Pane alla birra scura

Pane alla birra scura, perchè con il pane non si finisce mai di inventare ricette diverse, si può variare con la farina, ma si può variare anche con l’aggiunta di ingredienti, classici o insoliti.
Oggi ho scelto la birra scura, la farina di grano duro, un po’ di farina 0 e il risultato è stato un pane infarinato molto rustico, quel pane che è buono anche così, senza bisogno di essere accompagnato da altro, ma se poi siete golosi, niente di meglio che formaggi e salumi per accompagnarlo.
Ovviamente se vogliamo il pane preparato come un tempo e dal gusto unico, il lievito madre è la migliore risposta, se poi non lo avete ma volete comunque impastare qualcosa di buono, con un pizzico di lievito potrete ottenere ottimi risultati comunque.

Pane alla birra scura
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    35/40 minuti
  • Porzioni:
    2 pezzi
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Farina di grano duro 400 g
  • farina 0 200 g
  • birra scura 300 ml
  • Acqua 100 ml
  • lievito madre (o 2 grammi di lievito di birra fresco) 60 g
  • Sale 10 g

Preparazione

  1. Versatela farina e il lievito madre nell’impastatrice, aggiungete l’acqua in modo graduale, poi proseguite con la birra.
    Man mano che i liquidi verranno assorbiti, l’impasto inizierà ad incordarsi e a diventare elastico.
    Una volta che l’impasto risulterà perfettamente incordato aggiungete anche il sale, ultimate con la birra rimasta e lavorate ancora il vostro impasto, per almeno 15/20 minuti.
    I tempi di lavorazione ma anche il metodo sono molto importanti, per ottenere un pane leggero e ben lavorato l’impasto deve incorporare aria, sia che lo facciate a mano sia che lo facciate con un impastatrice o planetaria, il pane deve essere lavorato bene.
    Mettete il vostro impasto in una ciotola unta con un filo d’olio, copritelo con pellicola e un ulteriore copertina, in base alla stagione, fate lievitare per 5/6 ore circa, se fa molto freddo va bene anche una notte.
    Una volta lievitato dividetelo in due, date la forma desiderata, infarinate e fate lievitare di nuovo avvolto da una tovaglietta e una copertina.
    Una volta pronto , quindi raddoppiato (dopo due ore circa) accendete il forno e portatelo a 250°, se avete la pietra refrattaria ancora meglio, quando arriverà a temperatura, infarinate di novo il pane, intagliatelo con un coltellino o una lama apposita facendo i disegni che preferite.
    Infornate a 250°, dopo 10 minuti portatelo a 220° e proseguite la cottura per altri 25 minuti circa, i tempi possono variare in base al forno.
    Anche se leggo sempre che il pane va fatto raffreddare prima di gustarlo, un po’ perchè ancora umido, un po’ per l’alveolatura, io consigli sempre di assaggiarlo appena sfornato, perchè la sua croccantezza, il suo profumo e il suo gusto appena sfornato sono qualcosa di fantastico, considerate che se preparato con lievito madre si manterrà morbido e buonissimo  molto a lungo.

    Mi trovate anche su Facebook

Precedente Tortellini bolognesi Successivo Tortellini fritti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.