Crea sito

Scrivi gelato cappuccino, ma è la Coppa del Nonno!

Gelato Coppa del nonno

Gelato Coppa del nonno
Gelato Coppa del nonno

 

Non sapevo quale titolo dare alla ricetta del gelato odierna. Ero partita dall’idea di realizzare un gelato gusto “cappuccino“, ma in corso d’opera io e il mio amore Francesco-Polvere di grano ci siamo accorti che ne sarebbe venuto fuori un gelato davvero speciale,

la Coppa del nonno!

Sì, ve lo posso giurare, stavolta è proprio uguale uguale, il sapore è proprio quello, il mio gelato dell’infanzia, amatissimo, mia nonna mi faceva sempre trovare la Coppa del nonno in freezer. Nel blog c’è già una ricetta di gelato simil coppa del nonno, buonissimo ma più tendente al caffè, quello odierno pare davvero proprio quello originale!

Quindi, oggi vi voglio far vedere come ho realizzato un buon gelato gusto cappuccino, alias Coppa del nonnoin cui -come di consueto- ho utilizzato alcuni ingredienti che ci aiutano ad ottenere un buon gelato casalingo, cremoso, che non cristallizzi in freezer: il latte in polvere, il destrosio e la farina di semi di carrube. Tutti ingredienti che – repetita juvant – migliorano la texture del gelato e impediscono la formazione dei fastidiosi cristalli di ghiaccio in freezer. Le carrube contengono, infatti, pectina, un gelificante ed addensante molto utile in cucina e ovviamente fondamentale per la preparazione di un ottimo gelato, come in gelateria!

Gelato Coppa del nonno
Gelato Coppa del nonno

E ora vediamo la ricetta di questo gelato e come di consueto vi invito a dare un’occhiata alla sezione  “Gelati & sorbetti” del blog per altri fantastici gusti di gelato!

E presto ce ne saranno altri.

Gelato Coppa del nonno
Gelato Coppa del nonno

Ingredienti per circa 800 g di gelato

  • 350 g di latte intero
  • 130 g di acqua*
  • 200 g panna fresca al 33-36% di grassi
  • 25 g di preparato per cappuccino in polvere liofilizzato
  • 45+ 22 g di zucchero semolato
  • 65 g di destrosio
  • un pizzico di sale (0,3 g)
  • 55 g di latte magro in polvere
  • 4,5 g di farina di semi di carrube

*potete sostituire parte dell’acqua con del caffè espresso ;), ad esempio 30 g

Per guarnire

  • cacao amaro
  • cialde a piacere

Preparazione

In una pentola riscaldate il latte e l’acqua con la prima parte di zucchero, il pizzico di sale e il destrosio e portate a 40°. Raggiunta questa temperatura, unite la panna liquida e il cappuccino liofilizzato (esistono varie marche in commercio, Nescafè, Ristora, Crastan…), mescolate e portate a 45°, mescolando di continuo. A parte mescolare le polveri: il latte in polvere, lo zucchero residuo e la farina di semi di carrube. Unite le polveri al composto e mescolare, poi frullate con un minipimer per rendere omogeneo il composto. Portate a 85° per pastorizzare il composto mescolando con una frusta a mano, di continuo. Se non avete il termometro da cucina (che comunque consiglio di procurarvi), la crema sarà pronta quando si sarà leggermente addensata e velerà il cucchiaio. Occorreranno circa una decina di minuti.

IMG_2879

Trasferite la crema al cappuccino in una ciotola di vetro e fate raffreddare il più velocemente possibile, avvalendovi anche di un bagnomaria di acqua e ghiaccio. Mescolate di tanto in tanto. Prima di utilizzare questa base, fate maturare almeno 4-5 ore in frigorifero (oppure tutta la notte, coperta da pellicola).

Dopo qualche ora di raffreddamento, emulsionate col frullatore ad immersione e versate il composto nel cestello refrigerante della gelatiera, che avrete preventivamente fatto raffreddare per circa 24 ore. Azionate la gelatiera e fate mantecare per circa 30-40 minuti o finchè il gelato è pronto (la tempistica ovviamente varia dal modello di gelatiera che avete. Io uso quella del Kenwood).

