Chiacchiere di Carnevale : storia e ricette

Le chiacchiere di Carnevale : sono il dolce tipico del periodo ecco quindi un po’ della loro storia e le ricette.

Chiacchiere di Carnevale : storia e ricette

le chiacchiere sono un dolce fritto di origini antichissime. risalgono infatti all’epoca romana, e venivano chiamate frictilia. proprio per la loro cottura caratteristica nel grasso di maiale.  lo stesso Apicio nel De re coquinaria descrive la loro preparazione : frittelle composte da uova e farina di farro tagliate a bocconcini,  fritte nello strutto e poi tuffate nel miele .  le frictilia poi venivano offerte da sacerdotesse col capo cinto di edera in occasione dei Liberalia festività in onore di Liber Pater divinità romana protettrice della fecondità. durante questi festeggiamenti i giovani romani da adolescenti diventavano adulti secondo il diritto romano.  con la venuta del Cristianesimo, le numerose feste legate alle divinità romane vennero abolite, ma il loro ricordo resta nel Carnevale, una festa dedicata all’allegria all’eccesso e alla stravaganza.

chiacchiere napoletane - ricetta tradizionale
chiacchiere napoletane – ricetta tradizionale

Cos’ come la tradizione dei frictilia è sopravvissuta fino all’epoca nostra, perché le chiacchiere sono diffusissime in tutta Italia, seppure ogni regione ha una sua ricetta e anche il nome ha subito delle modifiche: cenci in Toscana , bugie in Liguria, galani in Veneto, frappe a Roma…in realtà alla fine si tratta più o meno della stessa ricetta, un impasto di uova e farina arricchito da liquori vari, fritte nell’olio bollente e poi alla fine cosparse di abbondante zucchero a velo.

c’è anche un’altra versione delle chiacchiere che non prevede la frittura ma la cottura in forno. in realtà cotte secondo questo sistema  si perde un po’ della natura del dolce, che vuole essere appunto fritto per Carnevale, senza pensare alla bilancia alla dieta da seguire o al colesterolo!

i dolci fritti del Carnevale come nel caso delle chiacchiere poi hanno questa peculiarità. sono facili da realizzare e con pochi ingredienti, e quindi con poca spesa, se ne produce una grande quantità:  per questo motivo sono così apprezzate oltre che per la loro indiscussa bontà!

questa è la ricetta tradizionale delle chiacchiere napoletane, croccanti al punto giusto e questa invece è la versione a pasta lievitata più morbida e “bollosa”.

una bontà apprezzata anche all’estero, dal momento che anche in Francia  le chiacchiere vengono preparate in occasione del Carnevale e si chiamano merveilles.

 

Precedente le ricette più lette del mese - gennaio 2016 Successivo lasagna ricca con besciamella ragù e funghi