Crea sito

Pan bauletto tricolore, ossia facciamolo variegato ai tre gusti!

Pan bauletto tricolore

Pan bauletto tricolore
Pan bauletto tricolore

 

Ormai conoscete i miei pan bauletti, vero? Li ho fatti in tutte le versioni (o quasi), perchè adoro fare colazione con il pan brioche realizzato in casa, da tagliare a fette e su cui spalmarvi confettura o crema alle nocciole e da pucciare nel caffellatte. Tra i tanti pan bauletti, quello che ha riscosso un particolare successo è quello bicolor, con effetto scacchiera. Non so più quanti di voi abbiano provato questa ricetta!

Il mio era, però, finito quindi urgeva preparare qualcosa per le mie colazioni homemade ma, come sapete, sono sempre alla ricerca di nuove idee da proporre per il blog. Così è nato questo pan bauletto ai tre colori, cioè variegato ai tre gusti! Non esiste nel web, credo, un pan bauletto come questo, sono troppo orgogliosa e felice di presentarvi questa ricetta e il mio pan brioche tricolore!

Qui l’effetto scacchiera è più evidente e netto, ma tricolore!

Il pan bauletto tricolore è una gustosa alternativa al solito pan bauletto, colorato con i colori  naturali del cacao amaro e del caffè, da cui prende anche i gusti, armonizzandosi tra loro, dando vita a un mix fantastico di sapori. E il risultato è molto carino esteticamente, non trovate? E’ un pan bauletto morbidissimo, dolce al punto giusto, e ovviamente davvero molto buono, ideale per colazione o la merenda, o per uno spuntino, anche da solo, senza spalmarvi alcunchè!

pan bauletto tricolore
pan bauletto tricolore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vediamo ora la ricetta di questo mio pan brioche tricolore. Io l’ho realizzato con pasta madre ma di seguito darò le indicazioni per prepararlo anche con il li.co.li. e con il lievito di birra,  per chi non dispone del lievito naturale. La ricetta è molto simile a quella del mio pan bauletto allo yogurt, non contenendo uova o burro, quindi anche molto leggero!

La ricetta è corredata di tutorial fotografico per la disposizione dei tre tipi di impasto nello stampo.

La ricetta è per uno stampo da circa 1 kg, lungo 28 cm (misura interna).

Ingredienti per l’impasto

  • 130 g pasta madre rinfrescata
  • 450 g di farina totale

(io ho messo 200 g di farina W 320, 150 g di buratto Mulino Marino bio W 280 e 100 g di farina di tipo 0 bio Mulino Marino, W 260). Voi potreste mettere ad esempio 100 g di farina di manitoba e 350 g farina tipo 0, oppure usare farine macinate a pietra, etc. Se però utilizzate farine troppo scure, rischiate che la parte bianca non si discosti molto da quella al caffè…

  • 1 vasetto di yogurt bianco neutro da 125 g (per me kefir)
  • 90-100 g di latte intero (o metà con acqua)
  • 1 cucchiaino di malto (io di riso oppure potete mettere miele)
  • 100 g di zucchero
  • 6 g di sale
  • 40 ml di olio di semi (o di oliva)

Per la parte bianca

Per la parte al caffè

  • 50 ml di caffè espresso zuccherato
  • 30 g di farina
  • 1 cucchiaino di caffè solubile (se lo avete)

Per la parte al cacao

  • 2 cucchiai di cacao in polvere (30 g)
  • 4 cucchiai di acqua o latte (circa 20 ml)
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • farina (se l’impasto lo richiede, un cucchiaio)

Note sul lievito

Se avete il li.co.li., usarne 90 grammi, e aggiungere 50 g di farina in più nell’impasto.

Se non aveste il lievito madre, potreste utilizzare il lievito di birra per preparare questo pan brioche.

Vi riporto le dosi, avendo l’accortezza di regolarvi con i liquidi.

Ingredienti per l’impasto con lievito di birra

  • 450 g di farina totale (es. 150 g farina di manitoba + 300 g farina 0)
  • 8-10 g di lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaino di miele
  • 100 g di zucchero
  • 1 vasetto di yogurt bianco da 125 g
  • 80 g di latte
  • 40-50 g acqua
  • 6 g di sale
  • 40 ml di olio di semi

Preparazione

Rinfrescare la pasta madre. Al raddoppio, nella ciotola della planetaria mettere il lievito spezzettato, aggiungere il latte a temperatura ambiente (o tiepidino) e il malto e far sciogliere il lievito con la frusta a foglia. Aggiungere poi lo yogurt e avviare la frusta, unendo pian piano metà della farina, aggiungendola gradualmente e alternando con lo zucchero e mescolare a bassa velocità, fino ad amalgamare il tutto. Aggiungere il sale, poi il resto della farina, sempre gradualmente. Passate al gancio quando vedete che l’impasto si fa più consistente ed impastate finché il liquido sia assorbito del tutto dalla farina.

