Stinco di maiale alla birra

Stinco di maiale alla birra, un secondo piatto morbido e saporito. Il segreto per una buona riuscita di questo piatto é la marinatura con la birra e le spezie per un minimo di 12 ore che permette alla carne di insaporirsi, e la cottura molto lunga che permette al tessuto connetivo, di cui lo stinco è ricco, di gelatinizzare e quindi ammorbidirsi. Scopriamo insieme come realizzarlo!

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo12 Ore
  • Tempo di cottura2 Ore 30 Minuti
  • Porzioni2 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1stinco di maiale
  • 75 clbirra
  • 4 ramettirosmarino
  • 4 fogliealloro
  • 1 spicchioaglio
  • 3 gpepe nero in grani
  • 2carote
  • 1cipolla
  • 1 costasedano
  • q.b.sale
  • q.b.olio extravergine d’oliva

Preparazione

  1. La sera prima inserite in un contenitore lo stinco con tutti gli aromi.

  2. Versate la birra, coprite e lasciate marinare in frigorifero per 12 ore.

  3. Il giorno seguente, scolate lo stinco, tamponate bene con dei fogli di carta assorbente da cucina. Scolate gli aromi, versate la birra in una caraffa, tenete da parte.

  4. Prendete una pentola capiente, versate l’olio evo fate scaldare, quando l’olio sarà bene caldo inserite lo stinco.

  5. Fate rosolare bene da tutti i lati, regolate di sale.

  6. Nel frattempo tagliate, le carote, il sedano e la cipolla a cubetti.

  7. Quando lo stinco sarà ben rosolato, aggiungete le carote, il sedano e la cipolla, rosolate per 5 minuti.

  8. Inserite la birra della marinatura, fate riprendere il bollore e inserite tutte le erbe aromatiche tenute da parte, coprite e cuocete a fiamma medio bassa per 2 ore, avendo la premura di girarlo più volte.

  9. Trascorse le 2 ore di cottura prendete una pirofila, inserite lo stinco, irrorate con olio evo inserite un po’ di brodo di cottura, e cuocete in forno statico preriscaldato a 190 gradi per 30 minuti, irrorando lo stinco con il brodo di cottura ogni 10 minuti.

  10. A cottura ultimata sfornate, trasferite su un piatto di portata e servite con delle patate al forno.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Senza categoria
Precedente Crostata al limone senza uova Successivo Rigatoni al pesto di fiori di zucca e gamberetti

Lascia un commento