Ravioli marmorizzati agli spinaci – ricetta pasta fresca fatta in casa

I ravioli marmorizzati agli spinaci sono un primo piatto di pasta fresca da preparare per il pranzo della domenica o per le grandi occasioni.

Il ripieno di questi ravioli è il classico ricotta e spinaci ma la particolarità sta nella preparazione della pasta, con un piccolo trucchetto stupirete i vostri ospiti, seguitemi, andiamo a preparare i ravioli marmorizzati agli spinaci.

ravioli marmorizzati agli spinaci

Ravioli marmorizzati agli spinaci

Ingredienti per 4 persone

Per la pasta

  • 400 g di farina + un pugno per la spianatoia
  • 3 uova
  • 1 cucchiaio di spinaci cotti e strizzati
  • sale q b

Per il ripieno

  • 250 g di ricotta
  • 150 g di spinaci cotti e strizzati
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • un pizzico di noce moscata
  • 1 noce di burro
  • sale – pepe q b

Per condire

  • 70 g di burro di qualità
  • foglie di salvia q b
  • 2 cucchiai di noci tritate (facoltativo)

ravioli marmorizzati agli spinaci

Preparazione

Preparare la pasta dei ravioli nel modo tradizionale: fare la fontana con la farina e, al centro, sgusciare le uova. Aggiungere una presa di sale e iniziare battendo le uova con la forchetta, prelevando un poco alla volta la farina, dopodiché impastare a mano. Quando vi sembra che l’impasto sia quasi pronto aggiungete gli spinaci strizzati e tritati e continuate a lavorare quel tanto che basta fino a formare una palla abbastanza elastica. Se occorre aggiungete altra farina. L’impasto non va lavorato troppo altrimenti gli spinaci non darebbero l’effetto marmorizzato ma l’ impasto diventerebbe di color verde chiaro.

Preparate il ripieno cuocendo gli spinaci in una padella antiaderente con una noce di burro e un pizzico di sale. Non aggiungete acqua ma coprite la padella e fate cuocere a fuoco dolce, gli spinaci col vapore cacceranno la loro stessa acqua, quando saranno appassiti aumentate il fuoco e fate asciugare l’acqua a padella scoperta.

A cottura avvenuta, strizzateli e tritateli con un coltello o la mezzaluna, non vanno frullati assolutamente, diventerebbero troppo liquidi.

Poneteli in una ciotola, aggiungete un uovo, la ricotta, il parmigiano, una presa di sale e una grattugiata di noce moscata. Amalgamate tutti gli ingredienti quel tanto che basta ad ottenere un composto omogeneo.

A questo punto stendere la pasta con il mattarello o con la macchinetta, come vi trovate meglio, e ricavarne delle strisce. Disporre il ripieno a mucchietti distanziati e sovrapporre un’altra striscia di pasta. Con l’aiuto di un tagliapasta, formare i ravioli. Continuare così fino a terminare sia la pasta che il ripieno e via via che sono pronti mettere i ravioli su un vassoio spolverato di farina.

Cuocere i ravioli marmorizzati in abbondante acqua salata e quando vengono a galla toglierli delicatamente con una mestolo forato.

Per quando riguarda il condimento di solito preferisco preparare un sugo semplice di pomodoro o con carne macinata ma per questi ravioli secondo me ci sta bene del semplice burro fuso e salvia, anche perché se volete che l’effetto marmorizzato si veda, non vi conviene per esempio condirli col pomodoro. Io li ho spadellati con del burro fuso a cui ho aggiunto salvia fresca, granella di noci, una bella spolverata di parmigiano, un pizzico di pepe e via nei piatti.

 

DSCN1019

 

DSCN1025

 

DSCN1037

Profumo di glicine © all rights reserved

Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva di Chiara Nappi autrice del blog Profumo di Glicine e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.
NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete che siano forum o altro senza preventiva richiesta.

 

Precedente Crocchette di patate dal cuore filante Successivo Fagottini deliziosi alla nutella - ricetta del riciclo

2 commenti su “Ravioli marmorizzati agli spinaci – ricetta pasta fresca fatta in casa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.