Quando avrete ottenuto un composto omogeneo e abbastanza sodo, aggiungete l’olio a piccole dosi e a filo, non aggiungendo il successivo se il precedente non si è amalgamato all’impasto. Dovrete ottenere un composto liscio, omogeneo ed incordato.

Se non avete la planetaria, potete impastare a mano: l’ordine di inserimento degli ingredienti non cambia.

*****************

Procedimento con il lievito di birra

Sciogliere il lievito di birra nel latte a TA o appena appena tiepido. Disporre la farina con lo zucchero in una ciotola, aggiungere il latte con all’interno disciolto il lievito, poi l’acqua, lo yogurt ed impastare. Unire il sale e continuare ad impastare. Per ultimo va aggiunto l’olio (come tutti i grassi, come burro etc.), a filo e piano piano, facendolo incorporare bene. Impastare fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Procedere alla divisione dell’impasto in 3 parti come descritto di seguito.

*****************

L’impasto finito peserà 940 grammi circa, più o meno.  Dividetelo in 3 parti, di cui una più grande, da 360 grammi cui aggiungerete l’aroma vaniglia.

Gli altri due pezzi saranno più piccoli perchè con l’aggiunta del caffè e del cacao arriveranno al peso della parte bianca. Quindi, gli altri due pezzi peseranno all’incirca 290 g ciascuno.

Parte scura

In una ciotolina stemperate il cacao con il latte q.b. fino ad ottenere una pastella piuttosto densa. In questo modo, l’impasto si colorerà più facilmente.

IMG_0057

Impastare aggiungendo la pasta di cacao, lo zucchero al secondo pezzo di impasto ed impastate fino a che il cacao avrà colorato uniformemente l’impasto. Se occorre, aggiungete un po’ di farina, io l’ho fatto.

Parte al caffè

In un’altra ciotola dov’è il 3° impasto rimanente aggiungete la pastella al caffè.

IMG_0584

Se occorre, aggiungete un altro po’ di farina fino ad ottenere un impasto sodo ed omogeneo. Io l’ho fatto.

Ora sulla spianatoia fate un giro pieghe a tre ai tre tipi di impasti, poi pirlate arrotondandoli e fate riposare coperti a campana per circa 45 minuti.

IMG_0585

A questo punto potete metterli in frigo per tutta la notte, per una migliore gestione delle tempistiche (ma non solo).

*******************
Se avete utilizzato il lievito di birra.

Far lievitare un paio d’orette i tre impasti in tre ciotole separate, coperte da pellicola. Far lievitare in un luogo caldo e riparato, fino al raddoppio degli stessi.

*******************

Se li avrete messi nel frigo, al mattino seguente, tirate gli impasti dal frigo, fate acclimatare (il tempo è indicativo, dipende dalla temperatura ambiente e dal vostro frigo, io 3 ore circa, di cui ultima ora al calduccio…) e rovesciateli sulla spianatoia. Dovrete staccare da ciascun impasto 10 pezzi dallo stesso peso, per un totale di trenta pezzi.

IMG_0605

Ora viene la parte più noiosa del procedimento.

Ma è questo che determinerà l’effetto finale così carino 😉

Praticate un giro di pieghe a tre a ciascun pezzetto e pirlate ottenendo 30 palline tonde (questo aiuterà nello sviluppo, nell’alveolatura e sofficità del pan brioche).

IMG_0606

 Formatura del pan bauletto tricolore

Adagiare le palline di impasto arrotondate nello stampo da plumcake precedentemente spennellato di olio di semi, alternando i colori.

Seguite lo schema che vi farò vedere.

Le palline andranno disposte su 2 livelli nello stampo, alternando i colori

  • 1° livello: disponetele in questo modo:

IMG_0607

  • 2° livello, disponete le ultime 10 palline sopra le palline già collocate nello stampo, alyernando i colori:

IMG_0608

Coprite lo stampo con un foglio di pellicola e far lievitare fino al raddoppio in un luogo caldo e riparato. Ci vorranno circa  8 ore circa di lievitazione, il tempo in realtà dipende dalla forza del vostro lievito e dalla temperatura esterna, per cui si tratta di tempi indicativi, non guardate l’orologio ma lo sviluppo del pan brioche nello stampo. Io consiglio di impostare la temperatura dell’ambiente di lievitazione sui 26°-27° almeno, aiutandovi con lucina del forno o pentolino d’acqua calda. Siccome c’è sia il cacao che il caffè, ci metterà un po’ più di tempo a crescere (io 10 ore).

IMG_0627

******************

Con lievito di birra.

