Torta bresciana

Conoscete questa deliziosa torta ……?

È una delle torte classiche lombarde semplici, facili da realizzare, da conservare e consumare, è  una tipica torta da credenza che si può  mantenere a temperatura ambiente ,scoperta e che dura anche 4 settimane…….ma non durerà  mai tanto tempo, è  perfetta per la prima colazione con il latte, dopo pranzo con il caffè  o dopo cena con una crema inglese o una pallina di gelato, oppure è  perfetta come dolcetto dopo cena da conversazione con un vino dolce passito…..insomma se vi piacerà  avrete veramente mille occasioni per offrirla e degustarla…

 

20150606_163828

Dosi per una tortiera da 32 cm

 

250 grammi di farina debole tipo 0

50 grammi di farina di mandorle

180 grammi di burro plastico, ovvero morbido ma non troppo

125 grammi di zucchero a velo

10 grammi di miele

1 bacca di vaniglia con semi

1 pizzico di sale

3 grammi di lievito per torte

1 uovo intero grande

1 tuorlo

Mandorle per decorare

zucchero semolato o di canna q.b. per decorare

 

Setacciare la farina con il lievito e metterla da parte, accendere il forno a 180 gradi ed imburrare la tortiera……disporre adesso nella planetaria , lo zucchero a velo,il burro, la farina di mandorle  e i semi della bacca di vaniglia, lavorare a bassa velocità  con la foglia, il composto dovrà  solo amalgamarsi non montare, mescolare le uova in una ciotolina con il sale, aggiungerle adesso al composto di burro, sempre a bassa velocità,  passare alla farina, setacciarla con il lievito ed aggiungerla al composto , una volta ottenuta una massa omogenea  disporla tra due fogli di carta forno appiattirla e metterla in frigorifero a riposare per 1 ora.

Dopo il riposo, con il matterello stendere il composto all’altezza  di 1 cm, disporlo nella tortiera unta e con carta forno sul fondo, spolverare con zucchero di canna la torta decorarla con le mandorle spellate ed infornare in forno caldo ventilato a 180 gradi per 30 minuti circa, la torta si gonfiera ‘  leggermente e dorera ‘  in  superficie.

 

Servire calda o tiepida con del gelato, ma ottima anche nei giorni successivi, lo zucchero in superficie la renderà  irresistibile.

 

 

Senza categoria , ,

Informazioni su patrizia razza

.Benvenuti nella mia Cucciccia, che altro non è che la storpiatura del tipico dolce natalizio "Struffoli" o "Cicerchiata" che da piccola non sapevo pronunciare..............da allora in casa mia è sempre stato così e quindi quale nome migliore per indicare la "mia" personalissima cucina!! Il mio blog nasce per divertimento, passione e anche praticità, mi piace creare un vero e proprio pozzo di informazioni ,segreti e ricette per me ,le mia famiglia, i miei figli e i miei amici.................è un modo per condividere e donare . Benvenuti allora e se vi piace ditelo e lasciate anche voi un q.b. di vostro da condividere con me!

Precedente Pizza parigina con prosciutto cotto e stracchino Successivo Filetto di tonno in crosta di aromi e sesamo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.