Tovaglie, strofinacci, presine

Tovaglie, strofinacci e presine sono il corredo indispensabile in cucina, vi do alcuni suggerimenti su come sfruttarli al meglio. Se non avete la macchina da cucire invogliate mamme, suocere, zie oppure amiche….disponibili 🙂

10447532_278389335680939_6537707447675436757_nPer cominciare occupiamoci di tovaglie da tavola, quelle che usiamo tutti i giorni. La maggior parte di esse è fornita di tovaglioli che con l’avvento di quelli usa e getta rimangono inutilizzati.

Se volete fate come me:  se sono di stoffa con soggetti floreali o a righe faccio attenzione al momento dell’imbastitura, li unisco e se i tovaglioli sono 6 ne viene una tovaglia piccola, più grande se sono 8 o 12.

Per quanto riguarda gli strofinacci succede che i bordi dopo tanti lavaggi sono consumati, tagliate tutta la stoffa e rifate l’orlo dove necessario. Saranno di dimensioni più piccole ma li sfrutterete ancora in buone condizioni, anche qui vale il detto che l’occhio vuole la sua parte.

Infine le presine tanto utili per prendere pentole e sopratutto le teglie del forno senza scottarsi, appena vi accorgete che sono consumate non buttatele!! Vi serviranno da imbottitura se li rivestite con scampoli di stoffa che avete in casa oppure con i suddetti strofinacci o tovaglioli inutilizzati.

Spero di non avervi annoiato….se volete chiedermi consigli scrivetemi nei commenti, vi risponderò con piacere.

Dimenticavo la stoffa che vedete sopra la macchina da cucire altro non sono che dei tovaglioli appartenenti ad una tovaglia molto più scolorita, che giacevano nel cassetto.

DSCN8085Un’esempio per attaccare tovaglioli e creare una nuova tovaglia è quello di usare uncinetto e cotone, questo lavoro lo ha fatto mia mamma tanti anni fa con tovaglioli Natalizi.

Precedente Patate vastase in padella Successivo Petti di pollo alla cacciatora

Lascia un commento