Quinoa risottata a modo MIO

La Quinoa risottata l’ho mangiata per la prima volta la scorsa estate, in un ristorante peruviano a New York. Me ne sono subito innamorato perché oltre che ad essere buona è anche molto versatile, la si può preparare infatti sia salata che dolce. E così non appena fatto rientro a casa, mi sono messo alla ricerca spasmodica di questi semi. Ora qualche cenno, per farla conoscere a chi ancora non ne ha avuta la fortuna.

 

20150219_202656

 

Ingredienti per 2:

160 g di Quinoa rossa

1 scalogno

1 porro di media dimensione

1 lt di brodo vegetale (1 carota, 1 sedano, 1 cipolla)

2 formaggini Mio

30 g di burro

Olio EVO q.b.

 

Procedimento:

Come prima cosa dedicatevi alla preparazione del brodo. Mondate e lavate la carota e il sedano, quindi pelate entrambi.Tagliate le estremità della cipolla e rimuovetene la prima sfoglia. Ponete tutto in una pentola con l’acqua e un poco di sale grosso e lasciate cuocere. Nel frattempo dedicatevi alla preparazione del fondo di cottura della quinoa, pulendo il porro, privandolo della parte esterna, e lo scalogno. Quindi tritate quest’ultimo finemente ed il porro a rondelle.
20150219_194900

In una Casseruola dal fondo alto mettete un filo d’olio e la noce di burro. Quindi fatevi soffriggere il porro (lasciandone da parte circa un quarto, che vi servirà da decorazione) e lo scalogno per qualche minuto.

20150219_195221

Intanto sciacquate la quinoa per bene, e mettetela nella casseruola, facendola tostare per 1 minuto come se preparaste il risotto.

20150219_195425

Sfumate con il brodo, aggiungendo un mestolo per volta, fino a portarla a cottura, all’incirca in 20 minuti. Nel mentre che la quinoa cuoce, fate friggere in una padella con abbondante olio caldo il restante porro, tagliato a rondelle, fino a renderlo croccante, facendo attenzione a non bruciarlo (operazione delicata, visto che il porro è ricco di zuccheri e quindi tende a caramellarsi). Ponetelo quindi ad asciugare su carta assorbente.

20150219_202133

Quando la quinoa sarà cotta, spegnete il fuoco e mantecatela con i formaggini Mio al Parmigiano Reggiano.

Impiattate decorando con il porro croccante e buon appetito.

Precedente Baccalà in insalata Successivo Confettura di fragole