CARTELLATE PUGLIESI

cartellate pugliesi

Le CARTELLATE PUGLIESI sono dolcetti natalizi della tradizione pugliese e, in una certa misura, anche lucana. Hanno una storia antichissima, probabilmente legata agli arabi, ma in età cristiana sono state spesso associate all’aureola o alle fasce nelle quali viene avvolto il Bambin Gesù, nelle abituali immagini natalizie. In tutti i casi è un dolce semplice ma ricco di gusto e croccantezza, perfetto da portare in tavola nelle Feste, quando si desidera la bontà, la bellezza ed anche la tradizione.

Questi dolci sono fatti di ingredienti semplici e richiedono solo un po’ di attenzione e manualità quando li si prepara per la prima volta. Proprio per questo vi indico la ricetta passo a passo, con foto e indicazioni, che potranno rendervi facile ogni cosa e raggiungere senza fatica il risultato. Queste golose spirali di impasto leggerissimo ben fritto diventeranno una vera leccornia grazie al miele e al vincotto, che secondo tradizione doneranno sapori e profumi dei dolci di un tempo.

GUARDA ALTRE RICETTE NATALIZIE REGIONALI:

cartellate pugliesi
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione25 Minuti
  • Tempo di riposo8 Ore 30 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàAutunno, Inverno

Ingredienti

IMPASTO CARTELLATE PUGLIESI

500 g farina 00
200 g vino bianco
100 g olio extravergine d’oliva
1 pizzico sale

FRITTURA E FINITURA

500 ml olio di semi di arachide
250 ml vincotto (o miele)

Strumenti

In questo contenuto sono presenti uno o più link di affiliazione

PER PREPARARE LE CARTELLATE PUGLIESI TI SERVIRA’

1 Sfogliatrice
2 Pentolini
1 Rotella dentata

Passaggi

COME PREPARARE LE CARTELLATE PUGLIESI

Per preparare le CARTELLATE PUGLIESI come prima cosa ponete il vino in un pentolino e fatelo intiepidire sul fuoco.

Disponete la farina setacciata su un piano di lavoro, in una ciotola o nell’impastatrice. Praticate il buco al centro e versatevi il vino tiepido, l’olio d’oliva e un pizzico di sale.

Iniziate ad amalgamare tutti gli ingredienti con una forchetta e continuate ad impastare con le mani per 10 minuti, o fino a che non otterrete un impasto omogeneo, liscio, non troppo duro e non troppo morbido.

Qualora risultasse troppo duro aggiungete dell’altro vino, viceversa altra farina.

Fate riposare il panetto per 30 minuti sotto un canovaccio.

Quindi staccate dei pezzi e aiutandovi con la sfogliatrice per la pasta ricavate delle strisce (n° 3 della sfogliatrice.

Ritagliate le strisce con una rotella ad ottenere delle losanghe lunghe 25 cm e larghe 3.

Con le dita pizzicate la pasta e sigillatela.

Arrotolate le strisce su se stesse formando delle rose, e pizzicale la girandola in alcuni punti per evitare che si aprano durante la frittura. Fate molta attenzione in questa fase perché è facile che l’impasto si attacchi facendo perdere la caratteristica forma.

Man mano che formate le vostre cartellate ponetele su una spianatoia, coperte con un canovaccio asciutto e pulito, e fatele asciugare per 8 ore.

Ponete abbondante olio di semi in un tegame dai bordi alti e non appena avrà raggiunto la temperatura di 170°, fate la prova stuzzicadenti che una volta inserito nell’olio deve sfrigolare, e friggete le cartellate pugliesi poche alla volta e 1 minuto per lato, fino a doratura.

Scolatele e fatele asciugare su carta assorbente.

Ponete il vincotto in un pentolino e scaldatelo leggermente. Immergetevi le cartellate, poche per volta, lasciatele impregnare da tutti i lati e adagiatele su un piatto da portata. Se utilizzate il miele il procedimento è lo stesso.

Lasciatele riposare qualche minuto e gustatevi le cartellate pugliesi.

VARIANTE AL FORNO

Per una versione più leggera potete cuocere le cartellate pugliesi in forno a 180° per 20 minuti. Una volta sfornate, potete condirle con il classico abbinamento di vincotto oppure immergerle in 200 ml di miele sciolto a bagnomaria o semplicemente cosparse di zucchero a velo.

Seguimi sui social

FACEBOOK   INSTAGRAM   YOUTUBE

4,3 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.