Consigli di sartoria

Ben ritrovate amiche!!!! Oggi ripartiamo dall’argomento che ho lasciato in sospeso, e cioè non buttate via niente. Se lo spazio ve lo consente basta riporre i vostri capi d’abbigliamento in quelle buste che si aspirano tipo sottovuoto e riducono l’ingombro del 50 %.

Vi faccio un esempio con un mio capo d’abbigliamento che spero possa interessarvi. Prima di procedere con i lavori di ” RESTAURO ” come sono solita chiamarli io, valutiamo che il colore del vestito sia sempre attuale. Da 10 anni avevo un due pezzi blù appeso in armadio, nella fattispecie una gonna a tubino e una canotta.

Dopo un pò di anni che ho smesso di indossare il mio capo d’abbigliamento, sono aumentata di peso. Quando mi sono stancata di fare la prova a ogni inizio di stagione ho deciso:- il mio due pezzi è di una stoffa di ottima qualità, quindi procediamo con il restauro.

Il procedimento per allargare la canotta che mi stava stretta l’ho prima studiato e valutato a casa poi mi sono recata in Merceria. Ho portato con me la canotta e ho comprato un bel nastro blù identico a quello del girocollo e del giromanica. La larghezza del nastro l’ho stabilita dopo aver scucito i lati partendo dal giromanica fino ai fianchi.

Ho comprato del nastro blù largo 4 cm e calcolato la lunghezza,  prima ho imbastito e poi con la macchina da cucire e il filo della stessa nuances ho praticato l’impuntura. Ed è così che il mio capo d’abbigliamento è tornato a nuova vita …..

Consiglio pratico: se il lavoro non lo fate voi chiedete prima alla sarta un preventivo, sappiate che conviene che l’occorrente lo comprate voi, se poi avete poco tempo libero, lasciate che ci pensi la sarta stessa. Io abito a Pordenone se abitate nei dintorni….tenetemi in considerazione…. della gonna parleremo la prossima volta, seguite…..la mia rubrica. Ciao!!!!!DSCN7165

 

Precedente Triglie alla Livornese Successivo Crema al cioccolato per profitterol

Lascia un commento