Danubio salato

Danubio salato

Quante volte ho pensato di preparare un danubio salato, ma poi mi manca il tempo e la giusta calma per prepararlo. Finalmente ce l’ho fatta! Ottimo risultato. Lo pubblico per la gioia di quanti me lo hanno chiesto.

Ingredienti:

Per l’impasto:

300 gr di manitoba

250 gr di farina 00

250 ml di latte tiepido

1 bustina di lievito di birra liofilizzato

20 gr di zucchero

50 gr di olio

1 uovo

10 gr di sale

Per il ripieno:

150 gr di prosciutto cotto affettato

150 gr di speck affettato

150 gr di provola a cubetti

Per la copertura:

1 tuorlo

2 cucchiai di latte

una manciata di semi di sesamo

Preparazione:

  • Nel robot da cucina mettere il latte leggermente tiepido, il lievito, lo zucchero, l’olio e l’uovo.
  • Mescolare un poco e sempre mescolando unire la farina un poco alla volta. Quando avrete aggiunto metà della farina, unire il sale.
  • Sempre mescolando unire anche la manitoba.
  • Togliere l’impasto dal robot e finire di mescolarlo sulla spianatoia.
  • Formare una palla e metterla a riposare in un contenitore a chiusura ermetica. Ci vorranno circa 2 ore.
  • Trascorse le 2 ore, prendere l’impasto e lavorarlo leggermente fino a formare un filone.
  • .
  • Dividerlo in 4 parti e poi porzionarlo in palline di 40 – 50 gr circa ne otterrete circa 20 più o meno.
  • .
  • Tirare con il mattarello ogni pallina e riempirla con speck o prosciutto ridotti a striscioline e provola piccante.
  • Chiudere a fagottino e posizionare ogni pallina su di una teglia ricoperta di carta forno con la chiusura verso il basso.
  • Alternare una pallina ripiena di prosciutto con una ripiena di speck lasciandole leggermente distanziate.
  • Ricoprire con pellicola e lasciare riposare per 30 minuti.
  • In una ciotola mescolare il tuorlo d’uovo con il latte e spennellare la superficie del danubio. Ricoprire con i semi di sesamo.
  • Infornare in forno caldo statico a 180° per 30 minuti.
  • Il danubio tende a colorarsi molto in superficie, se lo volete più chiaro ricoprite con carta stagnola negli ultimi 10 minuti di cottura.
  • Sfornare e servire tiepido per gustarlo al meglio. E’ buono anche freddo.

Roselline di pasta sfoglia

Roselline di pasta sfoglia

Queste roselline di pasta sfoglia con crema di nocciole nascono dall’esigenza di avere un dolce in tavola impiegando poco tempo nella preparazione. Si, insomma “poca fatica, massima resa”. Ci vogliono circa 10 minuti di preparazione e 15 minuti di cottura e il gioco è fatto!

Ingredienti:

2 rotoli di pasta sfoglia rettangolare

4 cucchiai di crema di nocciole

granella di nocciole

poco latte

Preparazione:

  1. Prendere un rotolo di pasta sfoglia rettangolare, srotolarlo e dividerlo a metà nella parte più corta.
  2. Ricoprire una delle due metà con 2 cucchiai di crema di nocciole, quindi ricoprire con l’altra metà.
  3. Dividere il lato più corto in 5 parti e tagliare per formare 5 strisce.
  4. Arrotolare le strisce su se stesse e formare una rosellina.
  5. Adagiare su carta forno.
  6. Ripetere con l’altro rotolo gli stessi passaggi.
  7. Spennellare la superficie con un poco di latte e ricoprire con granella di nocciole.
  8. Infornare per circa 15 minuti a 190°.
  9. Sfornare, lasciare raffreddare e servire.

Ciambellone 7 vasetti alle pesche

Ciambella e 7 vasetti alle pesche

Questo ciambellone 7 vasetti alle pesche nasce dalla presenza di uno yogurt prossimo alla scadenza e tanta frutta in dispensa. La ricetta è quella della torta allo yogurt con l’aggiunta di pezzi di pesca nell’impasto che ne aumenta l’umidità. Per questo motivo prima di toglierla dal forno fate la prova stecchino per verificarne la cottura che dipende dall’umidità presente nella pesca.

