Zuppa di quinoa lenticchie e ceci

Questa zuppa di quinoa lenticchie e ceci è un toccasana da gustarsi in una fredda e uggiosa giornata invernale. Uno di quei piatti di cui si sente proprio bisogno! Inoltre la presenza della quinoa, ingrediente molto versatile, vi sorprenderà.

 

Seguimi anche su FACEBOOK

Zuppa di quinoa lenticchie e ceci

Zuppa di quinoa lenticchie e ceci

 

Ingredienti 

100 g di lenticchie secche

100 g di ceci secchi o precotti

100 g di quinoa

½ porro

Soffritto di sedano, carote e cipolla

80 g di speck tagliato a cubetti

Peperoncino q.b

6 pomodirini

Sale

Olio extravergine d’oliva

1 litro di brodo vegetale

Rosmarino q.b.

Zuppa di quinoa lenticchie e ceci

Zuppa di quinoa lenticchie e ceci

Procedimento 
Per preparare questa la zuppa di quinoa lenticchie e ceci come prima cosa ,in una pentola ponete l’olio con il soffritto, aggiungete lo speck, il porro tagliato a rondelle,il peperoncino, i pomodorini tagliati a piccoli tocchetti, le lenticchie sciacquate e scolatea, i ceci anche essi ammollati ( o in scatola bel sgocciolati dall’acqua di vegetazione ) e la quinoa, avendo cura di sciacquarla per bene.

Mescolate bene tutto e aggiungete il brodo vegetale.
Lasciate cuocere la zuppa a fiamma bassa per circa 45 minuti.

Se c’è bisogno regolate di sale, e condite con dell’olio a crudo e del rosmarino.

 

 

Proprietà della Quinoa

Originaria del Sudamerica, la quinoa viene normalmente coltivata in Perù, in Bolivia e in Equador. La pianta si caratterizza per una media altezza, spesso anche oltre un metro, e per un’estensione quasi prettamente verticale, con inflorescenze di varie tonalità, dall’ocra al violaceo.

I semi di quinoa sono molto famosi per le loro proprietà nutritive: circa il 60/70% è composto da carboidrati, quindi una sicura fonte di energia, mentre il resto è quasi completamente occupato da proteine. Non mancano, poi, sali e microelementi come manganese, potassio, fosforo, ferro, zinco, vitamine A ed E, a cui si aggiungono pochi grassi insaturi. Fatto non da sottovalutare, l’assoluta assenza di glutine, una vera e propria ancora di salvezza per chi è affetto da celiachia.

Precedente Risotto lenticchie e salame Successivo Asparagi in crosta di speck e Castelmagno