Crea sito

Brutti e Buoni salati

I “Brutti e Buoni” salati sono una variante molto sfiziosa dei classici dolcetti friabili a base di frutta secca diffusi in molte parti di italia. I “Brutti e Buoni” che vi propongo oltre ad essere salati, sono un po’ diversi negli ingredienti di base, ma hanno la stessa croccantezza di quelli classici. Adattissimi per accompagnare un aperitivo, sono veloci e semplici da preparare, inoltre li potete realizzare con diversi ingredienti creando cosi’ una gustosa varietà di sapori. Nella ricetta che segue vi presenterò le due versioni che faccio più spesso e che, neanche a dirlo, sono apprezzatissime. Ovviamente sono possibili tantissime altre combinazioni che potete scegliere secondo il vostro gusto e soprattutto… la vostra fantasia. Provateli subito, sono buonissimi!!

brutti e buoni salati
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • CucinaItaliana

Cosa serve per fare i “Brutti e Buoni” salati

Ingredienti per 7 “Brutti e Buoni” versione prugne e speck

  • 60 gdi taralli o grissini ai cereali
  • 1 cucchiaiodi semi misti (sesamo, lino, girasole)
  • 1albume
  • 30 gspeck (o pancetta affumicata) (circa tre fette sottili)
  • 40 gprugne secche denocciolate (circa 6 prugne)
  • 20 gcipolla rossa
  • Mezzo cucchiaioolio extravergine d’oliva
  • Mezzo cucchiainopaprika
  • q.b.sale

Ingredienti per 7 “Brutti e Buoni” versione olive e pomodori secchi

  • 60 gdi taralli o grissini ai cereali
  • 1 cucchiaiodi semi misti (sesamo, lino, girasole)
  • 1albume
  • 20 gpomodori secchi (circa 4-5)
  • 20 golive verdi denocciolate (vanno bene anche quelle condite)
  • q.b.timo o origano (fresco o secco)
  • q.b.sale

Strumenti

  • Teglia piatta da forno
  • Carta forno
  • Sbattitore o frusta per montare le chiare

Preparazione dei “Brutti e Buoni” salati

Versione speck e prugne

  1. speck da cuocere per i brutti e buoni

    Cuocere le fette di speck in padella, oppure al microonde per un paio di minuti, fino a che non diventeranno scroccanti.

    Metterle a sgocciolare sopra un foglio di carta assorbente e lasciare raffeddare.

  2. ingredienti da aggiungere per la versione speck e prugne

    Tagliare le prugne secche e lo speck croccante a pezzetti.

    Affettare la cipolla in piccoli cubetti.

  3. cottura cipolla per i brutti e buoni

    Cuocere la cipolla per qualche minuto a fuoco dolce con l’olio e un pizzico di sale. Se avete il microonde, basteranno una trentina di secondi alla potenza di 750W.

  4. grissini ai cereali per i brutti e buoni

    Mettete i grissini o i taralli in una ciotola ampia.

  5. riduzione dei grissini in briciole

    Pestateli leggermente rompendoli in briciole non troppo piccole, come in figura.

    Aggiungete la paprika e i semi al composto.

  6. ingredienti mischiati alle briciole

    Aggiungete poi le prugne, lo speck e le cipolle cotte, mischiando bene.

  7. Procedete poi come spiegato piu’ avanti per la formazione e cottura dei “Brutti e Buoni”

Versione olive e pomodori secchi

  1. ammollo pomodori secchi

    Fate rinvenire i pomodori secchi in acqua bollente per un paio di minuti.

    Scolateli e lasciateli raffreddare su della carta da cucina per eliminare l’eventuale acqua residua.

  2. Sciacquate ed asciugate le olive, se usate quelle in salamoia.

  3. taglio olive e pomodori secchi

    Riducete sia le olive che i pomodori in piccoli pezzetti

  4. riduzione dei grissini in briciole

    Mettete i grissini o i taralli in una ciotola ampia.

    Pestateli leggermente rompendoli in briciole non troppo piccole, come in figura.

  5. aggiunta degli aromi a impasto

    Aggiungete il timo (o l’origano) e i semi al composto.

    Aggiungete poi le olive e pomodori secchi tagliati, mischiando bene.

Formazione e cottura dei “Brutti e Buoni”

  1. Per tutte le versioni: completate l’impasto procededendo come segue:

  2. chiare montate quasi a neve

    Montate gli albumi con lo sbattitore a frusta fermandovi quando saranno gonfie, senza arrivare al punto di neve fermissima.

  3. preparazione composto brutti e buoni

    Aggiungete al composto gli albumi montati.

  4. impasto dei brutti e buoni mischiato con gli albumi

    Girando delicatamente, distribuite bene gli albumi

  5. preparazione dei mucchietti di briciole

    Prelevate dei mucchietti di composto usando un cucchiaio e adagiateli distanziati sulla teglia ricoperta di carta forno.

  6. brutti e buoni salati pronti per la cottura

    Inumiditevi le dita e compattate ogni singolo mucchietto premendo bene verso il centro, facendo in modo di dargli la forma di una piccola cupola.

    Cuocete “Brutti e Buoni” in forno caldo, possibilmente usando la funzione ventilata a 160oC per 15 minuti circa.

  7. brutti e buoni salati cotti

    I “Brutti e Buoni” dovranno essenzialmente asciugare, senza colorirsi, quindi sorvegliateli e se necessario, abbassate la temperatura.

    Una volta cotti lasciateli raffreddare nella teglia prima di trasferirli nell’eventuale piatto di portata.

Si possono conservare in ambiente asciutto e ben chiusi in un sacchetto per un paio di giorni, anche se vi consiglio di consumarli in giornata, perche’ sono sicuramente più fragranti.
Se siete poi in vena di finger food o “apericena”, allora vi consiglio anche di provare anche le Crocchette di melanzane con salsa agrodolce che faranno un’ottima compagnia ai “Brutti e Buoni” salati!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.