Crostata pesche e lamponi

Per un lungo periodo non riuscivo a realizzare delle crostate che mi soddisfacessero, quindi mi ci sono impuntata ed ho iniziato a farle ogni settimana, adesso finalmente non ho più nessun problema, quella che vi propongo oggi è la crostata pesche e lamponi.

Ingredienti:

per la frolla

  • 120 gr di burro
  • 2 gr di sale fino
  • 90 gr di zucchero a velo
  • 15 gr di mandorle in polvere
  • 50 gr di uova
  • 240 gr di farina

per il ripieno

  • 500 gr di latte
  • 1 bacca di vaniglia
  • 100 gr di tuorli
  • 200 gr di zucchero
  • 20 gr di amido di riso
  • 20 gr di amido di mais
  • 150 gr di panna

per decorare

  • pesche gialle
  • lamponi
  • menta

Procedimento:

Cominciamo dalla frolla mescolando in planetaria con il gancio a foglia tutti gli ingredienti tranne la farina. Quando il composto sarà morbido ed omogeneo, aggiungere la farina tutta in una volta e mescolare fino a quando non sarà completamete amalgamata. In questa fase è meglio restare vicini alla planetaria perchè non bisogna lavorare troppo la frolla.

A questo punto stenderla tra due fogli di carta forno e metterla a riposare in frigo per almeno 12 ore.

Trascorso il tempo di riposo della frolla, imburrare uno stampo da crostata, quindi foderarlo con la pasta frolla, bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta e far riposare ancora in frigo.

Cuocere a 160° per circa 20 minuti.

Preparare la crema pasticcera mettendo a bollire il latte con il baccello di vaniglia, a parte mescolare con una frusta i tuorli con lo zucchero, unire quindi gli amidi.

Temperare il composto di tuorli con il latte bollente, cuocere la crema pasticcera per circa 1 minuto, fino a quando risulterà abbastanza densa.

Far riposare la crema fino a completo raffreddamento, quindi montare la panna e alleggerirla.

Versare la crema alleggerita con la panna sul fondo della frolla, quindi decorare con spicchi di pesca e lamponi, aggiungere qualche fogliolina di menta.

La crostata pesche e lamponi è pronta, se pensate di consumarla inpiù di due giorni vi conviene utilizzare della gelatina sulla frutta, in modo da evitare che vada a male.

Se ti piacciono le mie ricette seguimi su facebook, cliccando Mi Piace qui

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*