Carpione di alici

Il carpione di alici, è un piatto molto saporito e versatile, infatti si può mangiare freddo o tiepido. Si può usare come antipasto o come secondo.

Il carpione è una questione di riti e di passaggi, non c’è niente di difficile, bisogna solo pazienti, non avere fretta, cucinare ogni elemento separatamente e poi irrorare le pietanze con il carpione, lasciare marinare per almeno un giorno e poi mangiare, gustando ogni forchettata.

Il carpione è un metodo di conservazione degli alimenti cotti in una bagna composta da cipolla soffritta, aceto, vino, acqua e pepe, portata a bollore.
Inizialmente utilizzata per il pesce Carpione, da cui il nome, viene poi applicata a vari tipi di alimenti fritti. Si può conservare fino a una settimana dalla preparazione.

 

Seguimi anche su FACEBOOK

carpione di alici

Carpione di alici

Ingredienti

500 g di alici fresche

1 spicchio d’aglio

1 grossa cipolla rossa

1 bicchiere di aceto di vino bianco

1 bicchiere di vino bianco secco

1 bicchiere di acqua

2 uova

Pangrattato

Farina q.b.

Salvia

Sale, pepe q.b.

 

Per friggere

Olio di arachidi o girasole

 

 

Procedimento

Per iniziare, pulite accuratamente le alici. Privatele della testa e delle interiora, quindi apritele a libro e togliete la lisca centrale.

Una volta effettuata questa operazione, lavatele per bene sotto l’acqua corrente in modo da togliere eventualmente ogni residuo rimasto.

Asciugatele con carta da cucina, e in seguito passatele prima nella farina, poi nell’uovo e in ultimo nel pangrattato.

Dopo aver eseguito questa operazione con tutte le acciughe, prendete una padella e versatevi abbondante olio.

Quando sarà abbastanza caldo, friggetele, facendole dorare per bene da ambedue i lati.
Un’accortezza da tenere presente riguarda la frittura, infatti la fiamma dovrà essere alta nel momento in cui immergiamo le acciughe, questo metodo viene usato per evitare che assorbano molto olio; nel momento in cui le cuciniamo la fiamma dovrà essere abbassata per evitare che si brucino.

Una volta fritte, salatele e sistematele su un piatto da portata.
In questo caso le acciughe vanno tenute in caldo.

Nel frattempo, mettete a bollire in una casseruola 1 bicchiere di vino bianco secco, 1 bicchiere di aceto e 1 bicchiere di acqua.

Aggiungete qualche foglia di salvia per dare un profumo più aromatico, 1 spicchio d’aglio preferibilmente schiacciato, la cipolla tagliata a rondelle, un pizzico di sale e per finire qualche granello di pepe nero.

Fate cuocere il tutto per una decina di minuti.

Successivamente riprendete le acciughe, ponetele in un contenitore a chiusura ermetica dai bordi alti, e irroratele con la marinatura.

Lasciate raffreddare il carpione di alici a temperatura ambiente e non appena fredde ponetele in frigo. Le alici in carpione devono stare in macerazione almeno per un giorno. Infatti più stanno più saranno buone.

 

Precedente Tiramisù classico Successivo Cotolette di pasta avanzata