Pesce spada con dadolata di verdure e citronette

Il pesce spada con dadolata di verdure è reso stuzzicante e sfizioso dal condimento con la citronette. Piatto semplice e veloce da preparare ma molto sostanzioso e leggero allo stesso tempo, ottima preparazione per chi è a dieta o per tenersi in forma ma con gusto. Siccome settembre ci regala ancora belle giornate potete portarlo anche alle gite fuori porta, molto comodo se in contenitori monoporzione…Vedrete che anche i bambini saranno invogliati dai colori e sopratutto dai cubetti di cibo da poter mangiare senza l’ausilio del coltello!

Pesce spada con dadolata di verdure e citronette

Ingredienti per 3 persone:-

  • 450 grammi di pesce spada
  • 2 pomodori ramati da insalata
  • 2 cetrioli freschi non troppo grandi
  • 3 carote tenere
  • Qualche foglia di sedano (se piace)
  • Prezzemolo q.b.

Per la citronette:- 1 cucchiaio di succo di limone, 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva, sale e pepe

Procedimento:-

  • Togliete la pelle e l’eventuale spina centrale al pesce spada, lavatelo asciugatelo bene e tagliatelo a cubetti. Scottatelo in una padella antiaderente appena unta di olio con il coperchio per 2 minuti circa e ponetelo in un piatto piano così si raffredderà in meno tempo.
  • Lavate i pomodori, i cetrioli, le carote con acqua e bicarbonato e tagliateli a cubetti, la stessa cosa fate con il sedano e il prezzemolo che taglierete finemente solo al momento di completare il piatto.
  • In una ciotola di adeguate dimensioni riunite le verdure, il pesce, il sedano, il prezzemolo tritato.
  • In una ciotolina dai bordi alti versate il succo di limone e l’olio extra vergine, sale e pepe. Emulsionate bene e versate nella ciotola grande, mescolate la nostra insalata e servitela ai vostri commensali. Buon appetito!
  • Se vi piacciono le mie ricette iscrivetevi alla newsletter vi arriveranno nella vostra casella di posta elettronica, basta scrivere la vostra e-mail. Grazie di avermi seguita e alla prossima!

Precedente Insalata di pasta e ceci alla caprese Successivo Dolce Elena, la sorella simile

Lascia un commento