Lascia accesa la speranza

Qualche giorno fa, leggendo un post di  Sississima, del blog acqua e farina, sono venuta a conoscenza della realtà di Caris, una mamma romana che combatte, per la salute del suo bambino. Combatte perchè  La Fondazione Santa Lucia il 31 dicembre rischia di chiudere.

Il Santa Lucia è un centro famosissimo nella riabilitazione e nella ricerca per la cura delle patologie rare.
La Polverini, ma poi come fanno tutti i politici, durante la sua campagna elettorale promise di aiutare i lavoratori e i pazienti del Santa Lucia, vinte le elezioni, però, le cose sono cambiate. L’Istituto di via Ardeatina si è visto togliere la qualifica di Alta Specialità, “mettendo a repentaglio l’attività di riabilitazione delle persone colpite da gravi patologie neurologiche di tipo degenerativo e da lesioni midollari”.

Questa fondazione a carattere scientifico è nata nel 1960…con lo scopo di restituire ai disabili il possesso parziale o totale delle attività funzionali lese.
L’Istituto ha recato un contributo importante allo sviluppo di questa branca della medicina, avvalendosi dell’esperienza conseguita ospitando oltre 2000 pazienti ogni anno e trattandone circa cinquecento ambulatorialmente o in regime di Day Hospital.
Nel 1992 si è giunti al riconoscimento del S. Lucia, da parte del Ministero della Sanità di concerto con quello della Ricerca Scientifica, quale Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione per la riabilitazione neuromotoria.
Le attività dell’Istituto si sono conseguentemente ampliate includendo aree di ricerca nel settore della neuro riabilitazione e delle neuroscienze, al fine di prevenire e limitare gli effetti invalidanti causati dalle malattie del sistema nervoso centrale.
Al termine del 2004 è stata inaugurata una nuova sede della Fondazione per ospitare i laboratori di ricerca preclinica, l’European Brain Research Institute (EBRI), intitolato alla professoressa Rita Levi Montalcini, e due istituti operanti in seno al Consiglio Nazionale delle Ricerche: l’Istituto di Neurobiologia e Medicina Molecolare e l’Istituto di Neuroscienze.
Il figlio di Caris lotta da 2 anni (e ne ha soltanto 6!!), prima non camminava, ma grazie alle cure del Santa Lucia ora cammina grazie ad un deambulatore, ma senza questo non riesce a camminare, chiudendo il Santa Lucia gli viene negato il diritto alla salute!
Io credo che sia giusto divulgare questa situazione, basterebbe un post in ogni blog, magari si riesce a smuovere qualcosa per trovare una soluzione alla chiusura del Santa Lucia!
Il blog di Caris: www.cookingplanner.it
il link del Santa Lucia: /www.hsantalucia.it
Grazie a tutti quelli che vorranno partecipare.
Chiara

Precedente Penne integrali con pomodorini e philadelphia al tonno Successivo Cheesecake semifreddo al caffe e cioccolato

4 commenti su “Lascia accesa la speranza

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.