Lattughe di Iginio Massari

Ho avuto la fortuna di venire in possesso della ricetta per le chiacchere del maestro Iginio Massari, lui le chiama lattughe voi chiamatele come vi pare, ma fidatevi , è  la ricetta perfetta che voglio immortalare nel blog per non dimenticarla mai più,  è  sicuramente la migliore di sempre e ve la consiglio calorosamente! !!!!

20160127_170940

Dosi per 800 grammi circa

 

500 grammi di farina  manitoba

60 grammi di zucchero semolato fine

60 grammi di burro morbido

175 grammi di  uova intere

5 grammi di sale fino

50 grammi di  marsala

1cucchiaino di estratto di vaniglia

Buccia grattugiata di un limone

 

Olio di semi per friggere 2 lt

 

Zucchero a velo per decorare e addolcire una volta fredde

 

Versare la farina al centro della spianatoia a fontana , o all’interno  della planetaria con la foglia,  disporre all’interno  della fontana il resto degli ingredienti, impastare molto bene fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo,  disporlo all’interno  di una ciotola coperta con della pellicola, fare riposare per almeno un ora a temperatura ambiente.

Una volta passato il periodo di riposo , che farà si che l’impasto si rilassi e sia più  lavorabile, passare alla stesura delle strisce di pasta, con l’aiuto  di una sfogliatrice , formare le sfoglie, partendo dalla tacca più  larga fino alla penultima, tagliare poi delle losanghe, con dei tagli al centro, a questo punto passare alla frittura, in olio profondo, non più  di 3,4 lattughe alla volta per ottenere una perfetta doratura, scolare poi le lattughe e metterle su della carta forno per assorbire l’olio  in eccesso, appena fredde o quasi, disporle su un vassoio di servizio e spolverare a piacere di zucchero a velo

 

Si conservano bene per giorni in scatole di latta ermetiche

carnevale, dolci, Dolci e desserts, dolci eventi speciali, dolci tradizionali , ,

Informazioni su patrizia razza

.Benvenuti nella mia Cucciccia, che altro non è che la storpiatura del tipico dolce natalizio "Struffoli" o "Cicerchiata" che da piccola non sapevo pronunciare..............da allora in casa mia è sempre stato così e quindi quale nome migliore per indicare la "mia" personalissima cucina!! Il mio blog nasce per divertimento, passione e anche praticità, mi piace creare un vero e proprio pozzo di informazioni ,segreti e ricette per me ,le mia famiglia, i miei figli e i miei amici.................è un modo per condividere e donare . Benvenuti allora e se vi piace ditelo e lasciate anche voi un q.b. di vostro da condividere con me!

Precedente Sofficino hamburger filante Successivo Frittelle di riso e uvetta

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.