Crescione romagnolo alle erbette

Crescione romagnolo alle erbette, una preparazione tipica della tradizione gastronomica romagnola e simile alla più famosa piadina. Il crescione romagnolo alle erbette, chiamato anche cascione, viene farcito a crudo con erbe selvatiche, bietole o spinaci e poi cotto sul testo rovente. La differenza con la piadina sta proprio in questo: Il crescione si farcisce prima della cottura. Ho visto la preparazione di questi crescioni nella trasmissione Geo, si tratta di una versione rivisitata perché oltre alle erbette vede l’aggiunta di pancetta e formaggio. Ne ho approfittato subito perché avevo bietoline, borragine e spinaci da raccogliere nell’orto ma ho aggiunto anche erbette spontanee raccolte nei campi incolti vicino casa: Ho trovato delle fresche piantine di tarassaco, del romolaccio e delle cicoriette selvatiche, le ho lessate e poi ripassate in padella con aglio peperoncino e pancetta. Questa è una ricetta molto semplice e versatile che potete preparare anche in anticipo e secondo la stagione, potete variare la verdura e farcirla con gli ingredienti che preferite dando libero sfogo alla vostra fantasia. Vanno bene biete e spinaci oppure potete farcire i vostri crescioni con patate e salsicce, buonissimi anche con le cipolle, con prosciutto cotto e mozzarella, davvero da provarli tutti. Vi ho fatto venire voglia? Allora seguitemi, andiamo a vedere cosa ci occorre per preparare il buonissimo crescione romagnolo alle erbette.

Leggi anche :

Tortano salsiccia e friarielli

Casagai o Cazzagai

Tiella di Gaeta

Crescione romagnolo alle erbette
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    30 minuti
  • Porzioni:
    6 crescioni
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

Per la base del crescione romagnolo

  • Farina 0 500 g
  • Acqua 200 ml
  • Strutto (o olio evo) 80 g
  • Bicarbonato 1 cucchiaino
  • Sale 1 cucchiaino

Per il ripieno

  • Erbette (miste) 1.5 kg
  • Pancetta dolce 100 g
  • Formaggio primo sale (per me di pecora) 200 g
  • Aglio 1 spicchio
  • Peperoncino (piccante) q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione

Come preparare il crescione romagnolo alle erbette

  1. Per preparare il crescione romagnolo alle erbette inizia dall’impasto: sciogli il sale nell’acqua tiepida, mentre in una ciotola versa la farina setacciata e lo strutto o la stessa quantità di olio d’oliva. Poi  anche l’acqua in cui hai disciolto il sale e il bicarbonato.

    A questo punto inizia ad impastare direttamente nella ciotola, poi trasferisci l’impasto su un piano di lavoro e continua a lavorarlo fino a che sarà liscio e omogeneo. Forma un panetto e mettilo in una ciotola coperto con un canovaccio e lascialo riposare almeno 30 minuti.

  2. Nel frattempo prepara gli ingredienti per la farcitura.

    Lava accuratamente le erbette, lessale in acqua bollente per un paio di minuti e scolale. Soffriggi la pancetta e l’aglio nell’olio, a piacere metti del peperoncino, salta le erbette per una decina di minuti e regola di sale.

  3. Come farcire il crescione romagnolo.

    Dividi l’impasto in 6 palline uguali. Spolverizza la spianatoia con poca farina e stendi ciascuna pallina in un disco di circa 20 cm di diametro e di 2 mm di spessore. Per ottenere una forma perfettamente circolare poggia un piatto sulla pasta e tagliala seguendo il suo perimetro. Distribuisci sulla metà  di ciascun disco ottenuto le erbette e qualche dadino di formaggio. Chiudi il crescione a mezzaluna sul ripieno e sigilla bene i bordi schiacciandoli con i rebbi di una forchetta. Continua in questo modo e prepara gli altri 5.

Come cuocere il crescione romagnolo

  1. I crescioni andrebbero cotti sul tradizionale testo di terracotta posto su un fuoco vivace. In alternativa va bene anche il testo in ghisa o una padella antiaderente con il fondo piuttosto spesso.

    Quindi fai riscaldare una padella antiaderente o il testo in ghisa e cuoci il crescione per 2-3 minuti su ogni lato. Giralo con l’aiuto di una forchetta facendo attenzione a non bucarlo e lascialo cuocere dall’altro lato. Cuocilo anche lungo il bordo piatto mettendolo in piedi per qualche secondo. Quindi servi i crescioni romagnoli alle erbette caldi per godere del delizioso ripieno al formaggio filante.

Come conservare il crescione romagnolo

  1. Potete conservare il crescione romagnolo alle erbette in frigorifero per 2 giorni al massimo coperto con pellicola trasparente. Potete congelarlo sia da cotto che da crudo solo se avete utilizzato ingredienti freschi non decongelati.

Note

Se le mie ricette ti piacciono e non vuoi perdere nessuna novità seguimi anche su → Facebook

su → Twitter  su  → Google+  su Pinterest  e su → Instagram

Precedente Rotolo di frittata agli asparagi Successivo Torta facile alle fragole

2 commenti su “Crescione romagnolo alle erbette

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.