Linguine con fave e guanciale

Linguine con fave e guanciale, un primo piatto ricco che sa di primavera, l’arrivo della stagione più calda che coincide con quello delle fave, dei legumi fantastici che si possono oltre che mangiare crude cucinare in tanti modi diversi.
In questo caso viene aggiunto il guanciale, ma invece di cuocerlo con le fave, che sarebbe comunque buono, lo prepariamo separatamente, in modo da ottenere un guanciale dorato e croccante da aggiungere direttamente nel piatto dopo aver versato la pasta, in questo modo si manterrà croccante.
Un piatto leggero? Sicuramente no, ma un ottimo  piatto gustosissimo che si può servire come piatto unico ed è molto semplice da preparare, per ultimare il tutto si può completare con una spolverata di pecorino e pepe a piacere.

Linguine con fave e guanciale

Linguine con fave e guanciale

Ingredienti

Per 3 persone

250 grammi di linguine
100 grammi di fave pulite
80 grammi di guanciale
olio extravergine d’oliva
menta fresca
mezza cipolla
30 grammi circa di pecorino
pepe a piacere

Procedimento

Pulitele fave e tenetele da parte (servono fave piccole).

Tritate finemente la cipolla, rosolatela con un filo d’olio in una padella antiaderente, aggiungete le fave, un po’ di menta tritata e salate, mescolate il tutto e aggiungete mezzo bicchiere d’acqua.

Fate cuocere per un’ora circa con coperchio e aggiungete un po’ di acqua solo se dovessero asciugarsi troppo, i tempi possono variare in base alle fave, se non dovessero essere ancora ben cotte potete allungare i tempi di cottura.

Una volte pronte le fave potete cuocere la pasta avendo cura di scolarla al dente, mentre cuoce la pasta tagliate il guanciale a listarelle e rosolatelo a fiamma vivace senza aggiungere altri grassi, fino a quando non risulterà dorato e croccante.

Scolate la pasta, conservate un mestolo di acqua di cottura, saltate la pasta con le fave e aggiungete l’acqua, se ne necessita.

Versate la pasta nei piatti e ultimate con il pecorino, il guanciale e un po’ di pepe a piacere.

Servite subito.

Mi trovate anche su Facebook

 

Precedente Una torta per Massari con Brita Successivo Frappè di fragole e banane

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.