Ingredienti:

1 yogurt alla pesca

3 vasetti di farina

2 vasetti di zucchero

1 vasetto di olio di semi

3 uova

1 pesca grande o 2 piccole

succo di un limone

1 bustina di lievito vanigliato

Preparazione:

  1. Prendere le uova e dividere gli albumi dai tuorli.
  2. Montare a neve gli albumi e mettere da parte.
  3. Prendere i tuorli, unire lo zucchero e montare con le fruste fino ad ottenere un impasto chiaro e spumoso.
  4. Aggiungere lo yogurt, l’olio e il succo di limone continuando a mescolare.
  5. Unire il lievito alla farina e mescolare. Con un cucchiaio unire, un po’ alla volta, la farina al composto di uova.
  6. Per ultimo unire gli albumi montati a neve mescolando con una spatola dall’alto verso il basso per non smontare il composto.
  7. Togliere la buccia alla pesca e dividerla a cubetti. Unirla al composto.
  8. Prendere una tortiera ad anello imburrata ed infarinata, versare il composto.
  9. Infornare a 180° per 40 minuti. Prima di togliere il ciambellone dal forno controllare la cottura con uno stecchino.
  10. Lasciare raffreddare e sfornare, se volete potete cospargere con zucchero a velo

Pesto con foglie di sedano

Pesto con foglie di sedano

Adoro sperimentare nuovi sapori, ma spesso non posso permettermelo perché le ragazze storcono il naso quando porto in tavola sapori nuovi. Allora approfitto della loro assenza per preparare nuovi condimenti. E’ il caso di questo pesto con foglie di sedano che ho usato per condire delle linguine. Ho preferito utilizzare del sedano verde che è decisamente più profumato. A noi è piaciuto moltissimo, anche se all’inizio sono stata scarsa perché mio marito non ama molto il sapore del sedano. Me ne è rimasto circa la metà che utilizzerò al più presto, magari anche su dei crostini di pane o con del pesce bollito.

Pesto con foglie di sedano

Ingredienti:

80 gr di foglie di sedano

40 gr di mandorle

40 gr di pinoli

50 gr di parmigiano

sale

olio q.b. per formare una crema

Preparazione:

  • La preparazione è molto semplice. Ho messo nel bicchiere del frullatore ad immersione le foglie di sedano ben lavate, con i pinoli e le mandorle.
  • Ho iniziato a frullare unendo un poco di olio.
  • Quando si è formata una salsa cremosa, ho unito il parmigiano.
  • Ho regolato di sale ed unito olio fino a creare la consistenza desiderata continuando a frullare.
  • Ho conservato in frigorifero fino all’uso.

Ancora Crostata

Ancora Crostata

Ancora Crostata. Ebbene si, mi piacciono così tanto le crostate che sono pronta a provare ogni tipo di ricetta. Questa in particolare, è preparata con una base di pasta biscotto al posto della frolla. Io la trovo deliziosa e in casa ha avuto molto successo! Con la dose qui descritta si preparano due piccole crostate con una tortiera da 20 cm oppure una grande crostata rettangolare 30×40.

Ingredienti:

500 gr di farina

200 gr di zucchero

170 gr di burro

2 uova

1 bustina di lievito vanigliato

1 vasetto di marmellata (io pesche)

Preparazione:

  1. Preparo questo impasto sulla spianatoia anche se generalmente metto tutto nel robot da cucina. Ritengo che in questo modo l’impasto si scaldi di meno e si ottenga un risultato migliore.
  2. Quindi, sulla spianatoia metto la farina, faccio il solito cratere al centro e metto zucchero, uova, burro morbido e lievito.
  3. Inizio poi ad impastare molto lentamente.
  4. All’inizio avrete l’impressione che la quantità di liquido sia insufficiente per ottenere l’impasto desiderato, ma non demordete. Pian piano tutta la farina sarà incorporata ed otterrete un impasto bello morbido pronto da lavorare subito senza riposo in frigorifero.
  5. Mettete da parte circa 1/3 dell’impasto e con un poco di farina stendete il restante impasto con il mattarello fino ad ottenere uno spessore di pochi millimetri.
  6. Rivestite con carta forno il fondo della tortiera scelta, ricoprite con la marmellata.
  7. Prendete la pasta tenuta da parte e stendetela con il mattarello. Utilizzatela per ottenere le classiche strisce e decorare la superficie della crostate come fosse una griglia.
  8. Se vi rimane un poco di pasta ricoprite pure i bordi della tortiera.
  9. Scaldate il forno a 170° ed infornate per circa 25 minuti.
  10. Controllate comunque la cottura, la pasta non deve colorare troppo, ma mantenersi bella chiara.
  11. Sfornate, lasciate raffreddare e togliete dallo stampo. Buon appetito!

Dolce Torino

Dolce Torino

Quest’anno per Pasqua mi sono cimentata nella preparazione del Dolce Torino. È il dolce che preparava sempre mia suocera nelle occasioni importanti. Non c’era Pasqua, Natale che passasse senza il Dolce Torino. Mi ha sempre raccontato che era il dolce preparato per il suo matrimonio e per questo le era caro. Allora ho preso il suo vecchio libretto, dove scarabocchiava le sue ricette e ho provato a riprodurlo. Di sicuro non e identico a quello preparato da lei (ho diminuito le dosi di burro e uova), in alcuni passaggi ho avuto delle difficoltà per capire come fare, ma è stato un successo. Un successo anche perché ci ha permesso di ricordarla, come se fosse ancora con noi.

