Vellutata di patate viola con sesamo e porri fritti

Non avete la minima idea di quanto abbia cercato in giro le patate viola. No davvero, c’era un periodo in cui ne ero ossessionata e le cercavo ovunque… ma niente! Qui non le trovavo proprio. Poi ho smesso di cercarle… e come succede sempre, bibidi bobidi bù sono comparse davanti a me all’Eurospin! Ed io quasi mi mettevo in ginocchio a pregare davanti a loro per il miracolo ricevuto.

Beh, ci sono un milione di ricette che vorrei provare con le patate viola. Cappucini, chips, spume e simili. Ma visto che non le conosco per nulla e non le ho mai assaggiate ho pensato che come prima volta era meglio tentare qualcosa di molto semplice come una vellutata. Con quella non si può di sicuro sbagliare. Speriamo le riportino poi nello stesso supermercato per sperimentare pure le altre ricette.

Alla fine devo dire che sono molto soddisfatta. La vellutata di porrie patate viola è un piatto semplicissimo e molto veloce da fare. Il colore è un viola intenso come piace a me e anche il sapore è molto buono e delicato. L’accostamento col porro poi credo sia perfetto, in effetti con patate e porri e molto difficile sbagliare. Per i prossimi tentativi però farò sicuramente qualcosa di più azzardato. Ho già visto un cappuccino di patate viola con spuma al gorgonzola che voglio assolutamente fare… devo solo comprare le tazzine trasparenti da cappuccio prima però.

  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 25 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 2 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • Patate viola 500 g
  • Porri 1/2
  • Olio extravergine d'oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Olio di semi (per friggere) q.b.
  • Semi di sesamo (tostati) q.b.
  • Brodo vegetale 500 ml
  • Farina di riso q.b.

Preparazione

  1. In un tegamino mettiamo un filo d’olio extravergine d’oliva a scaldare e mettiamo subito a cuocere il mezzo porro affettato sottilmente a rondelline. Dopo un paio di minuti aggiungiamo le patate viola sbucciate e tagliate a cubetti. Mescoliamo bene e copriamo con del brodo vegetale. Aggiustiamo di sale e facciamo cuocere finchè le patate non saranno belle morbide, ci vorranno 20-25 minuti.

    Nel frattempo che le patate e i porri cuociono, prendiamo il porro rimanente e togliamo la foglia estena. Ritagliamola a listarelle sottili (è un’operazione che si fa facilmente anche solo con le mani), passiamole in poca farina di riso (o se non l’avete va bene anche quella normale) e mettiamole a friggere in una padella con olio di semi bollente. Scoliamo dall’olio e mettiamo ad asciugare su della carta assorbente. In un’altra padellina antiaderente mettiamo poi a tostare una manciata di semi di sesamo e teniamo da parte.

    Una volta che porri e patate sono cotti frulliamo tutto bene con un minipimer e serviamo la vellutata in una ciotola o in una fondina. Mettiamo un filo di olio a crudo, cospargiamo coi semi di sesamo tostati e al centro mettiamo il porro fritto. Volendo possiamo arricchire ulteriormente la vellutata con dello yogurt greco, della robiola o della ricotta. Io prima di mangiarlo in effetti ho aggiunto un po’ di robiola ed era buonissima, dava un tocco di freschezza che ci stava benissimo.

Note

Precedente Maccarones de busa, tipica pasta tradizionale sarda Successivo Sformato filante di patate, funghi e prosciutto

Lascia un commento