Bucce di fave fritte

Bucce di fave fritte, per chi non lo sapesse la bucce delle fave, i baccelli è commestibile, io stessa non l’avevo mai mangiata prima e ho deciso di provare.
La buccia di fave, in alcuni luoghi sempre scartata, in altri mangiata separatamente come in questo caso, ma anche portata a tavola cotta insieme alle fave, le ricette sono infinite e variano in base al luogo.
Per preparare questa ricetta scegliete le fave più tenere, se utilizzate i baccelli delle fave grandi rischiate che siano legnosi, ovviamente la raccomandazione principale è quella di lavare in modo molto accurato i baccelli e possibilmente lasciarli ammollo con amuchina o bicarbonato.
Una volta che avrete lavato accuratamente i baccelli vi basterà sbollentarli e decidere come volete portarli a tavola, potrete friggerli in pastella o impanati, ottimi in entrambi i modi, io preferisco quelli in pastella, ma vi lascio entrambe le proposte.

Bucce di fave fritte
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni3 persone
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Bucce di fave in pastella

  • 200 gBaccelli fave
  • 1Uovo
  • 100 gFarina 00
  • 100 mlLatte
  • q.b.Sale

Bucce di fave impanate

  • 200 gbaccelli di fave
  • 1Uovo
  • 150 gPane grattugiato

Per la cottura

  • 500 mlOlio di semi di arachide

Preparazione

Primo passaggio

  1. Sgranate le fave, lavate accuratamente i baccelli sotto l’acqua corrente, poi mettete in una ciotola piena d’acqua con amuchina o bicarbonato, poi sciacquatele ancora una volta sotto l’acqua corrente.
    Preparate una pentola con abbondante acqua salata, portatela a ebollizione, quando arriverà a bollore, versate i baccelli delle fave e cuoceteli per 3/4 minuti circa.
    Scolate i baccelli e fateli asciugare bene, poi passate alla prossima preparazione.

Bucce di fave in pastella

  1. Bucce di fave fritte

    Versate l’uovo in una ciotola, aggiungete la farina e il sale necessario, amalgamate la farina aggiungendo il latte a filo lentamente in modo da non creare grumi.
    Una volta ottenuta una pastella liscia e cremosa, versate l’olio in una padella capiente, scaldatelo e una volta caldo, bagnate i baccelli nella pastella e versateli nell’olio, cuoceteli fino a completa doratura, una volta dorati, scolateli e adagiateli su carta assorbente.

Bucce di fave impanate

  1. Bucce di fave fritte

    Versate l’uovo in una ciotola, aggiungete il sale necessario e mescolatelo con una forchetta.
    Versate il pane grattugiato in un piatto, passate le bucce delle fave prima nell’uovo poi nel pane grattugiato.
    Versate l’olio in una padella capiente, scaldate l’olio e cuocete le bucce delle fave fino a completa doratura, una volta dorate, scolatele e adagiatele su carta assorbente.

A cottura ultimata

  1. Vi ho proposto le bucce di fave in pastella e le bucce di fave impanate, entrambe le ricette si preparano in olio ben caldo.
    Quando le bucce delle fave saranno cotte, salate in superficie e portatele subito a tavola, ottime calde.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Precedente Pane integrale con autolisi Successivo Pane rustico

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.