Fettine di pollo al forno gusto pizza margherita

Le fettine di pollo sono un secondo piatto molto versatile a basso contenuto di colesterolo, la cottura al forno ad alta temperatura non rende la carne stopposa poichè richiede poco tempo. La carne bianca necessita di preparazioni che la rendano appetibile a grandi e piccini, sapeste che profumo si spande per casa! Possiamo definirlo IL PIATTO DELL’ULTIMO MINUTO!! Per i miei familiari sono solita preparare diverse pietanze e questo l’ho preparato in loro presenza, tanto che mio figlio Giuseppe si è stupito che abbia aggiunto la mozzarella da subito, e io gli ho spiegato che la cottura avviene in un battibaleno. L’odore e il sapore dell’origano rendono le nostre fettine di pollo davvero al gusto pizza, è stato mio figlio Sergio a suggerirmi involontariamente, il nome di questa ricetta 😉 vi consiglio di mettere la teglia nella parte bassa del vostro forno, cuocerà molto prima.


Fettine di pollo al forno gusto pizza margherita

Ingredienti per quattro persone:-

  • Quattro fettine di petti di pollo grandi tagliate a metà, quindi 8 mini fettine
  • Una mozzarella del peso di 125 grammi
  • Otto cucchiai di passata di pomodoro
  • Origano quanto basta
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • Sale e pepe
  • Rosmarino fresco per guarnire

Procedimento:-

  • Tagliate le fettine di pollo a metà otterrete quattro mini fette, in una ciotola mescolate la passata di pomodoro con un cucchiaio di olio extravergine di oliva.
  • Poi unite il sale il pepe e l’origano, continuate ad amalgamare bene. Tagliate la mozzarella in otto pezzettini e tenete da parte, rivestite la teglia del forno con carta forno.
  • Spennellateci sopra gli altri 2 cucchiai di olio e sistemate le fette di pollo e distribuiteci un cucchiaio di passata di pomodoro che avete condito in precedenza
  • Infine la mozzarella, cuocete in forno statico a 250 gradi nella parte bassa per 10 minuti, anche meno, dipende dal forno.

Precedente Ciambellone soffice con glassa lucida Successivo Dolci al cioccolato brutti ma buonissimi

Lascia un commento