Crea sito

Confettura di castagne profumata alla vaniglia e rhum

 

DSCN5879

 

 

 

 

 

Siamo ormai in pieno autunno, le castagne ormai si trovano un po’ ovunque e ne ho approfittato per preparare la confettura di castagne anche quest’anno. Per chi ama, come me, le castagne non potete assolutamente perdervi questa ricetta!

La marmellata (o, meglio, confettura) di castagne è una dolce confettura, dal gusto particolare ma davvero irresistibile. Poi, utilizzata nei dolci, specie con la cioccolata, viene valorizzata moltissimo, creando un accostamento di sapori eccezionale. Le castagne sono dei frutti autunnali molto buoni, piuttosto nutrienti (e anche abbastanza calorici), e si trovano solo per pochi mesi l’anno… La soluzione è, appunto, conservare il loro sapore in una deliziosa confettura. La ricetta che vi propongo è semplicissima, solo un po’ laboriosa nella parte in cui si devono sbucciare le castagne ma il risultato vi ripagherà della fatica!

Nella mia versione della marmellata di castagne ho cercato di non esagerare con lo zucchero per evitare di ottenere una confettura troppo dolce e stucchevole. Io l’ho mangiata sinora spalmata sul pane a colazione, ma sicuramente la utilizzerò per farcire torte, crostate e/o biscotti, magari accompagnando il tutto con della cioccolata! 😉

Ecco, ora vediamo come preparare questa classica confettura autunnale!

 

Ingredienti per 4 vasetti

  • 1 kg di castagne (pesate dopo averle sbucciate)
  • acqua q.b. per cuocere le castagne
  • un pizzico di sale grosso
  • 2-3 foglie di alloro
  • 600 g zucchero
  • 2 bicchieri d’acqua (circa 250 ml)
  • 1 bicchierino di rhum (facoltativo, 30 ml)
  • 1 stecca di vaniglia
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia 

Procedimento

Dovete ottenere un kg di castagne già sbucciate, quindi acquistatene un po’ in più, ad esempio un kg e mezzo. Il resto delle castagne potrete mangiarle, sono così buone!

DSCN5790

Ora arriva la parte più antipatica del procedimento: dovrete infatti sbucciarle, togliendo la buccia esterna e dura.

Attenzione alle mani e armatevi di coltellino e di tanta pazienza, magari facendovi aiutare.  La prima volta feci tutto da sola, quindi non è un’impresa impossibile. Questa volta, causa impegni, ho delegato tutto alla mamma. 🙂

DSCN5792

Ora fate cuocere le castagne in acqua leggermente salata (un pizzico di sale grosso va bene). Io ho aggiunto anche qualche foglia di alloro.

Cuocete per 40-50 minuti dalla ripresa del bollore, finchè cioè saranno lessate. Il tempo dipenderà dalla grandezza delle castagne.

DSCN5797

 

 

 

 

Dopo aver lessato le castagne, scolatele e togliete la pellicina (eh lo so, altra operazione antipatica).

Ora passatele al passaverdure per ridurre le castagne in purea.

DSCN5803

 

 

 

In una pentola capiente mettete due bicchieri d’acqua (circa 250 ml), lo zucchero semolato  e una stecca di vaniglia incisa, in modo che i semini possano sprigionare il loro aroma.

DSCN5812

 

Dovrete ottenere uno sciroppo di zucchero abbastanza denso, se non avete il termometro da cucina regolatevi ad occhio.

Aggiungere le castagne ridotte in purea col passaverdure e mescolate. (io ho aggiunto anche un cucchiaino di estratto di vaniglia)

Ora dovete ottenere la confettura, mescolando ogni tanto.

DSCN5814

 

 

Cuocete a fuoco dolce mescolando con un cucchiaio di legno,  fin quando non si spappoleranno, sollevando per tempo la bacca di vaniglia.

 

DSCN5816

Proseguite la cottura finchè otterrete la confettura di castagne: occorrerano circa 20 minuti, il tempo è indicativo. Verso la fine, ho aggiunto anche un bicchierino di rhum per profumare ancora di più la confettura (ma è facoltativo).

DSCN5817

Mescolate molto spesso con un cucchiaio di legno per evitare che la confettura si attacchi al fondo della pentola. Fate la cd. “prova del piattino” per verificare se è pronta.

Quando la confettura è pronta, versatela, ancora bollente, nei barattoli che avrete in precedenza sterilizzato

*********************

Per sterilizzare i vasetti

Io sterilizzo i vasetti facendoli bollire in una capace pentola per almeno 20 minuti (tempo che si calcola dal’inizio del bollore), avvolti da canovacci, per evitare che possano rompersi. Li faccio asciugare a testa in giù, poi li giro per fare in modo che si asciughino anche internamente. Si possono sterilizzare anche in forno, che è molto più comodo, disponendo i vasetti, con l’apertura verso l’alto, in forno a 100° e una volta raggiunta la temperatura desiderata lasciar i barattoli per 10-15 minuti all’interno del forno acceso. A 5 minuti dalla fine, mettete i coperchi, lasciando raffreddare a sportello chiuso.

**********************

DSCN5819

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chiudete i barattoli con il loro tappo a vite e capovolgere per creare il sottovuoto. Lasciarli così capovolti fino a completo raffreddamento.

DSCN5822

Dopodichè etichettateli segnando la data di produzione e conservate la confettura di castagne al buio, in luogo fresco e asciutto.

DSCN5878

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Io procedo poi con una seconda sterilizzazione: faccio bollire i vasetti ripieni di marmellata in una pentola piena d’acqua, avvolgendoli con strofinacci, per 20-30 minuti circa dalla ripresa del bollore. Far raffreddare i vasetti nella pentola. In questo modo, il prodotto durerà più a lungo!

Dopodichè, asciugare i vasetti di marmellata, etichettarli indicando la data di produzione e conservarli in un luogo fresco e asciutto. Naturalmente, una volta aperto il vasetto, andrà conservato in frigorifero.

DSCN5885

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ un lavoro un po’ lungo, è vero, ma volete mettere la soddisfazione di preparare la confettura di castagne in casa, genuina e e buonissima. Quella fatta in casa è molto più buona di quella industriale!!!  Questa preparazione richiede una buona dose di pazienza, in quanto occorre sbucciare singolarmente le castagne e dopo una prima cottura, che fa ammorbidire i frutti, occorre effettuarne una seconda per realizzare la confettura vera e propria. Però così buona non la troverete da nessuna parte!! 😉

DSCN5883

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se vi è piaciuta questa ricetta, vi invito a cliccare “Mi piace” a questa pagina https://www.facebook.com/pages/Dolcesalatoconlucia/441574555973258  per non perdevi tutte le novità!

***********************

Con questa ricetta partecipo al Contest di Molino Chiavazza

 

Pubblicato da dolcesalatoconlucia

Ciao a tutti, ho 30 anni, vivo e lavoro in prov. di Napoli e ho una grandissima passione per la cucina. Il mio interesse è rivolto parimenti al dolce quanto al salato. Spero di poter dare un forte contributo e aiutarvi nelle vostre creazioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.