Procedere alla formatura delle palline come descritto sopra, adagiarle nello stampo e far lievitare fino al raddoppio (2 orette o comunque regolatevi a vista). Infornare come descritto di seguito.

********************

Al raddoppio, spennellate delicatamente la superficie del pan bauletto con un po’ di latte ed infornare in forno statico e preriscaldato a 170° per circa 35 minuti circa. Se il pan brioche dovesse scurirsi troppo in superficie, coprire con un foglio di carta argentata.

IMG_0628

Sfornare e far raffreddare il pan bauletto per circa 15 minuti, poi estrarlo delicatamente dallo stampo e far raffreddare su una gratella per qualche ora.

Quando sarà ben freddo, conservare il pan brioche in un sacchetto per alimenti ben chiuso.

Gustare il pan bauletto tricolore per le vostre colazioni e/o merende!

IMG_0632

Con la pasta madre, si conserverà per qualche giorno (sempre se non finirà prima!).

Tagliare a fette con un coltello dalla lama seghettata e gustare!

 

pan bauletto tricolore

 

Ottimo a colazione o per merenda, farete un figurone!

Non è carinissimo l’effetto interno?

 

IMG_0640 IMG_0638

 

 

 

Primo piano dell’effetto scacchiera

Non è bellissimo l’interno che si viene a creare con l’alternanza dei tre colori? Che ne pensate? 🙂

IMG_0636.

Sono davvero molto soddisfatta, è stato un esperimento e mi è piaciuto come è venuto, sia come effetto che come sapore!

E’ molto soffice, anche le parti con il cacao e il caffè, spero si noti.

Una parte delle fette le ho congelate, mettendole in freezer.

In questo modo mi basta tirare le fette che occorrono la sera prima di andare a dormire per mangiarlo a colazione oppure basterà scongelarle per qualche secondo al microonde.

Provatelo, farete una colazione super, specie con Nutella o crema spalmabile alle nocciole!

 

2015-02-01 13.11.20

 

 

 

 

 

 

 

Ma anche da solo si lascia apprezzare tantissimo, io ne ho mangiate subito due fette così, senza nulla sopra, che buono che era! 🙂

2015-02-01 13.03.32

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Provatelo e lasciate un commento se volete

Ecco un’ultima foto, ogni fetta non sarà mai uguale all’altra, è questo il bello! 🙂

2015-02-01 13.16.08

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se vi è piaciuta questo articolo, vi invito a cliccare “Mi piace” sulla mia pagina fb https://www.facebook.com/pages/Dolcesalatoconlucia/441574555973258  per non perdevi tutte le novità!

*********************

Con questa ricetta partecipo a #Panissimo26,  organizzata da  Barbara e Sandra, ospitata per il mese di Febbraio nel blog di Maria Teresa, De gustibus in itinera, dedicato proprio ai pani decorati !

 

E questa è la gemella polacca Zalapach Chleba,   per la sua raccolta mensile

Pubblicato da dolcesalatoconlucia

Ciao a tutti, ho 30 anni, vivo e lavoro in prov. di Napoli e ho una grandissima passione per la cucina. Il mio interesse è rivolto parimenti al dolce quanto al salato. Spero di poter dare un forte contributo e aiutarvi nelle vostre creazioni!

14 Risposte a “Pan bauletto tricolore, ossia facciamolo variegato ai tre gusti!”

  1. Ciao Lucia
    GRAZIE della tua ricetta e della tua generosità nel voler condividere le tue bontà!
    Ho fatto ieri il pan bauletto tricolor e devo dire che non ha nulla da invidiare a quelli che si comperano (come consistenza). Questo poi è molto particolare e scenico, ottimo per la colazione (peccato che dura poco ,-) ).
    Grazie ancora!

    1. Ciao!
      Hai visto? E’ originalissimo e non lo si vede in tutto il web, sono molto felice di averlo creato io 🙂 Mi fa tantissimo piacere che vi sia piaciuto , grazie per essere passata di qui 🙂
      A presto!

  2. Fantastico oggi lo farò anche io… Ho visto la tua ricetta in un altro blog sei sempre tu? Il blog è angelo rosso goloso…. Ancora complimenti spero venga bello come il tuo….

    1. Buongiorno Gianna! Grazie della segnalazione. Questa tizia ha fatto semplicemente il COPIA-INCOLLA della mia ricetta, senza citarmi… Eh, immaginavo che nel mondo dei blog funziona così, ma fare il copia-incolla del testo mi sembra una cosa triste…. Anch’io provo ricette degli altri, è normale, ma almeno cito la fonte con tanto di link e citazione dell’autore e della ricetta, e variando magari qualcosa per personalizzare, se capita… Il copia-incolla la vedo una cosa tristissima… :/
      Grazie ancora della segnalazione. 😉
      Fammi sapere come viene il tuo e se hai domande sono qui 🙂
      A presto, Lucia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.