Crea sito

Pizza al piatto con solo 5 g di lievito

pizza al piatto

Questa è la ricetta che utilizzo più spesso per preparare una buona pizza fatta in casa, da cuocere nei nostri normalissimi forni, una pizza al piatto croccante sotto e morbida sopra, che si stende facilmente con le mani, così da lasciare un bel cornicione che sarete voi a decidere se farlo più alto o più basso, semplicemente utilizzando le mani.
Come sappiamo ormai tutti per ottenere un buon prodotto la pizza deve avere una lunga lievitazione. Questa pizza al piatto con solo 5 g di lievito di birra che vi propongo oggi prevede circa 24 ore di lievitazione, ma, con le farine giuste potete spingervi anche a 30 ore.

Il risultato di questa lunga attesa sarà una pizza ben lievitata, facilmente digeribile e dal sapore delizioso.
La dose è per 8 pizze, se ne vorrete preparare di meno, dividete gli ingredienti in proporzione al numero di pizze che dovete infornare.
Non spaventatevi per la lunga lievitazione, ne trarrete grandi benefici! Io ritengo che se devo mangiare qualcosa deve essere buono e prodotto nel migliore dei modi, non tutto può essere ‘veloce’ 😀

  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo1 Giorno
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni8
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti per 8 basi di pizza

  • 120 gsemola rimacinata di grano duro
  • 1160 gfarina 0 (per pizza a lunga lievitazione – 280 W)
  • 5 glievito di birra fresco
  • 40 gsale fino
  • 45 golio extravergine d’oliva
  • 750 gacqua

Prepariamo la pizza al piatto con solo 5 g di lievito

  1. L’impasto è facilmente lavorabile a mano, ma se preferite, utilizzate l’impastatrice.

    Iniziamo miscelando la farina 0 per pizza con la semola rimacinata. Prepariamo la fontana sulla spianatoia e allarghiamo il centro. Se, invece, vi trovate meglio a lavorare in ciotola non ci sono problemi.

  2. Sbricioliamo il lievito, aggiungiamo l’acqua e sciogliamo i 5 g di lievito di birra fresco. Aggiungiamo, sempre al centro, l’olio evo e il sale al lato della fontana, non insieme al lievito.

    Mescoliamo tutto, facendo assorbire pian piano l’acqua.

    Lavoriamo bene, appallottoliamo l’impasto e mettiamo in ciotola a lievitare ben coperto da pellicola per circa 6 ore.

  3. Trascorso questo tempo, riprendiamo l’impasto e diamo un giro di pieghe di rinforzo, come vedete qui, rimettiamo l’impasto in una ciotola abbastanza capiente (oppure dividete l’impasto in due così da metterlo in due ciotole), sigilliamo bene con la pellicola e mettiamo in frigo per circa 12 ore.

  4. Dopo la lenta lievitazione di 12 ore in frigo, riprendiamo l’impasto, lasciamolo acclimatare per circa 2 ore, dopodichè spostiamolo sulla spianatoia e realizziamo 8 panetti di circa 260 g ognuno. Avvolgiamoli stretti sempre con le pieghe di rinforzo e lasciamoli lievitare, sempre coperti da pellicola, per altre 4 ore.

  5. pizza al piatto

    Adesso è il momento di preparare le pizze! Riscaldate le dita e iniziamo!!

    Accendiamo il forno a 200-220° gradi, se l’avete, mettete la pietra refrattaria a riscaldare, altrimenti potete utilizzare una normale teglia da forno, ma non mettete olio sul fondo! Comunque vi consiglio di acquistarla una pietra refrattaria, io la utilizzo spesso sia per preparare il pane che per la pizza e la cottura è veramente fenomenale!!!

  6. Spolveriamo la spianatoia, prendiamo il primo panetto e partendo dal centro, iniziamo ad allargare il panetto utilizzando le punte delle dita, in modo che l’aria vada dal centro verso l’esterno, così otterremo un bel cornicione!

    Quando l’avrete assottigliato un po’ potete cimentarvi nella stesura a schiaffo se riuscite oppure, delicatamente allargate la base della pizza tirandola dai bordi.

  7. pizza al piatto

    Una volta che il panetto sarà bello steso, possiamo iniziare a condire la nostra pizza!
    Qui vi faccio vedere una semplice margherita! Fate attenzione a lasciare almeno un paio di cm di bordo non condito perchè altrimenti il condimento rischierà di fuoriuscire e, se utilizzate la pietra refrattaria, si sporcherà, oppure se utilizzate la teglia, il condimento fuoriuscito non renderà croccante la base della pizza.

  8. pizza al piatto

    Questa pizza invece è condita con funghi, scamorza e speck!

  9. pizza al piatto
  10. pizza al piatto

..e se otto pizze sono troppe!?

Io molto spesso, quando preparo la pizza al piatto con solo 5 g di lievito, ne preparo sempre qualcuna in più. Infatti è possibile congelare i panetti, ma io preferisco realizzare le basi per pizza condite con solo un po’ di salsa, cuocerle e, dopo che si raffreddano congelarle, così ne ho sempre qualcuna a disposizione per una cena veloce o per quando proprio non ho voglia di cucinare nulla!!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da dalfuocoaifornelli

Mi chiamo Patrizia! Con questo blog unisco le mie passioni: la cucina e la storia! Sono un'archeologa cuciniera, mi diverto a riproporre, tra le altre, ricette antiche da poter sfornare in cucine moderne!!