coq au vin alla maniera mia e di Isabel Allende

coq au vin alla maniera mia e di Isabel Allende.

oggi la ricetta che propongo ha un suo perché: coq au vin alla maniera mia e di Isabel Allende è quasi un manifesto di come si dovrebbe cucinare, cioè ispirati e stuzzicati dalle belle letture. in questo caso il libro in questione è quello della Allende “Afrodita” dove sono riunite deliziose ricette e sorprendenti racconti sul cibo, a tema afrodisiaco.

E uno dei piatti che ho sempre desiderato preparare è proprio questo, che però ha delle varianti** rispetto alla ricetta della scrittrice anche se il suo sapore è veramente unico pur nella mia versione. oltretutto è anche una versione decisamente economica il che non guasta!

coq au vin all maniera mia e di Isabel Allende
coq au vin alla maniera mia e di Isabel Allende

Coq au vin alla maniera mia e di Isabel Allende

ingredienti per 4 persone

800 g di pollo ruspante a pezzi (cosce sovracosce e petto)

1 cipollotto o cipolla ramata

1 carota

1 foglia di alloro

50 g di pancetta coppata

1 spicchio d’aglio

1 noce di burro

3 cucchiai di olio evo

farina q.b.

250 ml di brodo vegetale o di carne

1 cucchiaio di miele

1 mazzetto di erbe aromatiche

3 bicchieri di vino rosso*

preparazione

fate soffriggere la pancetta nell’olio insieme allo spicchio d’aglio, alla carota e la cipolla affettate per 5 minuti. unite poi l’alloro e le erbe aromatiche insieme ai pezzi di pollo. fate insaporire e dopo un paio di minuti aggiungete il vino, irrorando per bene la carne. unite poi il miele e il brodo, fate stufare a fuoco basso per almeno 2 ore regolando di sale e di pepe, coprendo con un coperchio e se necessario aggiungendo un mestolo di acqua in cottura. preparate una pastella con la farina e il burro e unitela al pollo delicatamente in modo da ottenere un sughetto abbastanza denso. a cottura ultimata il vostro coq au vin si presenterà morbido e succoso, e molto profumato. servite accompagnando con crostini di pane all’aglio e rosmarino. buon appetito!

*la ricetta originale prevede l’uso di vino rosso della Borgogna , ma potete utilizzare anche il vostro preferito purchè sia fruttato e corposo.

**nella ricetta originale c’è un ingrediente che ho preferito non inserire, i funghi. e un passaggio scenografico come cuocere alla fiamma il pollo in tegame con del cognac per evitare di incendiare la cucina.

 

 

 

Precedente il pranzo della domenica napoletano Successivo fusilli con polpettine di Carnevale