Ricetta involtini che non t’aspetti

Ricetta involtini, la ricerca(sembra un gioco di parole) su google per tutti i tipi di ingredienti con cui andremo a farcire il nostro secondo piatto a base di carne rossa oppure bianca, e perchè no? Anche di pesce. C’è davvero l’imbarazzo della scelta la cottura degli involtini può avvenire sia in tegame che in forno, stavolta ho voluto incuriosirvi con una ricetta davvero insolita che vi stupirà. La cotenna di suino la trovate al reparto macelleria del supermarket già confezionata e con poco grasso, vi consiglio di bruciacchiarla velocemente sulla fiamma del fornello per eventuali peli rimasti.

Ricetta involtini che non t’aspetti

 


Ingredienti:-

  • Cotenna di suino quanto basta
  • Impasto per polpette, la ricetta la trovi QUI
  • Passata di pomodoro quanto basta
  • Olio extra vergine d’oliva
  • Foglie di alloro
  • Mezza cipolla piccola
  • Sale, pepe e salvia

Preparazione:-

  • Sgrassate la cotenna mettendola a cuocere per 10 minuti in acqua bollente a cui avrete aggiunto poco sale, qualche foglia di alloro e se ne avete qualche chiodo di garofano.
  • Trascorso questo tempo scolatela e appena tiepida farcitela con l’impasto di polpette, lasciate libero di qualche centimetro il bordo della cotenna.
  • Arrotolate gli involtini di cui avrete bisogno e legateli con lo spago da cucina. In un tegame mettete a soffriggere senza dorare la cipolla tritata con l’olio extravergine d’oliva.
  • Aggiungete la passata di pomodoro e mezzo bicchiere di acqua, sale e pepe. Cuocete con la fiamma al minimo per 30 minuti, mescolando di tanto in tanto.
  • Per verificare la cottura degli involtini pungeteli con uno stecchino. Quando si saranno raffreddati togliete lo spago e affettateli con un coltello bene affilato. Scaldate al microonde  le fette prima di servirle e Buon appetito!
  • Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche sulla mia pagina Facebook e se vi va fate clik sul mi piace, iscrivetevi alla newsletter, basta lasciare la vostra e-mail. Grazie!!

Precedente Pasticcini morbidosi e poco dolci Successivo Triglie raguttate con verdure

Lascia un commento