Crea sito

Un nuovo sito targato WordPress

MONO PORZIONI DI CEESECAKE AL CAFFÈ

MONO PORZIONI DI CEESECAKE AL CAFFÈ

La mono porzione di ceesecake al caffè è il dolce perfetto per la festa del papà, contiene caffè e a quale papà non piace?

Una base di amaretti e una crema al caffè delicata e spumosa.

In più è veloce da preparare, non necessita del forno in quanto è un dolce freddo , basta lasciarlo raffreddare in frigo per qualche ora.

  • Preparazione: 40 Minuti
  • Cottura: Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 8 mono porzioni
  • Costo: Economico

Ingredienti

Per il fondo

  • 100 g Amaretti (La ricetta originale ne prevede 200)
  • 45 g Burro (La ricetta originale ne prevede 90)

Per la crema al caffè

  • 250 g Mascarpone
  • 250 g Panna
  • 50 g Caffè espresso
  • 10 g Caffè solubile
  • 4 g Colla di pesce

Per la glassa al cacao

  • 6 g Colla di pesce
  • 50 g Acqua
  • 85 g Zucchero semolato
  • 35 g Cacao amaro in polvere
  • 45 Panna fresca

Preparazione

Per il fondo

  1. Per prima cosa prepariamo la nostra teglia. Io ho usato un  rettangolo ( una teglia )che ho rivestito con Strisce di carta forno .

    Iniziamo fondendo il burro in un pentolino, a fiamma dolcissima senza farlo bruciare, ponetelo  da parte e lasciatelo intiepidire.

    In un tritatutto mettiamo gli amaretti e polverizziamoli finemente, su questi coliamo il burro fuso ormai tiepido e continuiamo a far girare il tritatutto fino ad avere una massa completamente umida, come sabbia bagnata.

    Prendiamo la tortiera, versiamo il composto di amaretti e riempiamo bene il fondo della tortiera, occupando tutta la superficie e dando a tutto il fondo lo stesso spessore.

    Una volta finito, poniamo in frigo mentre ci occupiamo della crema.

Glassa

  1. Di solito la glassa la preparo il giorno prima .

    Quindi , ammolliamo la gelatina in acqua fredda .

    In un pentolino mescoliamo lo zucchero, l’acqua, il cacao setacciato e la panna.

    Portiamo ad ebollizione e lasciamo bollire per 1 minuto.

    Aggiungiamo la gelatina strizzata mescolando non troppo energicamente in modo da non inglobare aria.

    Versiamola in una ciotola e copriamo  con pellicola a contatto.

    Al momento dell’uso, riscaldare la glassa qualche secondo in microonde o ponendo la ciotola in un bagnomaria di acqua calda per renderla di nuovo fluida.

Per la crema

  1. Per prima cosa , ammolliamo la colla di pesce in acqua fredda e prepariamo il caffè, quando è ancora molto caldo aggiungiamo  il caffè liofilizzato e mescoliamo  fino a farlo sciogliere completamente. Aggiungiamo  e facciamo  sciogliere completamente anche lo zucchero, e infine aggiungiamo la gelatina ben strizzata.( se occorre prima di aggiungere la gelatina ,riscaldate il composto al microonde).

    Mescoliamo  in modo da avere una soluzione uniforme e facciamo raffreddare fino a temperatura ambiente .

    In una ciotola abbastanza ampia lavoriamo con un cucchiaio il mascarpone .

    Aggiungiamo in più volte la soluzione di caffè mescolando sempre con un cucchiaio fino ad avere un composto omogeneo.

    Ora montiamo la panna lasciandola lucida e semimontata (non ferma).Aggiungiamola al composto precedente in più volte mescolando con una spatola delicatamente dal basso verso l’alto fino ad avere una massa omogenea e ben areata.

    Riprendiamo la teglia dal frigorifero e versiamo sul fondo la crema livellandola per bene aiutandoci con il dorso di un cucchiaio e occupando bene gli angoli e i bordi. Riponiamo in frigorifero ad addensare per alcune ore.

    Quando è addensata ed ancora nella forma riscaldiamo la glassa fino a farla intiepidire (intorno ai 35°C) e versiamola sulla superficie.

    Dopo qualche ora possiamo sformare il nostro dolce aprendo il bordo a cerniera e rimuovendo con cura la carta forno dal lato.

    A questo punto , io ho deciso di tagliare delle piccole mono porzioni e su di ognuna ho distribuito un amaretto .

     

     

     

     

Note

Innanzitutto ringrazio “ Fables de Sucre “ per la ricetta.

Si può utilizzare anche del caffè decaffeinato, così da poter farlo mangiare anche ai più piccoli.

 

/ 5
Grazie per aver votato!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.