Vellutata detox di carote e finocchi

La vellutata di carote e finocchi è un piatto perfetto peri periodi del dopo feste natalizie o comunque per le diete in generale. Semplicissima da fare, è un piatto molto leggero e depurante, ma allo stesso tempo davvero buono.

Gli ingredienti principali come si intuisce sono le carote e i finocchi. Le prime sono ricche fonti di vitamina A, mentre i secondi sono ricchi di molteplici proprietà depurative e hanno effetti diuretici. Per queste loro salutari proprietà sono vegetali assolutamente essenziali per le diete e la loro vellutata è già perfetta così al naturale.

Volendo arricchire la nostra vellutata possiamo aggiungere spezie, frutta secca, erbe aromatiche o crostini di pane. Io personalmente ho aggiunto delle lamelle di mandorle tostate velocemente in padella e dei crostini di pane di segale tostati al forno con un filo d’olio d’oliva casalingo. Vi assicuro che così è davvero deliziosa. In più l’ho accompagnata con un estratto di mela, arancia e carota supersalutare e ricco di tante vitamine.

  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    30 minuti
  • Porzioni:
    2 persone
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • Finocchi 1
  • Carote 4
  • Brodo vegetale 800 ml
  • Sale q.b.
  • Scalogno 1
  • Mandorle in scaglie 1 cucchiaio
  • Pane di segale 1 fetta
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione

  1. Se non ne avete di pronto, preparate un litro di brodo vegetale da utilizzare per cuocere la nostra vellutata. Una volta pronto, mettiamo in una pentola di medie dimensioni un filo d’olio d’oliva e lo scalogno tritato finemente. Facciamo andare per un minuto e poi aggiungiamo i finocchi e le carote, che avremo prima pulito e poi tagliato a fettine sottili. Facciamo insaporire bene le verdure  epoi copriamo tutto con abbondante brodo caldo. Copriamo con un coperchio e facciamo cuocere per venti o trenta minuti, finchè le verdure non sono belle morbide.

    Togliamo quindi il brodo in eccesso conservandolo in un bicchiere, aggiustiamo di sale e frulliamo il tutto con un minipimer. Se la vellutata risulta troppo asciutta possiamo aggiungere un pochino del brodo che avevamo conservato.

    Nel frattempo che le verdure cuociono, mettiamo le lamelle di mandorle in un padellino e facciamole tostare per pochi minuti. Allo stesso tempo tagliamo a cubetti la fettina di pane di segale e mettiamo tutto in una teglia rivestita di carta forno, irroriamo con un filo d’olio extravergine e mettiamo in forno già caldo a 200° finchè i crostini non sono belli tostati.

    Una volta che è tutto pronto versiao la vellutata calda nelle ciotole e guarniamo con le lamelle di mandorle e i crostini di pane di segale. Guarniamo ulteriormente con un ciffetto di barba di finocchio. Buon appettito.

Precedente Mug cake al cacao con cuore morbido di Nutella Successivo Seppie ripiene di cous cous in agrodolce

Lascia un commento