Friselle

friselle

Caratteristiche della mia Puglia (ma non solo!) sono le friselle: ciambelline di pane tagliate a metà e tostate. Comodissime da tenere in dispensa per una merenda diversa, bagnate con acqua e condite con pomodoro, olio, sale e origano, ideali per accompagnare le insalate o come aperitivo o antipasto. Ne conservo sempre un po’ in una scatola di latta, così i piccoli di casa, possono prenderle e condirle da soli. Le adorano, soprattutto in questo periodo, per la merenda, così possono tornare subito a giocare!!

Eccovi la ricetta!

Ingredienti
250 g di farina 0
250 g di semola rimacinata (io utilizzo la ‘Senatore Cappelli’ macinata in un mulino di Altamura)
300 g di acqua
130 g di pasta madre
30 g di olio evo
15 g di sale
1 cucchiaino di zucchero di canna

friselle
friselle

Dopo aver rinfrescato la pasta madre, trascorse le solite 3-4 ore, prelevatene il quantitativo richiesto dalla ricetta e scioglietelo in due terzi dell’acqua insieme al cucchiaino di zucchero. In quella rimanente sciogliete il sale.
Aggiungete la semola e la farina, l’olio e, continuando ad impastare, inserite l’acqua in cui avete sciolto il sale.

Impastate bene: il composto deve essere elastico e lucido. Arrotondatelo sulla spianatoia e mettetelo in ciotola a riposare coperto da pellicola per circa un paio d’ore.

Trascorso questo tempo dividete l’impasto in pezzature da circa 60 g. Otterrete così 15 palline. Arrotolando stretto l’impasto, realizzate dei salsicciotti abbastanza lunghi da poter realizzare una bella ciambella. Mettete a lievitare le ciambelle ottenute fino al raddoppio coperte, sempre, dalla pellicola.

Infornate a 210 per circa 15 minuti. Sfornatele e lasciatele raffreddare.
Tagliatele a metà e infornatele nuovamente a 150 gradi per circa 30 minuti, fino a che non saranno ben asciutte e dorate.

Vi aspetto anche su instagram qui o su facebook qui!!

Felice giornata!! 😀

Pubblicato da dalfuocoaifornelli

Mi chiamo Patrizia! Con questo blog unisco le mie passioni: la cucina e la storia! Sono un'archeologa cuciniera, mi diverto a riproporre, tra le altre, ricette antiche da poter sfornare in cucine moderne!!