Dolci poveri con mandorle

Dolci poveri con mandorle (si fà x dire) con quello che costano le mandorle che sono la materia prima. Vi racconto un aneddoto: quando mia mamma era bambina, abitava a Cattolica Eraclea, a motivo del lavoro di suo papà, che faceva il cantoniere all’Anas. Quanti ricordi e quante belle storie mi son sentita raccontare, il Casello che gli avevano assegnato come abitazione, sarebbe la casa cantoniera, era il Fulcro di ogni situazione. I vicini molto più abbienti, con grandi appezzamenti di terreni erano soliti, il periodo della raccolta delle mandorle invitarli ad unirsi a loro. La ricompensa era di portarsi a casa le mandorle che avevano raccolto. Dopo tanta fatica sotto il cocente sole, si prodigavano a toglierne la dura scorza, li tostavano dentro il forno a legna e poi li tritavano. Oggi si trovano ai supermarket pronti all’uso, son solo da scartare! La ricetta si riferisce a un solo tipo di dolci quelli con la glassa bianca, il loro nome in dialetto siciliano è “i cosi dunci di mennula”.

DSCN1720

Ingredienti:

  • 3 etti di mandorle;
  • 50 gr di farina;
  • 60 gr di zucchero;
  • acqua tiepida q.b;
  • mezzo cucchiaino di cannella in polvere.

Per guarnire:

  • mezzo albume d’uovo;
  • palline colorate;
  • 125 gr di zucchero a velo;

Preparazione:

Tostate le mandorle con la buccia, quando sono fredde tritatele col mattarello, con il robot da cucina diverrebbero farina.

Dovranno essere come la granella di nocciole. Unite alle mandorle la farina, zucchero e cannella.

Aggiungete acqua tiepida poco per volta l’impasto deve essere un po’ duro, le dimensioni dei dolci di mandorla sono di 7 cm di diametro.

Mettete la carta forno sulla placca e infornate a 180 gradi per 10 minuti e staccateli solo quando sono freddi.

Intanto con le fruste elettriche montate l’albume insieme a 125 gr di zucchero a velo, spalmatene un po’ sui dolci senza coprirli del tutto e cospargete di palline colorate.

Passateli 1 minuto nel forno caldo ma spento. La glassa non deve colorire ma solo asciugare, e sono pronti da gustare!!!!

Precedente Le camille-dolci con farina di mandorle Successivo I cartocci

Lascia un commento