Tarallini cacio e pepe con esubero

IMG_2428

 

Oggi nuova ricetta di tarallini!

Questa volta ho provato a realizzare i tarallini cacio e pepe, in modo da replicare i sapori di un primo piatto romano che mi piace molto. Sto arricchendo la sezione delle ricette con esubero con diverse varianti di tarallini, proponendo ogni volta gusti diversi, dopo quelli alla “pizzaiola”, alla birra, alla cipolla, e così via… Si tratta di ricette realizzate per smaltire l’esubero di pasta madre, cioè quell’eccesso del lievito che avanza e che non viene rinfrescato perchè magari è troppo e che non si utilizza perchè le ricette solitamente richiedono pasta madre rinfrescata.

Ricordo che gli esuberi si possono conservare in frigorifero, coperti, per circa 15 giorni e nel mio blog c’è una sezione di ricette con esubero, cui potete attingere per qualche altra idea.

I tarallini cacio e pepe credo che vi piaceranno, sono molto sfiziosi, io li ho realizzati con molto pepe, la cui quantità è ovviamente indicativa. Ecco come ho preparati!

Ingredienti per una teglia di tarallini

  • 200 g di esubero di pasta madre solida
  • 110 g vino bianco secco
  • 50 olio evo
  • 6-7 g di sale
  • 100 g di semola rimacinata
  • 150 g di farina tipo 0 o 00
  • 50 g di pecorino grattugiato
  • pepe nero (un cucchiaino o a piacere)

Chi ha il licoli, metterne 130 g ed integrare con 70 grammi in più di farina.

Preparazione

In una ciotola sciogliere bene gli esuberi di pasta madre (i miei erano piuttosto vecchi. Se sanno di acido, mettere un pizzchino di bicarbonato) spezzettati nel vino, aggiungete l’olio extravergine ed amalgamate, poi iniziare ad aggiungere gradualmente i due tipi di farina (mixata) con il pecorino grattugiato e impastare. Unire il sale, il pepe e infine il resto della farina. Impastare fino ad ottenere un impasto omogeneo, morbido ma non troppo duro.

Far riposare l’impasto per 20-30 minuti, coperto da un canovaccio o da una ciotola “a campana”.

IMG_2412

Trascorso questo tempo, procediamo a realizzare i tarallini: formate prima dei cilindretti spessi circa 1 cm ed incrociateli, chiudendo ad anello e schiacciando le due estremità con il polpastrello.

Adagiate i tarallini su una teglia da forno e pre-riscaldate il forno a 200° (statico, se avete il ventilato mettete 190°)

IMG_2414

 

Cottura

Far cuocere per circa 30 minuti totali o finché non siano ben dorati e croccanti, imbionditi ma non troppo scuri in superficie. Dopo 15 minuti ho abbassato la temperatura a 180° e girati sottosopra e cotti per 15 minuti, poi ho abbassato a 160° e fatto stare altri 5 minuti per asciugarli anche internamente, con sportello del forno semi aperto (consiglio di provarne uno per saggiarne la consistenza). Sfornare e far raffreddare i tarallini sulla teglia.

Ecco i miei tarallini cacio e pepe!

.IMG_2422

 

Una volta raffreddati (fate raffreddare bene prima di rinchiuderli), conservare in sacchetti per alimenti ben chiusi oppure in scatole di latta: si conserveranno a lungo mantenendosi croccanti e friabili.

Ma dubito che dureranno a lungo, vengono sempre spazzolati nel giro di poche ore! 😉

.IMG_2430

 

Tarallini davvero molto particolari nel gusto, ve li consiglio. Sono molto sfiziosi e saporiti!

Provateli e fatemi sapere se sono piaciuti anche a voi.

IMG_2426

 

Alla prossima!

Se vi è piaciuta questa ricetta, vi invito a cliccare “Mi piace” su questa paginahttps://www.facebook.com/pages/Dolcesalatoconlucia/441574555973258 per non perdervi tutte le novità!

Pubblicato da dolcesalatoconlucia

Ciao a tutti, ho 30 anni, vivo e lavoro in prov. di Napoli e ho una grandissima passione per la cucina. Il mio interesse è rivolto parimenti al dolce quanto al salato. Spero di poter dare un forte contributo e aiutarvi nelle vostre creazioni!

2 Risposte a “Tarallini cacio e pepe con esubero”

  1. Ciao Angela, ti riporto la conversione 🙂

    Ingredienti per una teglia di tarallini

    330 g di farina
    120 g vino bianco secco
    60-65 olio evo
    6-7 g di sale
    50 g di pecorino grattugiato
    pepe nero (un cucchiaino o a piacere)

    fammi sapere,
    Lucia 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.