Canederli veg al cavolo nero in brodo

Ormai mi sto appassionando ai piatti pretamente autunnali usando come base le verdure di stagione. Visto che ora al mercato si trovano bei mazzi di cavolo nero ho subito cercato in giro sul web una bella ricettina per consumarne almeno una parte non a zuppa, come si usa in genere. Ecco che ho trovato così la ricetta di questi stupendi canederli veg al cavolo nero sul blog di Karmaveg .

I canederli sono una sorta di gnocchi a base di pane raffermo in genere fatti con formaggi o speck tipici della cucina del Nord Italia (Alto Adige, Trentino, Valtellina, Tirolo, etc). In questa versione abbiamo dei canederli più leggeri, assolutamente vegani realizzati con pane, farina di farro, un mix di erbe aromatiche, scalogno e come protagonista il cavolo nero. Il tutto cotto in un semplice brodo di verdure, sano e gustoso.

Devo dire che il risultato finale è semplicemente delizioso. Un piatto molto povero, dai sapori semplici ma ben definiti e che alla fine si sposano perfettamente insieme. Mi sono decisamente pentita di non averne fatti di più per quanto buoni.

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    75 minuti
  • Cottura:
    3 minuti
  • Porzioni:
    2 persone
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • Pane raffermo 150 g
  • Cavolo nero 100 g
  • Scalogno 1
  • Sale q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Aromi (timo, erba cipollina, rosmarino, salvia) q.b.
  • Brodo vegetale (sedano, carote e cipolle) 500 ml
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Farina di farro 30-50 g

Preparazione

  1. Per prima cosa prepariamo il brodo in cui cuoceremo i canederli. Mettiamo in una pentola un litro d’acqua e dentro mettiamo due carote a pezzettoni, una cipolla tagliata a metà e due coste di sedano. Facciamo sobollire a fiamma bassa per circa un’oretta. Poco prima di spegnere il fuoco mettiamo nella pentola anche le foglie di cavolo nero e lasciamole dentro per pochi minuti, il tempo che le foglie diventino belle tenere e poi togliamole subito.

    Mettiamo le foglie di cavolo nero su un tagliere e tagliamo via le parti più dure (le foglie più dure e le coste centrali). Tagliamo quindi il cavolo a listarelle sottili e strizziamolo bene. Teniamo da parte.

    In una ciotola mettiamo il pane (sceglietene uno con molta mollica che sia vecchio di due o tre giorni al massimo). Versiamoci sopra un mestolino di brodo. Non usiamo troppo brodo, facciamo in modo che il pane si bagni da solo a poco a poco per una decina di minuti.

    Nel frattempo tritiamo lo scalogno e mettiamolo a cuocere in una padella con un filo d’olio extravergine. Aggiungiamo anche il cavolo nero tagliato a listarelle e facciamo saltare bene il tutto per insaporire. Saliamo leggermente per far perdere utta l’acqua. Una volta pronto aggiungiamo cavolo e scalogno al pane ammollato nel brodo.

    Aggiungiamo al pane e alle verdure un cucchiaio d’olio, sale, pepe e il mix d’aromi. Iniziamo a lavorare l’impasto aggiungendo poco alla volta la farina di farro fino ad ottenere la giusta consistenza per formare i canederli. A questo punto inumidiamo un pochino le mani e formiamo le nostre palline di circa 3-4 cm di diametro.

    Mettiamo i canederli a cuocere nel brodo bollente e aspettiamo pochi minuti. Quando i canederli saliranno in superficie saranno pronti e potremo servirli in ciotoline di coccio o piatti fondi insieme a un po’ di brodo e a dei pezzettoni di carote. Buon appetito.

Precedente Dorayaki, le frittelle giapponesi di Doraemon Successivo La pasta al forno di Babbo Natale

Lascia un commento