Calzoni napoletani – ricetta con lievito madre

Calzoni napoletani – ricetta con lievito madre

Dopo quelli al forno oggi vi presento la ricetta per preparare i calzoni napoletani fritti.

I calzoni napoletani sono una variante di → QUESTA ricetta, forse la versione odierna è decisamente più buona visto che i calzoni sono fritti e arricchiti con salame piccante. Provate anche questi e fateci sapere quali preferite. 😉

Calzoni napoletani con mozzarella e salame piccante

Calzoni napoletani – ricetta con lievito madre o lievito di birra

Ingredienti per l’impasto

  • 500 g di farina 0
  • 150 g di lievito madre o 10 g di lievito di birra
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 300 ml circa di acqua
  • 1/2 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di sale

Ingredienti per il ripieno

  • 300 ml di pomodoro passato
  • 2-3 cucchiai di olio evo
  • 300 g di mozzarella di bufala
  • 150 g di salame napoli piccante tagliato a dadini
  • aglio-cipolla-basilico q b
  • sale q b

1 litro di olio di arachidi per friggere

Calzoni napoletani

Preparazione calzoni napoletani

Preparare un lievitino sciogliendo il lievito madre o il lievito di birra con una parte di acqua leggermente tiepida, aggiungete 2-3 cucchiai di farina e mezzo cucchiaino di zucchero.

Lasciare che lieviti coperto e a temperatura ambiente per circa mezz’ora.

A questo punto mettere la farina a fontana su una spianatoia, aggiungere il sale ai lati, unire il lievitino e la restante acqua, (tiepida) un poco alla volta. Impastare con cura per almeno 15 minuti e formare un panetto. Lasciare che lieviti in una ciotola oliata e coperto con un canovaccio umido, fino a triplicare il suo volume iniziale (se riposto in un luogo caldo, tipo il forno fatto riscaldare a 40 gradi e poi spento, bastano 2- 3 ore, altrimenti qualche ora in più).

E’ il momento di preparare il sugo di pomodoro facendo soffriggere in due cucchiai di olio l’aglio e la cipolla tritata  per qualche minuto e unire la passata di pomodoro. Aggiustare di sale, aggiungere qualche fogliolina di basilico e far cuocere per 15 minuti. Il sugo andrebbe preparato in anticipo e fatto raffreddare.

Formare le pagnottelle

Quando ha raggiunto la giusta lievitazione, dividere la pasta in tante pagnottelle possibilmente di peso uguali, allargarle a cerchio e posizionare al centro un cucchiaio di sugo, una foglia di basilico, una fetta di mozzarella e qualche dadino di salame.

Quindi chiudere i cerchi piegandoli a metà e formando i classici calzoni napoletani. Sigillare bene i bordi piegandoli e premendo con i rebbi di una forchetta per evitare che il ripieno fuoriesca mentre friggono.

Finito di chiuderli friggere i calzoni in olio bollente, scolarli e passarli su carta assorbente, quindi servirli ben caldi e filanti.

Calzoni napoletani

Profumo di glicine © all rights reserved

Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva di Chiara Nappi autrice del blog Profumo di Glicine.
NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete che siano forum o altro senza preventiva richiesta.

Precedente Baccalà alla napoletana - ricetta semplice Successivo Torta ricotta e pere - ricetta rivisitata

3 commenti su “Calzoni napoletani – ricetta con lievito madre

    • Ciao Luigia… non ho messo i tempi in quanto dipende dal lievito che usi, se lievito madre o lievito di birra, e dalla lievitazione che preferisci, se lenta o veloce, per quanto riguarda il lievitino ci vuole poco, 25-30 minuti bastano ad attivare la lievitazione, quando vedrai un abbondante schiumeggiamento puoi procedere all’impasto aggiungendolo agli altri ingredienti. Poi se vai di fretta, puoi scegliere di far lievitare velocemente il panetto in un luogo caldo, in forno caldo per esempio e ci vogliono 2-3 ore, oppure come faccio io di solito preparo l’impasto la sera e lo metto nella parte bassa del frigo per tutta la notte, in breve ti devi regalare tu ma in ogni caso basta osservare l’impasto, te lo dirà lui stesso quando è pronto….per qualsiasi altro dubbio sono qui…fammi sapere 😉

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.