Confettura di fragole

…………e con la primavera si apre ufficialmente la stagione delle conserve,confetture e marmellate, si comincia quindi con la confettura di fragole, la più classica , la più amata, in casa mia sicuramente , e quella che d’inverno ci fa sognare e sospirare di più. Così approfittando delle belle offerte nei supermercati e  mercati ho fatto incetta di bei fragoloni e oggi mi sono messa all’opera e ovviamente ho voluto condividere con voi la faccenda, e allora di corsa in cucina, ma questa volta con la parannanza, pechè la frutta macchia!!!!!

confettura di fragole

dosi per 8 barattoli da 1/2 kg

 

5 kg di fragole che poi dopo la pulitura e e dopo la selezione sono diventati 4

1kg e 800 grammi di zucchero ma se ne può mettere anche meno però la marmellata è marmellata e poi altrimenti viene troppo lenta

1 mela

a piacere succo di 1 limone io a volte lo metto a volte no

cominciare con il mondare e lavare bene la frutta, sciacquandola rapidamente sotto un getto leggero d’acqua, ovviamente prima di togliere la parte verde per evitare che i frutti si riempiano troppo d’acqua e perdano il loro aroma delicato.

Poi farla a pezzettini , piccolini se non la si vuole poi successivamente frullare o passare al passaverdure , o anche più grossolani se invece , come me, poi la passerete al mixer o con il minipimer o meglio ancora con il passaverdure.

Disporre il tutto in un grande ciotolone e aggiungere adesso lo zucchero, mescolare ben bene. A questo punto aggiungere la mela a pezzettini, con la buccia, questa servirà a facilitare l’addensamento della marmellata senza dover ricorre ad aggiunta di pectina di sintesi o artificiale, e non intaccherà la naturalità del nostro preparato casalingo. Lasciare riposare il tutto per qualche ora, anche tutta la notte, anche questa operazione aiuterà  a velocizzare la cottura della confettura anticipando in qualche modo parte delle fermentazioni.

Nel frattempo preoccupiamoci della sterilizzazione dei barattoli. L’operazione è molto semplice e sicura, anche perchè con le marmellate non occorrono tutte le attenzioni necessarie per i sott’oli o le conserve salate, lo zucchero presente nellla preparazione aiuta molto la conservazione ed è già di per sè una bella garanzia, comunque provvediamo a sterilizzare bene i nostri barattoli mettendoli a lavare in lavastoviglie, poi li mettiamo in forno a 100 gradi per 1/2 ora e saranno pronti per essere usati, io riservo lo stesso trattamento a tutti gli strumenti che poi uso per tutte le operazioni di mescolamento e invasamento in modo da essere doppiamente tranquilla. Usiamo tappi sempre nuovi.

A questo punto non resta che mettere la nostra frutta e il meraviglioso sciroppo che si sarà formato sul fuoco, leggero e controllando sempre che non si attacchi, ci vorrà un bel pò non bisogna avere fretta, appena la frutta si sarà quasi sciola del tutto e il composto ben rappreso e ridotto , io con il mio meraviglioso minipimere frullo tutto, perchè a noi la marmellata, o meglio la confettura, piace liscia e vellutata, senza pezzettoni, e così frullo tutto bene bene. Continua a cuocere la marmellata fino a quando sporcando con una cucchiaiata un piattino vedo che si rapprende subito e non cola. A quel punto la marmellata è pronta e posso passare all’invasamento.

Dispongo allora i mie barattoli belli sterili su un piano bello comodo e con l’aiuto di un imbuto da invaso e un bel mestolone verso la marmellata ancora bollente nei vasi ancora caldi di forno( bisognerà fare conto dei tempi e delle coincidenze), una volta riempiti i vasi, li chiudo e si possono lasciare lì, oppure capovolgere per sterilizzare anche la parte superiore e agevolare la creazione del sotto vuoto (cosa che si manifesta con la creazione di un avvallamento sul tappo e il fatto che il tappo non sia più ballerino ma stabile), io ultimamente non li rovescio più , perchè ho visto che man mano che la marmellata si raffredda si forma il sottovuoto da solo e così non sporco i coperchi che quando vado ad aprirli poi sono sempre impiastricciati e non mi piace. Se per caso in qualche barattolo non si dovesse creare il vuoto e il tappo continua a fare clik clak se schiacciate, niente panico , la marmellata è comunque perfetta, vorrà dire che quello è il primo barattolo da usare e che va conservato in frigorifero.

Se tutto va a buon fine la marmellata durerà anni, anche se ne dubito, in casa mia ne va via un barattolo a crostata………………..fiiiiigurati!!!

[banner network=”adsense” size=”336X280″ type=”text”]confettura di fragole

 

 

 

 

confetture e mermellate ,

Informazioni su patrizia razza

.Benvenuti nella mia Cucciccia, che altro non è che la storpiatura del tipico dolce natalizio "Struffoli" o "Cicerchiata" che da piccola non sapevo pronunciare..............da allora in casa mia è sempre stato così e quindi quale nome migliore per indicare la "mia" personalissima cucina!! Il mio blog nasce per divertimento, passione e anche praticità, mi piace creare un vero e proprio pozzo di informazioni ,segreti e ricette per me ,le mia famiglia, i miei figli e i miei amici.................è un modo per condividere e donare . Benvenuti allora e se vi piace ditelo e lasciate anche voi un q.b. di vostro da condividere con me!

Precedente Biscotti Grancereale Successivo Panettone salato rustico

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.