Cicerchiata, ricetta dolci di Carnevale

Cicerchiata, ricetta antica

La cicerchiata è un dolce tipico italiano, riconosciuto come Prodotto agroalimentare tradizionale per l’Abruzzo, le Marche ed il Molise, ma diffuso anche in Umbria e, tramite l’immigrazione interna da queste regioni, a Roma. È simile agli struffoli napoletani, a differenza dei quali, però, non è considerato un dolce natalizio. In Abruzzo e nelle Marche, è anzi spesso legato alla ricorrenza del Carnevale. Wikipedia

Si tratta di una grossa ciambella composta incollando con un particolare sciroppo tante palline di pasta fritte. Queste palline, simili al legume, la cicerchia, vengono prodotte con un impasto di farina, uova, e bucce di agrumi grattugiate. Lo sciroppo viene prodotto con miele e zucchero fusi insieme.

cicerchiata

 

Cicerchiata

ingredienti

400 g di farina + quello per la spianatoia
4 uova
1 cucchiaio di zucchero
2 cucchiai di olio extravergine d'oliva o una noce di burro
1 bicchierino di liquore (limoncello - rum -strega)
1 pizzico di sale
buccia di arancia e limone grattugiata
Per lo sciroppo di miele

200 g di miele millefiori
2 cucchiai di zucchero
per decorare
confettini colorati
50 g di zucchero + coloranti in polvere

 

 

 

Preparazione

Si prepara la pasta disponendo la farina a fontana su un piano di lavoro, al centro si mettono le uova, l’olio, lo zucchero, un pizzico di sale e le bucce di agrumi e il liquore a piacere. Si impasta energicamente per ottenere una pasta omogenea abbastanza soda, che si lascia riposare per un’ora coperta con pellicola trasparente.

Poi si formano dei bastoncini sottili che si tagliano a pezzetti e si friggono.

Potete scegliere di friggerli in olio di semi di arachidi o mescolare olio e strutto in parti uguali.

Se ne friggono pochi alla volta, stando attenti a non fare scaldare troppo l’olio. Durante la frittura, non tanto all’inizio ma alle successive fritture si formerà una schiuma che tende a salire lungo i bordi, state attenti a non farla traboccare, quindi preferite una pentola dai bordi alti e quando vedete che la schiuma sale, abbassate la fiamma o scostate la pentola dal fornello per qualche secondo.
Attenti che ci mettono poco ad imbiondire, devono diventare dorati ma non scurire troppo quindi toglierli subito dall’olio e porli in un vassoio foderato da carta assorbente.

A parte in un’ampia padella si fa riscaldare il miele, lo zucchero e un bicchiere di acqua.

Si fa bollire fin quando la schiuma sarà del tutto scomparsa e il miele sarà diventato di colore ambrato chiaro. A questo punto si versa dentro la cicerchiata e a fuoco molto dolce si gira e si rigira finché sarà tutta ricoperta di miele.

Si versa la cicerchiata su un piatto e si sistema dando alla massa la forma che si preferisce. Prevalentemente si usa dare a questo dolce la forma di una ciambella.

Spesso la superficie superiore viene decorata con confetti colorati che ricordano la festa e l’allegria carnascialesca.

Io li ho spolverati con zucchero colorato e confettini e serviti nei pirottini di carta.

Più carnevalesco di così ??

 

 

Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva di Chiara Nappi autrice del blog Profumo di Glicine e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.
NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete che siano forum o altro senza preventiva richiesta.

Precedente Dolci di Carnevale - ricette semplici Successivo Cuori di polenta, ricetta antipasto di San Valentino

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.