Alberello di danubio dolce

Alberello di danubio dolce, un lievitato sofficissimo ideale per la prima colazione o per la merenda, perfetto anche da portare a tavola durante le feste al posto del classico panettone, dopo il successo dell’Angelica ho voluto sperimentare la stessa ricetta ma con forma diversa e l’idea è andata a buon fine.
Ideale se avete ospiti per le feste di Natale, ma anche come dono se siete invitati, il figurone è garantito e lo gradiranno sicuramente più di un dolce confezionato.
Un lievitato non si sa mai come classificarlo, semplice o complicato, facile o difficile, dipende, se non avete l’abitudine di preparare i lievitati può sembrare un po’ un’impresa, ma se seguite la ricetta passo passo può essere tutto semplificato.
Io amo utilizzare il lievito madre, tutto è più naturale e sia dolci che salati si mantengono meglio nel tempo, ma se non si ha il lievito madre, con i giusti metodi si possono ottenere ottimi risultati anche con il lievito di birra, il segreto principale per un’ ottima riuscita è usarne poco.

Alberello di danubio dolce
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    45 minuti
  • Cottura:
    30 minuti
  • Porzioni:
    14 pezzi
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

Per la base

  • Farina 400 g
  • latte 150 ml
  • burro 130 g
  • Zucchero 70 g
  • lievito madre 90 g
  • tuorli 3
  • Sale 1 cucchiaino

Per la glassa

  • albumi 12 g
  • Zucchero 50 g

Preparazione

  1. Alberello di danubio dolce

    Versate farina e lievito madre nell’impastatrice (potete anche impastate a mano) iniziate a lavorare l’impasto versando il latte a filo.
    Essendo poco il quantitativo del latte, rompete subito le uova e separate i tuorli dagli albumi, mescolate i tuorli con una forchetta e aggiungeteli poco alla volta all’impasto, intervallandoli con lo zucchero, l’impasto inizierà a legare, quando noterete che inizierà ad incordarsi aggiungete anche il sale e continuate sempre a lavorare l’impasto.
    Tagliate il burro a pezzetti e versate pochi pezzi per volta, proseguite aggiungendo il burro man mano che lo avrà assorbito, fino ad ultimarlo.
    Quando il vostro impasto sarà pronto risulterà, morbido, elastico e profumato, trasferitelo in una ciotola unta con un po’ di burro, copritelo con pellicola e fatelo lievitare per una notte (coperto ulteriormente in base alla temperatura) a seconda della temperatura possono bastare anche 5/6 ore, quindi da valutare, l’importante è che raddoppi di volume.

    Una volta che il vostro impasto sarà raddoppiato di volume, ribaltatelo su un piano da lavoro, dividetelo in palline di circa 60 grammi l’una, per formare il vostro alberello ve ne serviranno 14.
    Se avete uno stampo adatto potete adagiare li le palline, ma non è indispensabile, si riesce ad ottenere la forma anche senza, quindi anche sulla leccarda con carta forno.
    Coprite con pellicola, tenete di nuovo al caldo per due ore circa o comunque fino a raddoppio.
    Infornate a 180° e fate cuocere per 30 minuti circa, i tempi possono variare leggermente in base al forno.

    Una volta sfornato lasciatelo raffreddare, poi prendete una ciotola, versate l’albume e lo zucchero, mescolate bene con una forchetta fino ad ottenere una crema fluida bianca.
    Decorate versando a filo con la forchetta, ultimate il tutto con granella di zucchero bianca.
    Fate asciugare, poi servite, ottimo se consumato il giorno, ma buono e soffice per giorni se conservato in un semplice sacchetto da freezer.

    Mi trovate anche su Facebook

Consigli

Se non avete il lievito madre, potete utilizzare il lievito di birra, se optate per un metodo veloce aggiungete semplicemente 2 grammi di lievito di birra fresco all’impasto e fate lievitare fino al raddoppio.
Se volete ottenere un risultato migliore, preparate una biga con 100 grammi di farina 50 millilitri di acqua e due grammi di lievito di birra fresco, amalgamate il tutto, coprite con pellicola e tenete al caldo, fate lievitare fino al raddoppio, anche 5/6 ore, in base alla temperatura, poi utilizzate la biga al posto del lievito madre.

Precedente Tronchetto di Natale al salmone Successivo Insalata di verdure e gamberetti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.