Semifreddo ai pavesini doppio gusto

Ciao a tutti !! Oggi vi presento il semifreddo ai pavesini doppio gusto. Per il mio compleanno quest’anno niente torta, per preparare il pan di spagna bisogna accendere il forno quindi si va di semifreddo e si va sul sicuro, alzi la mano chi in questo periodo non preferisce una bella porzione di semifreddo !! Il semifreddo ai pavesini doppio gusto è un dolce al cucchiaio circondato da biscotti pavesini. Al suo interno racchiude una doppia farcitura, due strati di fresca bontà, uno alla nutella e caffè e un’altro alla crema di vaniglia e cioccolato. Potrebbe sembrare complicato e difficile realizzare questo semifreddo ma vi assicuro che non lo è. E’ semplicissimo e vi farà fare un figurone con i vostri ospiti. Per me poi è il massimo della comodità perché lo posso preparare in anticipo anzi tenerne sempre uno di scorta in freezer, al momento opportuno basta prenderlo 10 minuti prima di servirlo, il tempo di decorarlo ed è perfetto.

Semifreddo al pavesini doppio gusto ricetta dolce nella cucina di profumo di glicine

 


Semifreddo ai pavesini doppio gusto

Ingredienti per uno stampo da 1 litro e mezzo

  • 500 ml di panna fresca
  • 300 ml di latte
  • 200 g di zucchero
  • 4 tuorli
  • 1 confezione piccola di pavesini
  • 1 barattolo piccolo di nutella
  • 2 tazzine di caffè
  • scaglie o gocce di cioccolato q b
  • granella di nocciole q b
  • 1/2 bacca di vaniglia

Per la bagna dei pavesini

  • 1 tazzina di rum
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 bicchiere di acqua

Preparazione

  • Montate i tuorli con lo zucchero, nel frattempo portate a bollore il latte con la bacca di vaniglia. Versate a filo il latte bollente sui tuorli e continuando a mescolare portare a cottura finché il composto non veli il cucchiaio. Fate raffreddare, per accelerare i tempi potreste trasferire la ciotola in un’altra più grande contenente acqua e ghiaccio.
  • In un’altra ciotola montate la panna e aggiungetene metà alla crema di uova (fredda), incorporandola con movimenti dal basso verso l’alto. Aggiungete anche le scaglie di cioccolato.
  • Nell’altra panna incorporate la nutella e il caffè sempre stando attenti a non smontare la panna.
  • Ora siamo pronti per preparare lo stampo. Mettiamo sul fondo la granella di nocciola e foderiamo le pareti con i pavesini. Aggiungiamo i due composti, io ho messo prima quello alla nutella e poi quello alla vaniglia. Ora livellate bene e terminate coprendo tutta la superficie con i biscotti inzuppati velocemente in una bagna di acqua, zucchero e rum.
  • Coprite con pellicola per alimenti e riponete il semifreddo in freezer per una notte intera. Prima di servirlo sformatelo capovolgendo lo stampo su un piatto di portata e decorate il semifreddo con riccioli di panna montata.
  • Aspettate una decina di minuti e poi potete servire il vostro semifreddo tagliato a fette.

 

Semifreddo ai pavesini doppio gusto ricetta dolce al cucchiai nella cucina di profumo di glicine

 

 

semifreddo ai pavesini doppio gusto

 

Semifreddo ai pavesini

Clicca 2 volte sulle foto per vederle ingrandite.

 

 

Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva di Chiara Nappi autrice del blog Profumo di Glicine e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.
NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete che siano forum o altro senza preventiva richiesta.

 

Variante ai savoiardi per Laura 😉

Semifreddo ai pavesini

Precedente Polpette di melanzane al sugo - ricetta piatto unico Successivo Sandwich filanti di melanzane

12 commenti su “Semifreddo ai pavesini doppio gusto

  1. sembrava una bavarese classica! non avevo fatto caso ai pavesini! bella! buona! idea diversa per gustare un semifreddo e per festeggiare un compleanno 🙂 grazie cara!

  2. …questo semifreddo mi piace tantissimo! non ho mai provato a farlo e questo mi sembra facile, purtroppo non ho uno stampo come il tuo ho quello da plum cake..proverò con quello!!! brava!

  3. Laura il said:

    Ciao! ricetta molto interessante! volevo chiederti una cosa, anzi due…quando foderi lo stampo con i pavesini, non metti nulla alle pareti?si reggono senza problemi? inoltre in casa ho dei savoiardi ancora da utilizzare e pensavo di impiegarli per questa ricetta invece che per il classico tiramisù…vanno bene ugualmente, che dici?!
    grazie!!!

    • Ciao Laura…ho aggiunto la foto dello stampo che uso, come vedi i savoiardi si mantengono benissimo….purtroppo non ho i pavesini per farti vedere la differenza…cmq i savoiardi andrebbero tagliati a misura ……vedi sporgono dallo stampo? invece i pavesini ci vanno giusti giusti….un’altra cosa importante: i pavesini non bisogna bagnarli prima (quelli alla parete dello stampo) perché essendo sottili prendono umidità dalle stesse creme invece i savoiardi andrebbero bagnati prima…devi aumentare la dose di bagna…tutto qui…. per qualsiasi altro dubbio sono qui… fammi sapere come ti viene e se ti è piaciuto.. …ciaooooo 😉

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.