IMG_2881

Una volta mantecato il gelato, versatelo in una confezione di plastica con coperchio. Riporre il gelato in freezer per almeno 2-3 prima di servire. Prima di servire il gelato, è preferibile tirarlo dal congelatore qualche minuto (quanto prima dipende dalla temperatura ambiente, ovviamente) prima di servirlo, in modo che si ammorbidisca un poco. Servite il vostro gelato nelle coppette (magari proprio quelle de La Coppa del nonno, se le avete conservate;) ) e decorare a piacere, ad esempio con una spolverata di cacao amaro.

Gelato Coppa del nonno fatto in casa.

IMG_2898
Buonissimo! Anche più dell’originale.

Seguite questa ricetta, non ve ne pentirete. Sarà un gelato apprezzatissimo dai grandi e dai piccini! Fatemi sapere! 🙂

IMG_2911

 

Se vi è piaciuta questa ricetta, vi invito a cliccare “Mi piace” su questa pagina https://www.facebook.com/pages/Dolcesalatoconlucia/441574555973258 per non perdervi tutte le novità!

 

Pubblicato da dolcesalatoconlucia

Ciao a tutti, ho 30 anni, vivo e lavoro in prov. di Napoli e ho una grandissima passione per la cucina. Il mio interesse è rivolto parimenti al dolce quanto al salato. Spero di poter dare un forte contributo e aiutarvi nelle vostre creazioni!

6 Risposte a “Scrivi gelato cappuccino, ma è la Coppa del Nonno!”

    1. Ciao Maria, no non sono la stessa cosa

      La farina di carrube è utilizzata come sostituto del cacao, mentre quella di semi di carrube è un addensante

  1. Ciao Lucia,
    In questa ricetta, posso sotituire al cappuccino liofilizzatoe il caffè espresso?
    Se si, in che quantità mi consigli?
    Grazie mille!
    Michela

  2. Ciao Lucia…
    Rileggendo bene gli ingredienti ho notato una certa stonatura tra la quantità di zucchero e di destrosio…sapevo che quest’ultimo doveva essere circa il 15-20% dello zucchero…ma qui sono praticamente nella stessa quantità!come mai?…lo zucchero non è un po’ pochino??
    Grazie mille
    Ciao

  3. Ciao Michela! Nel bilanciamento degli zuccheri in una ricetta di gelato la cosa importante è il calcolo del cosiddetto “pac” (potere anticongelante) e siccome usi una polvere non zuccherata occorre aumentare un po’ lo zucchero comune (il saccarosio) perché ha un maggiore potere dolcificante, e nello stesso tempo il destrosio ha un potere dolcificante inferiore ma contribuisce ad evitare la cristallizzazione.

    Per quanto riguarda il caffè, penso che potresti unire almeno 100 g di caffè espresso ma voglio precisare che il caffè apporta acqua quindi un po’ l’equilibrio tra gli ingredienti viene “sballato”, in quanto il caffè liquido apporta meno polveri e più acqua. ovviamente si potrebbe ovviare sostituendo parte dell’acqua con il caffè… e inoltre meno sapore, quindi consiglierei di aggiungere un po’ di caffè in polvere solubile per rafforzare il sapore del caffè 😉
    Infine, così facendo si avrà un gelato gusto caffè, non “cappuccino” qual è la coppa del nonno.
    Se cerchi un gelato che sa veramente di CAFFE’ ti consiglierei quest’ltra ricetta… 😉 https://blog.giallozafferano.it/dolcesalatoconlucia/gelato-coppa-del-nonno-fatto-in-casa-ricetta-con-foto/

    Prova, fammi sapere!
    Lucia

  4. Ciao Lucia!
    ti aggiorno…
    Prima di tutto grazie dei consigli che mi hai dato:utilissimi!…
    Alla fine ho optato per questa ricetta in quanto volevo un gelato senza uova, ma ho apportato una piccola modifica: ho sostituito buona parte dell’acqua con del caffè e precisamente 100g di acqua con 100g di caffè espresso (penso che sostituire tutta l’acqua avrebbe dato ancora più enfasi al gusto caffè!) ed eliminato la povere di cappuccino in quanto non l’avevo a disposizione…risultato: gelato ottimo,cremoso, dolce al punto giusto e con un buonissimo sentore di caffè!!!!
    Che dire!!ricetta stupenda che tranquillamente si può adattare in base a ciò che si ha in casa sul momento 😉
    Grazie mille , Lucia!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.