Crea sito

Pesche dolci

pesche dolci


Le PESCHE DOLCI sono una specialità soprattutto toscana e più precisamente della città di Prato, ma si preparano anche in altre regioni. Questa mia versione, infatti, che si discosta dalla tradizione toscana, si prepara in Emilia Romagna.
Questi deliziosi dolcetti fanno la propria comparsa nelle vetrine del centro della città toscana verso la seconda metà dell’Ottocento, grazie all’abilità dei fornai pratesi che li preparavano inizialmente con un impasto di pane raffermo, al quale davano la forma di una pesca spaccata, farcita di crema pasticcera, imbevuta di sciroppo rosso e vellutata con lo zucchero semolato.
Negli anni, grazie a più raffinati pasticceri, le Pesche dolci di Prato si sono evolute dalla ricetta iniziale diventando più morbide e ricche, passando da prodotto da forno a raffinata e golosissima pasticceria.

pesche dolci
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo2 Ore
  • Tempo di cottura25 Minuti
  • Porzioni20 pesche circa
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

IMPASTO

  • 500 gfarina 00
  • 100 gburro
  • 150 gzucchero
  • 2uova (medie)
  • 3 cucchiailatte
  • 1 bustinalievito in polvere per dolci
  • scorza di limone

CREMA PASTICCERA

  • 500 mllatte
  • 4tuorli (medi)
  • 200 gzucchero
  • 50 gfarina 00
  • scorza di limone

FINITURA

  • q.b.alchermes
  • q.b.zucchero

Preparazione

  1. La realizzazione di queste squisite PESCHE DOLCI è davvero molto semplice e alla portata di tutti.

    IMPASTO

    Su di una spianatoia o in una grossa ciotola ponete la farina, lo zucchero, il lievito, il burro morbido, le uova, la scorza di limone, il latte e lavorate il tutto.

    Una volta, amalgamati gli ingredienti e ottenuto un panetto morbido ma compatto, stendete la pasta, senza farla riposare, con il mattarello ad un altezza di mezzo cm. In alternativa staccate dei pezzi di impasto della grandezza di una noce e arrotolateli tra le mani.

    A questo punto, con un coppa pasta del diametro di 4 cm o un bicchiere, ricavate tanti cerchi. Disponeteli ben distanziati su una teglia rivestita di carta forno.

    Infornate a forno caldo a 180° per circa 15 -18 minuti al massimo. La cosa importante è che non colorino e induriscano troppo altrimenti faranno fatica ad impregnarsi di alchermes.

  2. CREMA PASTICCERA

    In una pentola d’acciaio dal fondo spesso e dai bordi alti ponete il latte con le scorze di limone e portate quasi a bollore.

    In una ciotola lavorate le uova con lo zucchero finché l’impasto non diviene soffice.

    Aggiungete la farina setacciata e amalgamatela per bene. Mi raccomando non ci devono essere grumi.

    Non appena il latte raggiunge il bollore, togliete le scorze di limone, versatelo a filo e poco per volta nel composto di uova, mescolando velocemente con una frusta a mano in modo da stemperare il tutto. Rimettete il tutto sul fuoco a girate sempre finché la crema non si addensa.

  3. Una volta finita la cottura trasferitela in una ciotola e lasciate raffreddare a temperatura ambiente.

    ASSEMBLAGGIO PESCHE DOLCI

    Una volta sfornati i biscottini, con molta delicatezza quando sono ancora caldi, muniti di un coltellino, scavate l’incavo dei biscotti (che conterrà poi la crema) facendo molta attenzione a non romperli.

    A questo punto preparate un piatto con dentro l’alcherms e un piatto con dello zucchero semolato per la finitura delle pesche dolci.

  4. Accoppiate i biscottini, che avrete farcito da ambedue i lati con la crema e bagnateli nell’alcherms, lasciandoli impregnare per bene, e passati nello zucchero semolato. Conservate le pesche dolci in frigo fino al momento di mangiarle.

    VARIANTE

    Potete fare le pesche dolci anche con una crema al cioccolato. Basterà sciogliere 100 g di cioccolato fondente e amalgamarlo con metà della crema pasticcera.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.