Conserva di pomodoro

Conserva di pomodoro, come da tradizione anche quest’anno ho preparato le scorte per l’inverno, una di quelle cose che proprio non può mancare nella mia dispensa.
La conserva di pomodoro è molto semplice da preparare, ogni regione o meglio forse dire ogni famiglia ha il suo modo di realizzarla.
Ricordo che un tempo la preparavamo solo con i pomodori dell’orto, la produzione dei pomodori era sempre abbondante e spesso per preparare la conserva ci si riuniva, ora che non vivo in Sardegna come ai tempi di questi ricordi, continuo comunque a prepararla comprando i pomodori, solitamente trovo quelli pugliesi che sono comunque ottimi.
Per preparare la conserva come dicevo ci sono tanti metodi diversi, io faccio bollire i pomodori due volte, una volta a pezzi per una prima cottura e la seconda, una volta macinati, a questo punto è sufficiente versate la conserva nei barattoli mentre bolle per creare il sottovuoto e non sarà necessario far bollire anche i barattoli, un metodo semplice e più veloce.
Ricordo che un tempo invece una volta che il sugo era nelle bottiglie, queste venivano avvolte nella carta di giornale e messe in grossi pentoloni per sterilizzarle, questo metodo non è affatto sbagliato, anzi, è sicuramente il più sicuro consigliato per tutte le conserve, ma procedendo come spiegavo prima avete la stessa sicurezza in meno tempo e sicuramente in modo più semplice, soprattutto perchè non tutti hanno in casa grosse pentole.
Ogni anno mi riprometto di comprare un macinino elettrico per velocizzare la preparazione, ma ogni anno finiamo per prepararla con quello a mano, fortunatamente se è in casa ho sempre l’aiuto di mio marito, considerando che ne preparo sempre tanti kg per volta sarebbe ancora più faticoso da sola, ma non so se passeri a quello elettrico perchè con questo ottengo una conserva molto densa e più che soddisfacente, cose che non ho ottenuto con due macini elettrici che mi è capitato di provare fino ad ora..
Quest’anno, oltre alla conserva, ho preparato come sempre i pomodori secchi, ma anche una novità, la polvere di pomodoro, perfetta per insaporire, colorare o decorare tanti piatti, la cosa ancora più interessante di questa polvere è che l’ho preparata dagli scarti della conserva, il suo colore non è rosso ma arancione, risulta più chiaro per la presenza di molti semi, ma è veramente ottima.
Se c’è una cosa che non può mancare nella mia conserva è il basilico, ogni volta utilizzo molto basilico per renderla più profumata, questo da gusto anche alla fantastica polvere di cui vi parlavo, dimenticavo.. la polvere ottenuta l’ho preparata con l’essiccatore, se non ne avete uno potete prepararla nel forno ma la temperatura non deve superare i 70°.
Dopo tante parole, tra consigli e ricordi passiamo alla preparazione della conserva e a ciò che vi serve per prepararla.

Conserva di pomodoro
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • pomodori San Marzano
  • basilico
  • sale

Preparazione

  1. Lavate accuratamente i pomodori e il basilico, tagliate i pomodori a pezzi grossolani, in quattro o sei pezzi in base alle dimensioni.
    Versate i pomodori in una o più pentole, aggiungete una manciata di sale grosso e abbondante basilico, mettete il coperchio e accendete la fiamma.
    Portate a ebollizione e cuocete i pomodori fino ad ammorbidirsi, 15/20 minuti circa dopo l’ebollizione, una volta che i pomodori risulteranno morbidi quindi a un buon punto di cottura è il momento di macinarli.
    A questo punto fissate il passapomodoro su un tavolo, mettete una ciotola per gli scarti e una bacinella capiente o un pentolone per la salsa macinata.
    Macinate i pomodori, e ripassate gli scarti almeno due o tre volte in modo da sfruttarli al meglio e ridurli al minimo.
    Una volta macinati tutti i pomodori, versate di nuovo tutto nelle pentole e portate a ebollizione, fate bollire per una decina di minuti, poi mettete la fiamma al minimo.

  2. Conserva di pomodoro

    A questo punto, preparate le bottiglie, vi consiglio di utilizzare quelle con la bocca larga per facilitare il tutto, se utilizzate queste e un imbuto con bocca larga sarà tutto molto più veloce.
    Vi consiglio di tenere ferma la bottiglia con uno strofinaccio, io lo trovo più comodo di una semplice presina, riempitela utilizzando un mestolo e l’imbuto, poi sigillate con il tappo, proseguite allo stesso modo fino ad ultimare la salsa.
    Se possibile vi consiglio di mettere le bottiglie preparate in grosse bacinelle con delle coperte, un metodo della nonna sempre valido, in questo modo resteranno al caldo più a lungo, le sistemerete con calma una volta che risulteranno ormai fredde.
    Procedendo in questo modo, si formerà il sottovuoto e non avrete problemi di conservazione.

  3. Se volete provare un metodo veloce, (ma non ditelo alle nonne) potete procedere come nella parte iniziale, ossia, tagliate i pomodori, li fate bollire fino ad ammorbidirsi, li fate intiepidire leggermente e frullate tutto con un mixer a immersione, in questo modo riuscirete a macinare anche la buccia, ma resteranno i semi, se non vi preoccupa questo dettaglio, ma amate la polpa rustica e densa, questo metodo è veloce ed è un’ottima alternativa, una volta finito con il mixer, vi comporterete allo stesso modo, facendo bollire la polpa macinata e versandola nelle bottiglie.

  4. Conserva di pomodoro

    Parliamo degli scarti, se non volete sprecare nulla e avete un essiccatore, mettete gli scarti sui ripiani negli appositi tappetini o su carta forno, inserite i ripiani nell’essiccatore, selezionate 70° e calcolate 12/13 ore circa, i tempi possono variare in base all’essiccatore ma anche in base a quanto sono stati sfruttati gli scarti, quindi se più o meno asciutti.
    Una volta che gli scarti risulteranno perfettamente secchi, macinateli fino a risultare in polvere.
    Versate la polvere di pomodoro in un barattolo di vetro.
    Potete utilizzare la polvere per qualunque ricetta, zuppe, risotti, spaghetti, pasta fresca, bruschette o per decorare i piatti.

  5. La conserva di pomodoro è pronta, non vi resta che provare anche voi.

Consigli

Se non avete l’essiccatore ma volete preparare la polvere di pomodoro, impostate il forno a 60°/70° e procedete allo stesso modo.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Precedente Meringhe nell'essiccatore Successivo Alici secche

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.