Pastiera di riso senza glutine a modo mio

Pastiera di riso senza glutine

Provare a fare la pastiera di riso senza glutine così dal nulla senza copiare la ricetta di qualcun’altro è una specie di follia; quindi era la cosa giusta da fare per me, visto che per quest’anno le follie mi mancavano. (Almeno quelle culinarie 😀 ) Ecco anche il motivo della particolare decorazione ispirata dalle belle parole di Baricco che mi è capitato di rileggere per caso :“A volte le parole non bastano….e allora servono i colori, e le forme…le note e le emozioni.”

 pastiera di riso senza glutine by Dolcearcobaleno pastieradirisosenzaglutine_01jpg

Ricetta: Pastiera di riso senza glutine

Sommario: La Pastiera di riso senza glutine reinterpretata a modo mio è adatta per esprimere a tutti le emozioni che vengono dal cuore quando le parole non bastano.

Ingredienti

  • 300 gr farina di riso
  • 250 gr yogurt
  • la punta di un cucchiaino di cannella
  • un pizzico di sale
  • una scorza di limone grattugiata ( o 1 fialetta di aroma)
  • 90 gr di zucchero di canna
  • 1/2 misurino di cremor tartaro
  • 2 uova intere
  • 180 gr. di ricotta
  • 200 gr. di riso carnaroli
  • 500 ml. di latte di mandorla
  • aroma di mandorla
  • 1 bicchierino di rum
  • un pizzico di cannella
  • un pizzico di noce moscata
  • 50 gr. di bucce di arance candite
  • 250 gr. di zucchero
  • qualche colorante naturale a piacere per il decoro.

Istruzioni

  1. Prepariamo la pastafrolla senza glutine e burro light   seguendo la ricetta. Per la precisione, possiamo anche prepararla in anticipo, se preferiamo.
  2. Scaldiamo il latte cuocendo il riso carnaroli a fiamma bassa per circa 40 minuti, in modo che risulti come una specie di crema. E lo lasciamo raffreddare.
  3. Intanto prendiamo le uova e le sbattiamo con 180 gr di zucchero fino a montarle.
  4. Mescoliamo la ricotta con lo zucchero rimasto, aggiungendo anche la cannella, la noce moscata e il rum.
  5. Tagliuzziamo le bucce di arance candite.
  6. Uniamo la crema di riso alla ricotta, mescolando molto bene.
  7. Aggiungiamo le uova sbattute e per ultime le bucce di arancia candite a pezzetti.
  8. Ungiamo per bene la teglia.
  9. Stendiamo con cura la pasta in una sfoglia sottile e la sistemiamo nella teglia. ATTENZIONE: la pasta frolla di riso è più delicata di quella normale, meno elastica, quindi fate moltissima attenzione nello spostarla.
  10. Versate il composto per il ripieno sulla pasta dai bordi rialzati.
  11. Stendete una seconda sfoglia di pasta per la copertura e adagiatela sopra con cura.
  12. Con una forchetta infarinata con farina di riso incidete il bordo intorno.
  13. Ora per la decorazione, prendete tre piccole quantità di pasta frolla e mescolatele con dei coloranti alimentari. Consiglio di usare guanti il lattice per non colorarsi anche le mani. ( chissà mai a CHI sarà successo…. )
  14. Scelti i colori, stendiamo un filino sottile di pasta e con pazienza creiamo sulla pastiera la nostra chiave di violino o di sol.
  15. Bene questa era la parte più difficile. Ora  non ci resta che fate tante piccole palline colorate di pasta e disporle sul dolce come si vede nella foto.
  16. Ponetela infine in forno caldo a 150/160° per 1 ora e 30 minuti.
  17. Lasciate che raffreddi completamente con il forno aperto prima di spostarla.
  18. Servitela.

Note

Quantità per una teglia di 22 centimetri di diametro. E’ sempre meglio bagnare e strizzare la carta da forno, per disporla più facilmente sulla teglia. Si conserva svariati giorni ed è sempre più buona. 😉

Variazioni

Questa è una variazione della pastiera napoletana tradizionale fatta senza glutine un pò a modo mio.

Tempo di preparazione: un’ ora

Tempo di cottura: 1 ora e 20 minuti

Numero di porzioni: 8/10

Tradizione culinaria: Italiana

Calorie: 270 circa ( a fetta)

My rating 5 stars:  ★★★★★

Avete mai visitato le mie board su Pinterest  o la mia pagina FaceBook ? :))

Precedente Biscotti ripieni alla nutella con e senza glutine Successivo Bigliettino di Natale Lista Dei Regali

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.