Carciofi imbottiti al profumo di finocchietto

Con i carciofi imbottiti al profumo di finocchietto metto in tavola un primo e un secondo. Provate a condire uno scialatiello di pasta fresca e vedrete !! 😀 I carciofi devono essere possibilmente belli grandi, i più adatti per questa preparazione sono i carciofi romaneschi “le mammole” o il “tondo di Paestum”.

Ti potrebbe interessare:

Carciofi fritti in pastella

Piselli e carciofi – ricetta contorno semplice e veloce

 

 

 

Carciofi imbottiti al profumo di finocchietto

Ingredienti per 4 persone

  • 4 carciofi
  • 3 fette di pane raffermo (mollica)
  • 3 uova
  • 50 g di formaggio Pecorino grattugiato o Grana
  • 2 salsicce fresche al finocchietto
  • Olio extravergine d’oliva
  • 1 barattolo piccolo di pomodori pelati
  • Prezzemolo
  • Uva passa (facoltativa)
  • 2 spicchi di aglio
  • Sale pepe

Preparazione Carciofi imbottiti

Eliminare le foglie (brattee) più esterne procedendo via via verso le più tenere, senza esagerare però, anche le foglie più dure contribuiranno a dare più sapore al sugo che poi useremo per condire la pasta. Procedere con la pulitura tagliando il gambo, allargare le foglie centrali e con uno scavino o un semplice cucchiaino cercare di togliere la parte centrale del carciofo, comunemente chiamata barba. Per non farli ossidare man mano che li pulite metteteli in acqua a cui avete aggiunto una tazzina di latte. Nel frattempo preparate il ripieno mescolando il pane sbriciolato con il formaggio, le salsicce private del  budello, le uova, l’uva passa, il prezzemolo, sale e pepe.

Riprendete i carciofi, dategli una leggera sciacquata con acqua fresca e premeteli su un tagliere o sul lavabo dalla parte delle foglie, in modo che  si allarghino il più possibile. Lasciateli sgocciolare a testa in giù per qualche minuto quindi farciteli con il composto precedentemente preparato.

Mettete i carciofi farciti in una pentola dai bordi alti, uno accanto all’altro, ben stretti, in modo che rimangano in piedi. Aggiungete l’olio, i pelati, 2 spicchi di aglio interi, un bel ciuffo di prezzemolo tritato e acqua quasi a coprirli.

Deve uscire fuori solo la calotta del ripieno. Salate e fate cuocere i carciofi per un 30-40 minuti. Se dovessero asciugarsi troppo aggiungete altra acqua calda, se volete condire la pasta  il sugo deve rimanere piuttosto liquido. Se volete con il sughetto volete condire la pasta, vi consiglio spaghetti o scialatielli di pasta fresca. Mentre la pasta cuoce, prendete i carciofi e metteteli da parte, magari in forno caldo. Con un frullatore ad immersione frullate il sugo, se non gradite il sapore forte dell’aglio eliminatelo prima. Condite la pasta con la cremina formatasi e completate il piatto con un’abbondante spolverata di formaggio, io preferisco pecorino ma è a gusto, decidete voi, mettete quello che gradite di più.

Buon appetito ! 🙂


 

Precedente Orata in bellavista - ricetta light Successivo Arance e finocchi inverno e primavera nel piatto

13 commenti su “Carciofi imbottiti al profumo di finocchietto

  1. carissima Chiara,
    molto invitanti…e poi quel profumo di finocchieto che io adoro mi stanno facendo stuzzicare l’appetito!!!
    un bacione

  2. Chiara che bel lavoro il tuo blog…….bellissimo brava hai saltato il fosso!! Questi carciofi sono da provare…gustosissimi…un bacione Chiara e ancora complimenti!!

  3. Chiaraaaa finalmente sei passata anche tua alla nuova grafica 😀 e il tuo blog è aumentato di qualità!!!! Bellissimo!!!! E buonissimi questi carciofi! Mi piace l’idea del finocchietto 😀 un abbraccio!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.