Ingredienti:

Per la pasta:

125 gr di farina

90 gr di fecola di patate

3 uova

50 gr di burro

100 gr di zucchero

50 ml di latte

1/2 bustina di lievito

Per la crema di burro:

2 tuorli d’uovo

150 gr di burro

100 gr di zucchero

Per la crema al cioccolato:

100 gr di cioccolato fondente

3 cucchiai di latte

1 cucchiaio di zucchero

Per il croccante:

100 gr di zucchero

50 gr di mandorle

Per completare:

mandorla amara

Preparazione:

  1. Iniziare dalla preparazione della pasta
  2. Accendere il forno a 180° in modo che una volta preparato l’impasto, il forno sarà già caldo.
  3. Prendere le uova e separare i tuorli dagli albumi.
  4. Montare gli albumi a neve ben ferma.
  5. In un’altra ciotola unire ai tuorli lo zucchero e montare anche questi fino ad avere una massa spumosa e chiara.
  6. Unire ai tuorli il burro morbido e il latte, continuando sempre a mescolare con le fruste.
  7. Unire alla farina la fecola e il lievito e sempre mescolando unire ai tuorli aggiungendone un cucchiaio alla volta.
  8. Solo a questo punto unire anche gli albumi facendo attenzione a non smontare il composto (fare movimenti dal basso verso l’alto).
  9. Imburrare ed infarinare uno stampo a cerniera, versare l’impasto ed infornare, a forno caldo, per circa 30 minuti.
  10. Lasciare raffreddare e poi togliere la parte della crosta superficiale.
  11. Prendere la base della torta e bagnarla con la mandorla amara.
  12. Lavorare i rossi d’uovo con lo zucchero e il burro e conservare in frigorifero.
  13. Una volta raffreddata, ricoprire, la base della torta, con la crema al burro e posizionare nuovamente in frigorifero.
  14. Sciogliere il cioccolato a bagnomaria con il latte e lo zucchero, mescolare bene fino a quando si sarà formata una crema omogenea.
  15. Posizionare ancora caldo sulla crema al burro e mettere subito in frigorifero.
  16. Per ultimo preparare lo strato di croccante alle mandorle.
  17. In un pentolino posizionare lo zucchero con due cucchiai di acqua e lasciare sul fuoco fino a quando lo zucchero assumerà un colore ambrato.
  18. Fare questa operazione a fuoco lento, ci vorrà un poco di tempo in più ma lo zucchero non si brucerà.
  19. Nel frattempo tritare le mandorle in modo grossolano e aggiungerle allo zucchero caramellato.
  20. Distribuire il croccante, in maniera uniforme, sulla torta e mantenere in frigo fino al momento di servire.
  21. Io lo ho tagliato a cubetti.

Cous cous di casa mia

Cous cous di casa mia

Cous cous di casa mia perché è quello che preparo sempre e che viene letteralmente divorato ogni qual volta arriva in tavola. Non è mai abbastanza! Ho iniziato a prepararlo in questo modo perché Martina non ama molto le verdure e ogni volta che ne vede a pezzetti storce il naso. Allora per non sentire i soliti brontolii ho ridotto tutto a pezzettni, come si fa per il soffritto. Io in genere metto le verdure che mi ritrovo in casa, quindi il sapore può variare. Quello che non manca mai è cipolla, carota, sedano e peperoni.

Ingredienti:

300 gr di cous cous precotto (quello che cuoce in 5 minuti)

1/2 peperone rosso

1/2 peperone giallo

1 cipolla

1 costa di sedano

1 zucchina

1 patata

2 pomodori maturi

1 scatola di tonno da 140 gr

1 cucchiaino di curcuma

olio

sale

pepe

Preparazione:

  1. Pulire accuratamente tutte le verdure, inserirle nel robot da cucina e tritare bene il tutto come se si dovesse preparare un soffritto.
  2. Posizionare le verdure in un’ampia padella antiaderente e accendere il fuoco. Mescolando fare asciugare le verdure in modo che perdano l’acqua fuoriuscita.
  3. Quando si saranno asciugate, aggiungere tre cucchiai di olio, sale, pepe e curcuma e fare rosolare.
  4. Portare a bollore 300 ml di acqua con un bel pizzico di sale (sarà quello necessario per salare il cous cous).
  5. Aggiungere il cous cous alle verdure e sempre mescolando e sul fuoco, tostare il cous cous per circa 2 minuti.
  6. Aggiungere l’acqua bollente al cous cous e posizionare il coperchio sulla padella.
  7. Lasciare riposare per circa due minuti. Togliere il coperchio e con una forchetta sgranare il cous cous.
  8. Solo a questo punto scolare il tonno dall’olio di conservazione ed unirlo al cous cous.
  9. Mangiare tiepido.

