Vellutata di lenticchie

Vellutata di lenticchie, una ricetta leggera e al tempo stesso nutriente ma senza appesantire, ideale per chi preferisce non eccedere a tavola oppure è a dieta. Si tratta di un piatto molto semplice ma anche saporito. Potete arricchire la vellutata con crostini di pane abbrustolito oppure con tarallini all’olio. Potete anche utilizare le lenticchie che preferite, nel mio caso ho usato quelle tipiche di Castelluccio di Norcia, dal sapore unico povere di grassi e dalle grandi qualità nutritive come ferro e potassio. E poi è un tipo di lenticchie che non ha bisogno di essere messa in ammollo prima di cucinarla, cosa molto utile e gradita perchè riduce di molto il nostro tempo da passare ai fornelli!

vellutata di lenticchie
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 350 glenticchie
  • 1cipolla ramata (piccola)
  • 1 costasedano
  • 1carota
  • 1patata (piccola)
  • 2 lacqua
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • 2 cucchiainimaggiorana
  • 1 ciuffoPrezzemolo
  • 1 pizzicoorigano
  • q.b.sale
  • q.b.pepe

Strumenti

  • Frullatore a immersione

Come preparare la vellutata di lenticchie

Innanzitutto partiamo dalle verdure: affettate la carota e il sedano a rondelle, la cipolla a fette molto sottili, sbucciate la patata e riducetela a dadini piuttosto piccoli.
Poi sciacquate con cura le lenticchie: se usate quelle secche dovete metterle a bagno prima di cuocerle almeno la sera prima, se invece utilizzate le lenticchie rosse decorticate o quelle di Castelluccio non c’è bisogno dell’ammollo precottura.
Nel frattempo fate rosolare la carota la cipolla e il sedano in una larga pentola con 4 cucchiai di olio extravergine di oliva e una volta controllate le lenticchie ed eliminato eventuali impurità come sassolini minuscoli o altro, aggiungetele alla pentola insieme alla dadolata di patate.
  1. A questo punto continuate a far rosolare per qualche minuto tutti gli ingredienti a fiamma moderata, regolando con un pizzico di sale e di pepe e mescolando con un cucchiaio di legno, poi unite l’acqua alzate la fiamma e continuate la cottura delle lenticchie per circa mezz’ora, coprendo la pentola con un coperchio accostato.

    Verso metà cottura aggiungete il prezzemolo, la maggiorana e l’origano e assaggiate di sale per eventualmente regolare ancora il sapore della vellutata.

    Quando le lenticchie saranno cotte, parte del liquido di cottura ancora presente mettetelo da parte (servirà nel caso in cui la vellutata risulti troppo densa) e con un frullatore a immersione, frullate il tutto fino ad ottenere una crema liscia e vellutata.

    Al momento di servire, irrorate la vostra vellutata con un giro d’olio evo a crudo e due pizzichi di erbe aromatiche tritate al momento. Servite la vellutata insieme a crostini di pane abbrustolito oppure con tarallini come ho fatto io. Buon appetito!

Conservazione della vellutata di lenticchie

La vellutata di lenticchie potete conservarla per un paio di giorni in frigo, in un contenitore con coperchio ermetico.

Per renderla più cremosa potete aggiungervi anche del formaggio come lo stracchino o la robiola…oppure il vostro preferito!

Per restare aggiornato sulle ultime ricette e novità puoi mettere se ti fa piacere un LIKE alla pagina ufficiale  del blog su FACEBOOK

Puoi continuare a seguire il blog anche tramite Pinterest e Instagram

e ti aspetto anche sul gruppo facebook del blog dove troverai le ricette anche di altri foodblogger!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.