Biscottini brutti ma buoni classici

………..finalmente oggi ho trovato la ricetta classica dei biscottini Brutti ma buoni, biscottini da meditazione di origine lombarda e precisamente della zona del varesotto. Sono facili da realizzare richiedono pochi ingredienti ma bisogna seguire dei passaggi importanti che ne garantiscono la riuscita………..

brutti ma buoni

dosi per 30 dolcetti circa

300 grammi di nocciole o misto di nocciole e mandorle tostate e tritate grossolanamente

35 grammi di zucchero semolato

140 grammi di zucchero a velo

1 cucchiaino di miele

60 grammi di albumi

procedere mettendo in una casseruola , o in una padella lo zucchero a velo con lo zucchero semolato il miele e 2 tazzine da caffè d’acqua, portare a bollore ed ottenere uno sciroppo di zucchero bianco e schiumoso, non deve diventare un caramello, deve essere uno sciroppo semi denso, intanto frullate la frutta secca, precedentemente tostata , in un mixer grossolanamente ed irregolarmente.

Cominciare adesso  a montare a neve gli albumi, quando sono a metà montata aggiungervi due o tre cucchiai dello sciroppo, caldo, montare molto bene e mettere da parte, a questo punto versare nello sciroppo la frutta tritata e mescolare bene come per formare un croccante,

brutti ma buoni

fare intiepidire  e poi aggiungere gli albumi. A questo punto il composto è pronto, formiamo con un cucchiaio dei mucchietti e mettiamoli su una leccarda , ben distanziati perché gonfieranno un po’, e inforniamoli in forno caldo e ventilato a 170°, per 25 minuti circa e comunque fino a quando non saranno dorati, non importa se saranno ancora morbidi appena si raffreddano diventeranno belli croccanti.

Fare cuocere gli ultimi minuti con il forno leggermente aperto, magari con un mestolo di legno nello sportello, in modo da farli asciugare bene, bene, come per le meringhe…………..in fin dei conti sono parenti stretti……….

[banner network=”adsense” size=”125X125″ type=”default”]

.....à la page, Biscotti, biscotti da the, natale, Pasticceria mignon , , , ,

Informazioni su patrizia razza

.Benvenuti nella mia Cucciccia, che altro non è che la storpiatura del tipico dolce natalizio "Struffoli" o "Cicerchiata" che da piccola non sapevo pronunciare..............da allora in casa mia è sempre stato così e quindi quale nome migliore per indicare la "mia" personalissima cucina!! Il mio blog nasce per divertimento, passione e anche praticità, mi piace creare un vero e proprio pozzo di informazioni ,segreti e ricette per me ,le mia famiglia, i miei figli e i miei amici.................è un modo per condividere e donare . Benvenuti allora e se vi piace ditelo e lasciate anche voi un q.b. di vostro da condividere con me!

Precedente Lonza di maiale ripiena, al latte Successivo Torta di mele della nonna con composta , pinoli e cannella

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.