Crea sito

Cream tart con fragole e girasoli

Ieri era il compleanno di mia zia e come da qualche anno a questa parte le ho fatto la torta. Anche quest’anno, tanto per cambiare, ho voluto sperimentare facendo quello che è il tomentone degli ultimi mesi di tutte le pagine facebook di cucina e pasticceria che conosco: la cream tart. Ancora non avevo avuto occasione di provare a farla, quindi ho colto la palla al balzo e ci ho provato. Si tratta di una via di mezzo tra una crostata e una torta, con una doppia base che contiene tanta goduriosa crema all’interno e sopra.

La base può essere realizzata con frolla (che sarebbe la più corretta visto che tart in inglese indica la crostata) o pasta biscotto o anche pan di spagna, la scelta è nostra in base a quello che vogliamo realizzare. Si può ritagliare a forma di lettera, numero, stella, cuore o ci si può sbizzarrire con la fantasia, e poi farcire con una crema preferibilmente consistente. Io ho scelto di realizzare un cuore in pasta sablè da farcire con della camy cream alla fragola…

In realtà inizialmente doveva essere una camy classica, la mia spacciatrice dolciaria preferita (proprietaria di Vininfarina ad Assemini) mi ha voluto far provare un nuovo aroma/sciroppo alle fragole che le era appena arrivato in negozio e non ho saputo resitere. La crema è stata abbondantemente annaffiatta con questo sciroppo e il gusto era decisamente delizioso.

  • Preparazione: 90 Minuti
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 1 crostata
  • Costo: Economico

Ingredienti

Pasta sablè

  • Burro 300 g
  • Farina 00 500 g
  • Zucchero a velo 200 g
  • Tuorli 90 g
  • Scorza di limone 1
  • Sale 1 pizzico

Camy cream

  • Mascarpone 500 g
  • Panna fresca liquida 250 g
  • Latte condensato 170 g
  • Aroma Camel alla fragola 1 cucchiaio

Preparazione

Pasta sablè

  1. La prima cosa da preparare sono le due basi per la cream tart. Per l’occasione ho fatto una doppia dose della ricetta per la pasta sablè della mia amica Angela Littera. Un’ottima frolla sia per biscotti che per questo genere di crostate, mantiene bene la forma e resta morbida e friabile. Io ho impastato con la planetaria usando il gancio a K, ma si può impastare anche a mano senza problemi. Impastiamo prima il burro con la farina fino a ottenere un effetto sabbiato, aggiungiamo quindi i tuorli e continuiamo a impastare un altro pochino. Aggiungiamo quindi il sale e la buccia di limone e per ultimo lo zucchero. Dopo aver ottenuto una palla liscia e omogenea mettiamo a riposare un’oretta in frigo.

    Riprendiamo la nostra frolla, la stendiamo su un piano infarinato e ritagliamo per due volte la forma che ci serve (nel mio caso due cuori forati al centro) aiutandoci con delle sagome ritagliate su carta forno. Mettiamo quindi in forno preriscaldato a cuocere per 13-15 minuti a 180 gradi.

Camy cream

  1. Con la planetaria o con un frullino elettrico montiamo dentro un’ampia ciotola il mascarpone, la panna fresca e l’aroma desiderato (nel mio caso ho usato quello alla fragola analcolica della Camel, che ha donato alla crema un bel colore rosa). Mentre montiamo tutto aggiungiamo a filo il latte condensato. Una volta che è tutto montato, mettiamo la crema dentro una sac a poche con bocchetta liscia e farciamo. Prima ricopriamo una base di pasta sablè, poi mettiamo sopra la seconda base e ricopriamo con la crema anche quella. A questo punto possiamo decorare a nostro piacimento. Io ho decorato con fragole fresche, meringhe fatte in casa con gli albumi avanzato dalla frolla, perline di zucchero e girasoli fatti da me in pasta di zucchero.

Note

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da danielacakes

Mamma con una grandissima passione per la cucina, per il fai da te, i viaggi e le serie tv. Prendo ispirazione da tutto ciò che mi circonda e vedo, ispiarazioni che poi traduco nei miei piatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.