolce e Salato di Miky

Pardulas

Ingredienti

per circa 40 dolcetti

Per la sfoglia

200 g di farina 00
200 g di semola rimacinata
160 ml d’acqua
40 g di burro o strutto
un pizzico di sale

Per il ripieno

800 g di ricotta di pecora
100 g di zucchero
100 g di farina
1bustina di zafferano
scorza di un limone
scorza di un arancia
2 tuorli
un pizzico di sale

Procedimento

Per la sfoglia
Impastate a mano o con l’impastatrice tutti gli ingredienti insieme, lasciare riposare e procedete con la preparazione del ripieno.

Per il ripieno
Versate la ricotta, i tuorli, la scorza degli agrumi e lo zafferano nella planetaria, lavorate bene fino a formare una crema, aggiungete lo zucchero e la farina e continuate a lavorare tutto.
Se non avete una planetaria va benissimo un semplice frullatore.

Tirate la sfoglia con una sfogliatrice, se non avete la sfogliatrice potete farlo con un mattarello, l’importante è che sia sottile.
Tagliate i cerchi con un bicchiere o un coppa pasta, preparate le palline di ripieno e adagiatele sopra ai cerchi fatti.

Pizzicate la pasta come nela foto.

Pardulas Dolce e Salato di Miky

Cuocete a 180° per 40 minuti circa, i tempi possono variare in base al forno, valutate la doratura.

Potete servirle come appena sfornate, o con miele o glassa a vostro piacimento.
Io solitamente spalmo un po’ di miele ma al momento di servirle solo in quelle che devo servire subito e cospargo con i diavoletti colorati oppure le mangio naturali.

Mi trovate anche su facebook

 

 

 

Precedente Pasta primavera Successivo Salatini con pasta brisè

10 commenti su “Pardulas

  1. licia il said:

    ciao io le ho fatte passo a passo sono buonissime però prima si sono gonfiate e poi
    sgonfiate, perchè?

    • Michela il said:

      A volte è capitato anche a me tempo fa, la ricotta era ben asciutta? Hai usato il lievito o senza?

        • Michela il said:

          Scusa licia non avevo visto il commento,per asciutta intendo se hai fatto proprio scolare la ricotta o con un peso o con una tovaglietta, io la metto bella stretta in una tovaglietta e la lascio tutta la notte in modo da perdere l’acqua.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.