Spaghetti al cavolo cappuccio

Oggi, oltre che di ricette, parliamo di chimica in cucina! Ebbene si, perchè per ottenere il colore che vedete in foto non è stato utilizzato alcun colorante artificiale ma anzi, una reazione chimica a partire da cavolo cappuccio viola. In natura, le antocianine sono responsabili di gran parte della colorazione rossa, rosa, blu, malva, violetto e magenta che possiamo osservare nei petali dei fiori, come la malva o le petunie, nella frutta come l’uva, i mirtilli o le fragole, e nella verdura, come nella cipolla rossa o nel cavolo rosso.
Le antocianine sono solubili in acqua e sono ampiamente usate dall’industria alimentare come coloranti naturali, estratte specialmente dall’uva. Vengono usate come coloranti per bevande, caramelle, gelatine, gomme da masticare, yogurt e molti altri prodotti.
Queste molecole agiscono da antiossidanti e negli ultimi anni vari studi hanno suggerito una relazione tra il contenuto di antocianine di frutta e verdura e gli effetti protettivi rispetto a molte malattie. Dopo questa breve introduzione voglio parlarvi dell’esperimento che ho fatto e il cavolo cappuccio risulta essere il migliore alimento per esperimenti di questo tipo in quanto a seconda della sostanza che aggiungiamo al succo ottenuto dopo la sua cottura, otterremo colori diversi. Io ho utilizzato un po’ di succo di limone e magicamente la mia acqua di cavolo è diventata di un colore fucsia meraviglioso, ottimo per condire e colorare magicamente gli spaghetti. Per finire ho aggiunto una violetta del pensiero raccolta nell’orto di mio padre, da noi seminato lo scorso anno.

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni1 persona
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti spaghetti al cavolo cappuccio

  • 1/4cavolo cappuccio viola
  • 500 mlbrodo vegetale
  • 1Cucchiaino di fecola
  • 80 gspaghetti
  • 1 cucchiaiolatte
  • q.b.sale

Preparazione

  1. Iniziamo la preparazione dei nostri spaghetti al cavolo cappuccio. Per prima cosa puliamo, laviamo ed affettiamo un quarto di cavolo cappuccio viola. In una casseruola procediamo con lo scaldare un filo d’olio ed aggiungiamo il cavolo facendolo rosolare. A parte mettiamo a scaldare il brodo vegetale che aggiungeremo via via al cavolo per portarlo a cottura.

    Un volta cotto, aggiungiamo il limone e mescoliamo affinchè assuma un bel colore fucsia e mettiamolo in un brick per farlo diventare crema con l’aiuto di un minipimer . Mettiamo la pasta a cuocere. La crema in una padella a parte e addensiamo aggiungendo la fecola o amido di mais sciolta in latte freddo. Aggiungiamo gli spaghetti cotti, saltiamo e impiattiamo.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da dolcegiuridica

Food blogger sulla piattaforma di Giallo Zafferano, conosciuta con il nome di Dolcegiuridica, Elisabetta condivide sul suo blog foto e video delle ricette create con i prodotti a chilometro zero del proprio orto, puntando sulla stagionalità e sulla qualità. Unendo la passione per la cucina a quella dei viaggi, è andata alla scoperta delle eccellenze gastronomiche del nostro Paese e delle aziende che le producono, trasformandole in deliziose ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.