Crema pasticcera con amido di mais

Crema pasticcera con amido di mais

Crema pasticcera che al posto della farina usa l’amido di mais quindi adatta a tutte le diete prive di glutine. Come sempre utilizzo l’uovo intero perché non amo sprecare e il risultato è ottimo. Una crema  fine,  liscia e molto lucida. La si può utilizzare così semplicemente al cucchiaio ma anche per riempire bignè o torte.

Ingredienti:

2 uova

500 ml di latte

120 gr di zucchero

40 gr di amido di mais

1 bustina di vanillina

scorza di limone grattugiata

sale

Preparazione

  • Sbattere leggermente le uova.
  • Aggiungere lo zucchero e l’amido di mais mescolando bene con una frusta per eliminare gli eventuali grumi presenti.
  • Unire la scorza di limone grattugiata, la vanillina e un pizzico di sale sempre mescolando.
  • Per ultimo unire il latte caldo mescolando sempre con la frusta.
  • Posizionare sul fuoco a fiamma bassa e sempre mescolando portare a cottura.
  • Sarà cotta quando inizierà a formare delle bolle in superficie.
  • Spegnere il fuoco e lasciare raffreddare posizionando una pellicola a contatto della crema in modo da non fargli creare la crosta in superficie.
  • Utilizzare come più vi piace.

Castagnaccio a modo mio

Castagnaccio a modo mio

Non aspettatevi il classico castagnaccio con sola acqua e farina, a me piace così, arricchito di latte e con un poco di zucchero. A mio avviso il gusto ci guadagna! La preparazione e l’aspetto sono quelli del castagnaccio e il gusto è tipico della farina di castagne. Da provare!

Ingredienti:

200 gr di farina di castagne

150 ml di acqua

150 ml di latte parzialmente scremato

1 cucchiaio di zucchero

2 cucchiai di olio di oliva

50 gr di uvetta sultanina

30 gr di pinoli

1 rametto di rosmarino

1 pizzico di sale

Preparazione:

  • Setacciare molto bene la farina di castagne. Operazione assolutamente da eseguire se si vuole evitare la formazione di grumi.
  • Unire l’acqua al latte e aggiungerli lentamente alla farina di castagne mescolando continuamente con una frusta.
  • Si ottiene un composto liquido.
  • Unire lo zucchero, il sale e l’olio sempre mescolando.
  • Ammolare l’uvetta in acqua tiepida per pochi minuti. Poi scolarla e strizzarla per eliminare l’eccesso d’acqua. Unirne la metà al composto.
  • Prendere una teglia antiaderente di 22- 24 cm, rivestire il fondo con un cerchio di carta forno.
  • Versare il composto.
  • Distribuire la restante uvetta, i pinoli e gli aghi di rosmarino.
  • Infornare a 200 gradi per 30 minuti. È cotto quando in superficie si formeranno le classiche crepe.
  • Buonissimo anche tiepido.

Biscottini con farina di castagne

Biscottini con farina di castagne

Mi hanno regalato della farina di castagne e quindi ho pensato di preparare questi biscottini golosissimi. Oltre alla farina di castagne contengono cacao e miele per poi finire con una copertura di nocciole croccanti. Conquisteranno tutti gli amanti dei dolci con castagne, ne sono certa!

Ingredienti:

180 gr di farina di castagne

30 gr di cacao amaro

60 gr di farina 00

1 uovo

80 gr di burro

70 gr di zucchero

40 gr di miele

una manciata di nocciole

1 cucchiaino di lievito vanigliato

 

Preparazione:

  1. Nel robot da cucina unire lo zucchero con il burr e lavorare fino ad ottenere una crema.
  2. Aggiungere l’uovo continuando a mescolare fino ad incorporarlo al composto.
  3. Unire il miele, il lievito, il cacao e le due farine.
  4. Lavorare poco fino ad ottenere un composto compatto.
  5. Togliere dal robot e finire di lavorare su di una spianatoia.
  6. Formare un rotolo allungato di circa 3, 4 cm.
  7. Tagliare a rondelle di 1,5 cm di spessore e posizionare su di una leccarda ricoperta di carta forno.
  8. Prendere le nocciole e tritarle grossolanamente. Distribuirle sui biscotti preparati pressandole poco per farle aderire ai biscotti.
  9. Infornare a 175 gradi per 12 minuti.
  10. Sfornaree fare raffreddare.