Ravioli di melanzane e provolone del Monaco

Se al ritorno da una passeggiata in Costiera Amalfitana ti trovi a passare per Agerola, non puoi non fare una sosta apposta per comprare il famoso Provolone del Monaco DOP, eh no, sarebbe un vero sacrilegio ! 😉

Lavorato a mano da casari che si tramandano i segreti del mestiere di generazione in generazione e stagionato in modo naturale, il provolone del monaco deve alla qualità del latte la ricchezza dei suoi profumi. Il pascolo è ricco di fiori ed erbe aromatiche, le vacche che se ne cibano producono ogni giorno, circa 15 litri di latte ricco e concentrato. Da qui le qualità uniche di un prodotto che, secondo stagionatura, può essere dolce o leggermente piccante, con la pasta compatta color bianco crema, qualche fessura lacrimante, il sapore intenso, avvolgente ed elegante.

L’originale appellativo deriva dalla somiglianza delle bisacce usate dai commercianti, che agli inizi del secolo trasportavano a Napoli e in altre città questo formaggio, con quelle comunemente portate in spalla dai frati di questua per raccogliere le offerte.

La forma tipica ha una pezzatura media di 2-3 kg. Il periodo di produzione del provolone del Monaco, va da ottobre a maggio poi, dopo almeno 4 mesi di stagionatura, in grotte e ora anche in celle frigorifere, è già ricercato dai buongustai che ne apprezzano il sapore semi-piccante. Protraendo la stagionatura a 9 mesi il gusto diventa ancora più piccante presentando anche all’interno una leggera occhiatura.

Portato a casa il buonissimo provolone, puoi decidere di mangiarlo tutto in purezza oppure preparare ricette speciali come questi ravioli di melanzane e Provolone del Monaco.

Vediamo come si fa ? 😉

 

ravioli di melanzane

 

Ravioli di melanzane e Provolone del Monaco

Ingredienti per 4-5 porzioni

Per la sfoglia:
300 g di farina 00
100 g farina di semola rimacinata
3 uova medie

Per la farcia:
300 g di ricotta (io di pecora)
2 melanzane
1 uovo
basilico fresco
olio evo q b
sale q b

Per la fonduta:
200 g di Provolone Del Monaco DOP
100 g di panna
1 bicchiere di latte (monouso)



+sale e pepe q b

 

 

Preparazione

 

PicMonkey Collage

Lavate le melanzane, asciugatele, spuntatele e dividetele a metà per la lunghezza, incidete la polpa con un coltello e irrorate con un filo di olio.
Disponete le melanzane in una teglia foderata con carta forno ed infornatele a 180°C per circa 40-45 minuti, il temo esatto dipende dalla grandezza delle melanzane, riprendetele quando risulteranno ben morbide quindi ricavatene la polpa estraendola con un cucchiaio.

Riunite la polpa delle melanzane in una ciotola insieme alla ricotta e qualche foglia di basilico tritata, aggiungete un uovo e un pizzico di sale, quindi mescolate il tutto per ottenere una purea omogenea.

Preparare l’impasto con le farine e le uova, se occorre aggiungete anche qualche cucchiaio di acqua, far riposare il panetto prima di stenderlo con il mattarello o se preferite con la nonna papera.
Con la sfoglia realizzate dei dischi di circa 8-10 cm di diametro e farciteli con un cucchiaino di crema melanzane e ricotta preparata precedentemente.

Bagnate i bordi dei dischi con dell’acqua per far sì che la pasta si attacchi bene e in cottura non esca il ripieno, quindi ripiegate e date la forma di una mezzaluna, tagliate i ravioli con una rotella dentellata e metteteli in un vassoio cosparso di semola rimacinata.

Preparate la fonduta: tagliate il provolone a pezzetti, mettetelo in una padella antiaderente insieme al latte e panna e fatelo fondere a fuoco basso.

Lessate i ravioli in abbondante acqua salata nella quale avrete versato un cucchiaio d’olio (l’olio non li farà attaccare l’uno all’altro)

Scolate i ravioli appena salgono a galla e trasferiteli direttamente nella padella con la fonduta, spadellateli per qualche minuto e mescolateli delicatamente.

Servite i ravioli decorando il piatto con foglioline di basilico fresco e a piacere con una spolverata di pepe e di provolone Del Monaco grattugiato.

 

 

 

DSCN0419

 

ravioli di melanzane

 

Precedente Frittata di finocchietto selvatico Successivo Pane farcito

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.